la Regione dalla A alla Z Chiudi

l'isola del lavoro

Isola del lavoro

Il test di selezione

Spesso le aziende di maggiori dimensioni - o le società specializzate che effettuano la selezione del personale per conto di queste - nell'occasione del colloquio di lavoro - o anche prima di arrivare alla rosa dei candidati che sosterranno colloqui individuali - somministrano ai candidati dei test da compilare per iscritto, che costituiscono una base oggettiva e semplice per comparare delle candidature e fare una prima scrematura. Ve ne sono di diverso tipo.

  • test di personalità: analizzano le caratteristiche emotive, motivazionali e caratteriali del candidato. Tramite questi test si possono, ad esempio, valutare le capacità relazionali del candidato oppure le sue capacità decisionali o ancora la sua attitudine a guidare le proprie emozioni
  • test attitudinali: mirano a verificare le attitudini intellettuali (creatività, logica, sistematicità, ecc.) e le attitudini pratico/operative (velocità, destrezza, precisione, ecc.)
  • test logici: verificano specificatamente le capacità logiche e il quoziente intellettivo del candidato
  • test linguistici: verificano nel dettaglio le conoscenze linguistiche.

Molto raramente, e per posizioni di particolare delicatezza, si fa ricorso all' Assessment Center: metodologia che mette il candidato, assieme ad altri, a vivere una situazione simulata stressante (ad esempio assunzione di decisioni, compito da svolgere in gruppo…) ai fini di verificarne sul campo la reattività e le competenze personali e sociali richieste dallo svolgimento della mansione. Rammenta, comunque, che la somministrazione dei test - anche al di fuori dell' Assessment Center - avviene per lo più nel quadro di una selezione di gruppo, in cui verrai valutato anche rispetto alle tue capacità e attitudini nelle relazioni con gli altri. 

Alcuni consigli su come affrontare i test

  • Stai attento alle istruzioni: quando viene presentato il test è fondamentale capire cosa viene detto. Se qualche spiegazione sfugge non bisogna avere timore di chiedere chiarimenti. Una volta che sarà iniziata la prova non sarà più possibile fare delle domande
  • Non preoccuparti del tempo a disposizione: è volutamente ristretto. I minuti lasciati a disposizione sono sempre meno di quelli che servirebbero per concludere ottimamente le prove
  • Concentrati: quando viene dato il via bisogna pensare solo al proprio test, senza lasciarsi distrarre da quanto stanno facendo gli altri
  • Se non sai una risposta, passa subito a quella successiva. Non perdere tempo, eventualmente si tornerà alla risposta non data dopo aver risposto a tutte le altre
  • Non fissarti: uno degli obiettivi dei test è quello di valutare la flessibilità dei candidati. Bisogna essere quindi elastici e variare sistematicamente le ipotesi interpretative
  • Non barare: quando dobbiamo rispondere a test di autovalutazione dobbiamo essere sinceri. Ogni bugia verrà scoperta!


ultimo aggiornamento: Wednesday 23 May 2012