Il Repertorio delle qualificazioni regionali è uno strumento di certificazione delle competenze professionali acquisite e di progettazione delle attività formative.

Il Repertorio delle qualificazioni regionali

Il  Repertorio delle qualificazioni regionali è uno strumento utile sia per la certificazione delle competenze acquisite in qualsiasi ambito (formale, non formale o informale), sia per la progettazione delle attività formative.

Il Repertorio è costituito:

  • dall'insieme dei diversi Repertori di settore economico-professionali i quali definiscono le competenze necessarie per esercitare uno o più compiti professionali riferiti ad uno o più processi di lavoro. La presente versione del Repertorio interessa l'insieme di 19 Repertori di settore economico-professionali (SEP);
  • dal Repertorio dei profili professionali che declina i profili professionali regionali a partire dalle competenze descritte nei diversi Repertori di settore.

Ritorna all'indice

Repertori di settore economico-professionali (SEP):

Ritorna all'indice

Creazione, manutenzione e aggiornamento del Repertorio

Il Repertorio delle qualificazioni regionali è stato predisposto in funzione della necessità di istituire un sistema regionale di certificazione delle competenze acquisite in qualsiasi ambito (formale, non formale o informale) alla luce delle novità introdotte:

  • dal Decreto legislativo 16 gennaio 2013, n. 13 il quale, al fine di garantire la mobilità della persona e favorire l'incontro tra domanda e offerta nel mercato del lavoro, la trasparenza degli apprendimenti e dei fabbisogni, nonché la spendibilità delle certificazioni anche in ambito europeo, istituisce il repertorio nazionale dei titoli di istruzione e formazione e delle qualificazioni nazionali costituito anche dall'insieme dei repertori regionali purché rispettino determinati standard minimi;
  • dal Decreto del Ministero del lavoro di concerto con il Ministero dell’istruzione del 30 giugno 2015 il quale definisce il quadro operativo unitario per la correlazione e la standardizzazione di tutti i repertori regionali, nonché per l'individuazione, validazione e certificazione delle competenze in essi contenute anche in termini di crediti formativi in chiave europea. In particolare, stabilisce un quadro di criteri formali e linguistici omogenei per la costruzione dei repertori regionali.

Nella predisposizione del Repertorio delle qualificazioni regionali si è tenuto conto delle risultanze del lavoro, tuttora in corso, del gruppo tecnico MLS-ISFOL-Tecnostruttura-Regioni che opera per l'attuazione del "Piano di lavoro per l'implementazione del Repertorio nazionale dei Titoli di istruzione e formazione e delle Qualificazioni professionali - art. 8 del decreto legislativo n. 13/2013 - verso l'attuazione del Sistema nazionale di certificazione delle competenze" approvato in data 10 luglio 2013 in IX Commissione - Istruzione, Formazione e Lavoro – della Conferenza delle Regioni.

Il Repertorio mantiene un carattere aperto e viene periodicamente aggiornato in relazione all’evoluzione del mercato del lavoro regionale ed ai processi di manutenzione del Quadro di riferimento nazionale delle qualificazioni regionali di cui all'Intesa del 22 gennaio 2015 e del Repertorio nazionale di cui al decreto legislativo n. 13/2013. A tal proposito si sottolinea che la presente versione del Repertorio non si configura come esaustiva rispetto ai settori economici professionali interessati ed ai processi di lavoro propri di ciascun settore, rappresentando tuttavia una base di partenza di immediato utilizzo sia per l’attivazione di un sistema regionale di certificazione delle competenze, sia per la progettazione delle attività formative.

Ritorna all'indice