Maggio 2008: presentazione del nuovo Centro Didattico Naturalistico di Basovizza (TS)

Nel 2006 la Regione ha deciso di ristrutturare il Centro Didattico Naturalistico, realizzato sul Carso Triestino presso l’ex Vivaio forestale di Basovizza.  Il nuovo Centro è stato inaugurato il 31 maggio 2008.

Proponiamo la presentazione che illustra la storia, le caratteristiche e le funzioni della struttura.

Attualmente il sistema a raggi infrarossi del sentiero Ressel non è funzionante, i non vedenti possono visitare il sentiero accompagnati dal personale del Centro e usufruire dei supporti tattili presenti lungo il percorso.

Ritorna all'indice

Fototrappolaggio di cuccioli di volpe realizzato dal Centro didattico naturalistico di Basovizza

Il Friuli Venezia Giulia è una terra unica e ricca di ambienti naturali di grande bellezza. Uno scrigno di “biodiversità” che richiede una costante attenzione nella gestione, conservazione e tutela ad opera del  Corpo forestale regionale. Di grande interesse è il monitoraggio della fauna selvatica. Attraverso censimenti, osservazioni dirette, ricerca e raccolta di segni di presenza, viene studiata la presenza dei “grandi carnivori”, come orso, lupo, lince e sciacallo dorato, ma anche di molte altre specie animali dall’importante ruolo ecologico. Spesso il monitoraggio viene realizzato con l’ausilio di fototrappole, che consentono l’acquisizione di materiale video/fotografico di interesse scientifico e divulgativo.
Nel video, i cuccioli di volpe alle loro prime giocose esperienze con un mondo tutto da scoprire, vogliono essere un invito ad amare e rispettare questo patrimonio naturale che, tutti assieme,  abbiamo l’onore di custodire.
 

Ritorna all'indice

Fototrappolaggio notturno di una tana di tasso realizzato dal Centro didattico naturalistico di Basovizza

Il Tasso è un animale dalle abitudini notturne appartenente alla famiglia dei mustelidi.
Presente in densità non elevate nei boschi del Carso, vive in tane scavate nel terreno in gruppi famigliari. Vaga nella notte per chilometri, alla ricerca di invertebrati, frutta, radici e semi di cui si nutre.
Le riprese video proposte sono state realizzate con l’utilizzo di fototrappole nella Riserva naturale regionale della Val Rosandra dal Corpo forestale regionale.

Ritorna all'indice