Finanziamento di progetti di rilevanza regionale in attuazione dell'Accordo di Programma 2021 tra Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e Regione FVG.

Contesto

Gli articoli 72 e 73 del D.Lgs. 117/2017 e sue modifiche e integrazioni (Codice del Terzo Settore) hanno introdotto lo strumento di finanziamento del Fondo per sostenere, anche attraverso le reti associative di cui all’articolo 41 del Codice, lo svolgimento di attività di interesse generale di cui all’articolo 5 del Codice stesso, costituenti oggetto di iniziative e progetti promossi da Organizzazioni Di Volontariato (ODV), Associazioni di Promozione Sociale (APS) e fondazioni del Terzo Settore, iscritte al Registro Unico Nazionale del Terzo Settore (RUNTS).

Con Atto di indirizzo del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali emanato con Decreto Ministeriale 9/2021 sono stati individuati gli obiettivi generali, le aree prioritarie di intervento e le linee di attività finanziabili delle risorse destinate al finanziamento di iniziative e progetti di rilevanza locale, per un importo complessivo di 20.000.000,00 di euro, ripartiti tra le Regioni e le Province autonome, entro la cornice di accordi di programma, di cui 671.722,00 euro in favore della Regione Friuli Venezia Giulia.

Ritorna all'indice

Di cosa si tratta

L’Avviso è finalizzato al sostegno di progetti realizzati da ODV e APS, nonché da fondazioni del Terzo Settore che siano finalizzati a fronteggiare le emergenze sociali e assistenziali determinate direttamente o indirettamente dall’epidemia di COVID-19, e fornire risposte ai bisogni sociali e assistenziali, tenuto conto in particolare dei bisogni delle persone fragili.

Ritorna all'indice

Beneficiari

I soggetti beneficiari delle risorse di cui al presente Avviso sono:

- le Organizzazioni Di Volontariato (ODV) e le Associazioni di Promozione Sociale (APS) iscritte nei preesistenti registri normati dalle Leggi 266/1991 e 383/2000;
- le fondazioni iscritte all’anagrafe delle onlus, di cui all’articolo 11 del D.Lgs. 460/1997;
- le ODV, le APS e le fondazioni iscritte ex novo al RUNTS;
- le APS iscritte nel Registro nazionale che hanno sede e svolgono la loro attività sul territorio regionale;
- le reti associative aventi la tipologia di APS, di ODV o di fondazione del Terzo settore.

I progetti devono essere obbligatoriamente realizzati in forma di partenariato costituito da almeno DUE partner oltre che dal capofila che dovranno sottoscrivere e allegare alla domanda di contributo un Accordo Temporaneo di Scopo (ATS), in forma di scrittura privata non autenticata.

I progetti possono prevedere collaborazioni a titolo gratuito con altri soggetti giuridici, pubblici o privati. I collaboratori possono essere enti pubblici (compresi gli enti locali) o privati (ivi compresi i soggetti non appartenenti al Terzo Settore o non iscritti in registri).

Ritorna all'indice

Finanziamento e durata

Le risorse finanziarie, quantificate in 350.000,00 euro, sono specificamente destinate a sostenere le progettualità nel territorio del Friuli Venezia Giulia delle ODV, delle APS e delle fondazioni del Terzo Settore (queste ultime per un importo massimo di 100.000,00 euro).

Il finanziamento, di importo non inferiore a 10.000,00 euro e non superiore a 20.000,00 euro, potrà essere richiesto entro i seguenti limiti:

- fino a un massimo del 90% delle spese ritenute ammissibili nel caso il partenariato ricomprenda solo ODV e/o APS;
- fino a un massimo del 50% qualora il partenariato ricomprenda, in qualunque ruolo, una o più fondazioni del Terzo Settore.

Il progetto deve obbligatoriamente essere cofinanziato per la parte non coperta dal contributo regionale fino alla concorrenza del valore progettuale determinato sulla base della spesa ammissibile.

Non sono ammessi contributi finanziari di alcun tipo, neanche su base spontanea o volontaria, a carico dell’utenza destinataria delle iniziative o dei progetti.

I progetti dovranno avere una durata non inferiore a nove mesi ed essere realizzati nel periodo compreso tra la data di presentazione della domanda e il 30 settembre 2023.

Ciascun ente può presentare una sola domanda di finanziamento al LINK che sarà attivo dalle ore 8:00 di mercoledì  1 giugno 2022 alle ore 16:00 del 31 agosto 2022.

Ritorna all'indice

Obiettivi generali e aree prioritarie di intervento

Budget 150.000,00 euro

Coerentemente con quanto previsto nell’Atto di indirizzo, nell’Accordo di Programma 2021, nelle Linee guida predisposte dalla Direzione generale del Terzo Settore, in linea con gli obiettivi individuati dall’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, i progetti da finanziare dovranno concorrere al raggiungimento dei seguenti obiettivi generali e collocarsi all’interno delle aree prioritarie d’intervento previste:

1. Porre fine a ogni forma di povertà
3. Salute e benessere: assicurare la salute e il benessere per tutti e per tutte le età
10. Ridurre le ineguaglianze


Le progettualità dovranno essere preventivamente definite e concordate con le Direzioni sociosanitarie delle Aziende sanitarie e con le Direzioni sanitarie dell’IRCCS, o con gli Enti gestori dei Servizi Sociali dei Comuni (SSC) competenti per territorio, ovvero dalle altre Pubbliche Amministrazioni competenti per materia, prima della presentazione della domanda di contributo di cui al presente Avviso.

Le stesse rilasceranno un attestato di coerenza in cui risultino gli elementi della valutazione e i motivi di coerenza dell’attività progettuale rispetto alla programmazione.

Ritorna all'indice

Obiettivi specifici di livello locale

Budget  200.000,00 euro

Sono inoltre finanziabili i progetti sviluppati nell’ambito territoriale regionale volti a:

1. Potenziare gli interventi previsti nella co-progettazione “SI FA RETE Supportiamo insieme la fragilità dell’anziano” presso i territori delle Aziende sanitarie nell’a mbito di progettualità sviluppate con le stesse in relazione al fabbisogno locale
2. Sviluppare interventi a supporto della popolazione adolescente e giovani adulti per favorire il benessere mentale e supportare percorsi di assunzione in cura e presa in carico da parte dei servizi di salute mentale e dipendenze adulti (DDSM) e dell’età evolutiva (NPIA e Distretti), anche in co-progettazione
3. Realizzare progettualità integrative all’attività di counseling prevista dall’i niziativa del Centro di Riferimento Regionale (CRR) per la terapia antalgica e le cure palliative in ambito neonatale/pediatrico/adolescenziale con sede presso l’IRCCS Burlo Garofolo di Trieste e nello specifico per la sensibilizzazione delle comunità scolastiche sul tema delle diversità e della malattia inguaribile, attraverso un percorso educativo di informazione e sensibilizzazione presso le scuole superiori regionali (la progettualità richiede il rilascio dell’attestato di coerenza da parte dell’IRCCS Burlo Garofolo di Trieste)
4. Realizzare interventi di supporto alla famiglia con persone con disabilità del neuro-sviluppo per affrontare le complessità emotive, relazionali ed educative in momenti fondamentali della storia e del ciclo di vita familiare e in particolare ad esempio: a) comunicazione della diagnosi e gestione dei primi due anni di vita; b) accesso alla scuola dell’i nfanzia; c) preadolescenza e adolescenza; d) transizione alla vita adulta
5. Realizzare interventi di empowerment a favore della popolazione carceraria e in esecuzione penale, in particolare supportare le attività socio-pedagogiche, rieducative e di risocializzazione negli istituti penitenziari regionali. La progettualità, che dovrà essere sviluppata a seguito di confronto sui bisogni con le Direzioni degli istituti penitenziari, richiede il rilascio dell’a ttestato di coerenza da parte del Provveditorato dell’Amministrazione penitenziaria

Le progettualità, a eccezione di quelle di cui ai punti 3 e 5, dovranno essere preventivamente definite e concordate con le Direzioni sociosanitarie delle Aziende sanitarie e con le Direzioni sanitarie dell’IRCCS prima della presentazione della domanda di contributo.

Le stesse rilasceranno un attestato di coerenza, secondo quanto previsto dal presente Avviso, in cui risultino gli elementi della valutazione e i motivi di coerenza dell’attività progettuale rispetto alla programmazione.

Ritorna all'indice

Modalità di presentazione della domanda

La domanda e i relativi allegati devono essere presentati, a pena di esclusione, unicamente per via telematica e attraverso l’uso esclusivo del sistema IOL (Istanze OnLine), tramite le credenziali SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale), ovvero “LoginFVG” esclusivamente in modalità “Avanzato”, da parte del legale rappresentante dell’ente o da persona munita di delega nella forma del mandato con rappresentanza generale o speciale secondo la disciplina civilistica, con le modalità previste dalle Linee Guida per la presentazione della domanda che sono disponibili nel menu a destra a partire dalle ore 08:00 del 1° GIUGNO 2022 ed entro il termine perentorio delle ore 16:00 del 31 AGOSTO 2022, a pena di inammissibilità.

Alla domanda vanno obbligatoriamente allegati, redatti in conformità agli schemi disponibili nella sezione MODULISTICA (menu a destra):

1. Scheda progetto, redatta in conformità allo schema approvato dalla Regione;
2. Piano finanziario, redatto in conformità allo schema approvato dalla Regione;
3. Accordo Temporaneo di Scopo (ATS);
4. Attestazione di coerenza;
5. Versione sintetica progetto.

A seconda dei casi, potrà essere allegata ulteriore documentazione necessaria o funzionale all’istanza (adesione collaboratori, statuto, bilancio, ecc.).
 

Ritorna all'indice

Modalità di erogazione

L’erogazione del finanziamento avverrà con la seguente modalità:

a. per l’80% in via anticipata all’atto della concessione del finanziamento;
b. per il 20% a saldo, previa presentazione della rendicontazione delle spese sostenute e della relazione dettagliata sull’attività svolta, secondo la modulistica predisposta ed entro il termine previsto.

Per le spese ammissibili, non ammissibili, modalità di rendicontazione e ogni altra previsione fare riferimento al testo dell’ Avviso.

Ritorna all'indice

Informazioni

Per informazioni relative al presente Avviso è necessario riferirsi alla Direzione centrale salute, politiche sociali e disabilità, Servizio politiche per il Terzo Settore, e-mail terzosettore@regione.fvg.it .

Ritorna all'indice