Per permettere ai giovani tra i 15 e i 25 anni di conseguire una qualifica o un diploma professionale, mediante un’esperienza lavorativa.

Descrizione e durata

L'apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all'occupazione dei giovani.

L’apprendistato per la qualifica e il diploma professionale è rivolto ai giovani da 15 anni compiuti e fino al compimento del venticinquesimo anno di età, attivabile in tutti i settori di attività.

Ai giovani assunti con questa tipologia di contratto di apprendistato è offerta la possibilità di conseguire un attestato regionale di qualifica professionale o un diploma professionale corrispondenti al Livello 3 e 4 EQF.

La durata del contratto, non può essere inferiore a sei mesi ed è determinata in considerazione della qualifica o del diploma da conseguire e non può in ogni caso essere superiore a tre anni (o a quattro anni nel caso di diploma professionale quadriennale).
 

Ritorna all'indice

Articolazione della formazione

L'apprendistato è strutturato in modo da coniugare la formazione effettuata in azienda con l'istruzione e la formazione professionale svolta dalle istituzioni formative che operano nell'ambito dei sistemi regionali di istruzione e formazione

Il datore di lavoro che intende stipulare un contratto di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale sottoscrive un protocollo con l'istituzione formativa a cui lo studente è iscritto, che stabilisce la durata e le modalità, anche temporali, della formazione a carico del datore di lavoro, secondo lo schema definito dal Decreto interministeriale 12 ottobre 2015 (Allegato 1).

L'organizzazione didattica dei percorsi di formazione in apprendistato si articola in periodi di formazione interna ed esterna.
Le attività di formazione interna ed esterna si integrano ai fini del raggiungimento dei risultati di apprendimento dei percorsi ordinamentali.
La durata complessiva del percorso è costituita dalla somma dei periodi di formazione interna ed esterna previsti dai relativi ordinamenti.

L'apprendistato per la qualifica e il diploma professionale integra organicamente, in un sistema duale, formazione e lavoro, con riferimento ai titoli di istruzione e formazione e alle qualificazioni professionali contenuti nel Repertorio nazionale di Istruzione e Formazione Professionale.
Pertanto ai fini dell’assunzione di un apprendista si deve tener conto:
- del quadro delle figure nazionali e dei profili regionali di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) (la qualifica di avviamento per la quale si intende procedere con l’assunzione deve essere riferita ad una delle figure nazionali previste per i percorsi di IeFP, diversamente non si può assumere con questa tipologia di apprendistato);
- della disponibilità dell’offerta formativa di IeFP finanziata dalla Regione ed erogata con cadenza annuale dall’Associazione Temporanea di Scopo Effe.Pi. attraverso uno dei suoi 12 enti di formazione professionale accreditati (poiché una quota oraria consistente della formazione dell’apprendista viene svolta presso un centro di formazione professionale, occorre verificare preventivamente all’assunzione la disponibilità territoriale del corrispondente percorso di IeFP).
 

Le Linee guida regionali stabiliscono, in sede di prima applicazione, il collegamento tra i percorsi formativi per gli apprendisti e la sperimentazione nazionale finalizzata a implementare nel nostro Paese un sistema di formazione duale. Poiché le modalità attuative del sistema regionale di formazione duale prevedono che l’apprendistato sia inserito nell’articolazione modulare dei percorsi di IeFP a partire dalla terza annualità, la frequenza del potenziale allievo apprendista del percorso formativo è subordinata al possesso delle competenze necessarie per l’ammissione ad una terza o quarta annualità di un percorso di IeFP.

Prima di procedere all’assunzione di un apprendista contattare l’Associazione Temporanea di Scopo Effe.Pi

 

Ritorna all'indice

I percorsi formativi di IeFP

I percorsi formativi di IeFP per apprendisti sono avviati con cadenza annuale dall’Associazione Temporanea di Scopo Effe.Pi a partire dal 15 settembre ed entro il 31 dicembre e si realizzano sulla base di quanto previsto:
- dal protocollo sottoscritto dall’istituzione formativa e dal datore di lavoro (schema all’Allegato 1 del Decreto Interministeriale 12 ottobre 2015);
- dal Piano formativo individuale (Allegato 1a del Decreto Interministeriale).

La durata e la distribuzione delle ore di formazione all’interno del monte ore contrattuale di un apprendista per la qualifica e il diploma professionale che frequenti il terzo e quarto anno di un percorso di IeFP è la seguente:
 

Formazione formale esterna all’impresa: 528 ore presso un Centro di Formazione professionale (moduli teorico/pratici in aula o laboratorio)

Formazione formale interna all’impresa: 528 ore presso l'impresa in apprendistato

Durata totale  della formazione: 1056 ore

Al monte ore vanno sommate le ore di lavoro che l’apprendista dovrà svolgere in impresa per raggiungere il monte ore contrattuale previsto dal contratto con cui è stato assunto.
 

Ritorna all'indice

Piano formativo individuale

Il Piano formativo individuale definisce, sulla base della qualificazione da conseguire, la durata effettiva del contratto di apprendistato, la durata della formazione interna ed esterna e l’orario di lavoro nonché i criteri e modalità di valutazione delle conoscenze acquisite.

Il Piano formativo individuale, è redatto dall'istituzione formativa con il coinvolgimento del datore di lavoro secondo il modello previsto all'allegato 1a del Decreto interministeriale 12 ottobre 2015, e stabilisce il contenuto e la durata della formazione dei percorsi e contiene, altresì, i seguenti elementi:
a) i dati relativi all'apprendista, al datore di lavoro, al tutor formativo e al tutor aziendale;
b) ove previsto, la qualificazione da acquisire al termine del percorso;
c) il livello di inquadramento contrattuale dell'apprendista;
d) la durata del contratto di apprendistato e l'orario di lavoro;
e) i risultati di apprendimento, in termini di competenze della formazione interna ed esterna, i criteri e le modalità della valutazione iniziale, intermedia e finale degli apprendimenti e, ove previsto, dei comportamenti, nonché le eventuali misure di riallineamento, sostegno e recupero, anche nei casi di sospensione del giudizio.

 

Ritorna all'indice

A chi rivolgersi

Ai fini dell’assunzione di un apprendista l’impresa contatta in tempo utile l'Associazione Temporanea di Scopo Effe.Pi allo scopo di:
a. verificare la corrispondenza dell’eventuale qualifica di avviamento con il quadro di figure professionali nazionali e dei relativi profili regionali;
b. verificare la disponibilità dell’offerta formativa di una determinata figura professionale;
c. comunicare i nominativi degli apprendisti da assumere per la predisposizione dei piani formativi individuali secondo le modalità previste dalla contrattazione collettiva.
 

Ritorna all'indice