Procedura di valutazione ambientale strategica (VAS) del PSR 2014-2020


Con deliberazione di Giunta regionale del 4 luglio 2014, n. 1243 sono stati approvati in via preliminare, la proposta di Programma di Sviluppo rurale 2014-2020, il Rapporto ambientale e la Sintesi non tecnica.

Vai alla pagina dedicata al processo di VAS applicato al PSR 2014-2020.   


La proposta di Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 inviata alla Commissione UE

A seguito delle integrazioni tecniche e su autorizzazione delle Giunta Regionale (Deliberazione n. 1337 del 18 luglio 2014), il giorno 21 luglio 2014 è stata inviata alla Commissione Europea la proposta di Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020. La Commissione Europea formula osservazioni sulla proposta entro 3 mesi dall’inoltro, mentre l’approvazione avviene entro i 3 mesi successivi.
Scarica il testo di proposta
 

Incontro con il partenariato del 9 luglio 2014

A valle dell'approvazione da parte della Giunta regionale, mercoledì 9 luglio l'Autorità di gestione ha presentato il PSR 2014-2020 al partenariarato.
Questi i documenti illustrati nel corso dell'incontro:


Avvio della consultazione del partenariato


Da diverso tempo, l'Europa si sta esercitando a disegnare il proprio futuro con un orizzonte temporale che arriva al 2020. Tre sono le priorità fondamentali che formeranno i capisaldi del prossimo sviluppo Europeo: una Europa intelligente, una Europa sostenibile, una Europa inclusiva. Ogni politica europea, compresi i fondi strutturali (FESR - Fondo europeo di sviluppo regionale, FSE - Fondo sociale europeo, FC - Fondo di coesione, FEASR - Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale, FEAMP - Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca) dovrà operare in maniera integrata per raggiungere gli obiettivi al 2020.
Avviatosi alla chiusura l'attuale periodo di programmazione 2007-2013, anche lo sviluppo futuro dell’agricoltura, dell’agroindustria, delle foreste e delle aree rurali è entrato nel vivo del dibattito europeo, considerato che tra gli atti in discussione ed approvazione nei  prossimi mesi ci sono i Regolamenti che accompagneranno lo sviluppo dell'agricoltura europea fino al 2020.
In questo contesto, la Regione Friuli Venezia Giulia è chiamata a disegnare la propria strategia di sviluppo rurale, il PSR 2014-2020. La preparazione della nuova programmazione si avvale dei risultati in fase di conseguimento con l'attuale PSR 2007-2013 e dei primi risultati di analisi di contesto, avviata nel giugno del 2013.

Il PSR 2014-2020 dovrà infatti calare nella realtà regionale i nuovi obiettivi dello Sviluppo Rurale, uno dei due pilastri della nuova PAC (Politica agricola comunitaria) i cui regolamenti sono ad oggi in fase di approvazione da parte dell’Unione Europea, dopo una lunga trattativa tra Commissione, Parlamento e Stati Membri, non ancora del tutto conclusa. Una strategia che dovrà far convivere sostenibilità e produttività, tutela dell'ambiente naturale e imprenditorialità agricola, valori della ruralità ed esigenze di innovazione.

Il primo incontro di partenariato si tiene il  30 settembre (scarica invito) e verrà presieduto dal vicepresidente della Giunta Regionale e Assessore alle attività produttive, Sergio Bolzonello; vi parteciperanno le autorità regionali, locali, le altre autorità pubblichecompetenti, le parti economiche e sociali, gli organismi che rappresentano la società civile.
L'elenco dei componenti il tavolo è stato individuato dall’Autorità di Gestione del PSR 2007-13, previo accordo della Giunta Regionale del Friuli Venezia Giulia (scarica il decreto 1308). L'incontro è il primo di un articolato percorso che si svilupperà nelle settimane successive in una serie di tavoli tematici dove verranno approfonditi i contenuti della strategia del futuro PSR.

Nell'incontro di lunedì verrà analizzato – con la collaborazione dell'Istituto Nazionale di Economia Agraria – il contesto, a livello comunitario e nazionale, dei fondi strutturali nel periodo 2014-2020 ed il percorso di programmazione strategica già intrapreso in Friuli Venezia Giulia.

Nella sezione sottostante si possono consultare alcuni documenti utili per la discussione collegiale.