“Borghi in Festival” - Bando per favorire la rinascita e la rigenerazione culturale, turistica ed economico-sociale dei piccoli borghi

  

L’avviso sarà pubblicato entro la metà di novembre. I partecipanti avranno 60 giorni per l'elaborazione dei progetti.

Il Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo lancia Borghi in Festival–Comunità, cultura, impresa per la rigenerazione dei territori, avviso pubblico per il finanziamento - per un importo complessivo di 750.000 euro - di attività culturali, da realizzarsi in forma di festival, al fine di favorire il benessere e migliorare la qualità della vita degli abitanti dei borghi italiani attraverso la promozione della cultura. In particolare, Borghi in Festival punta a promuovere e sostenere la qualità e le eccellenze dei territori, per valorizzarne le risorse culturali, ambientali e turistiche; a creare opportunità per il miglioramento sociale ed economico, anche attraverso l’incubazione di imprese culturali, creative e innovative di comunità; a promuovere e sostenere contenuti innovativi nelle attività di educazione e formazione; a rafforzare l’offerta turistica e culturale dei territori; a sviluppare approcci progettuali integrati pubblico-privato.
Destinatari del bando sono i Comuni con popolazione residente fino a 5.000 abitanti, ovvero fino a 10.000 abitanti che abbiano individuato il centro storico quale zona territoriale omogenea (ZTO), con preferenza per quelli identificabili come aree prioritarie e complesse. L’avviso sarà pubblicato entro la metà di novembre sui siti istituzionali della Direzione Generale Creatività Contemporanea e della Direzione Generale Turismo. I partecipanti avranno 60 giorni per l’e laborazione dei progetti. I festival vincitori potranno essere realizzati da aprile a luglio 2021. 

 

Ritorna all'indice

Open Call

Scadenza: 16 aprile 2021

Attraverso la sua Open Call, Driving the Human invita designer, artisti, scienziati provenienti da qualsiasi parte del mondo, ad unirsi per dare forma ad un futuro sostenibile e collettivo che combini scienza, tecnologia e arte in un approccio transdisciplinare e collaborativo. Con questo invito a presentare proposte, Driving the human vuole ispirare individui ed organizzazioni con background diversi a condividere le loro idee, prospettive e visioni su come progettare un futuro alternativo e di trasformazione.
Le proposte possono collegarsi a temi come il rapporto tra gli esseri umani, la società e il pianeta, l'impatto sociale del cambiamento climatico, i cicli energetici e l’accelerazione tecnologica.
Maggiori dettagli sul progetto sono disponibili qui
 

Ritorna all'indice

Bando EAC/S18/2020 - Azione preparatoria "Sviluppo di politiche dal basso per la cultura e il benessere nell’UE

 

Scadenza 14 maggio 2021, ore 17.00 CEST

Il presente bando mette a disposizione 500.000 euro per finanziare un solo progetto mirato a facilitare lo scambio di conoscenze, esperienze e realizzazioni di successo nell’UE sul ruolo della cultura per il benessere e la salute.
Il progetto dovrà realizzare:
– Task 1: una ricerca documentale che esaminerà le conoscenze acquisite dalla ricerca europea e internazionale sulla relazione tra partecipazione dei cittadini alla cultura, benessere e salute, incluso gli aspetti digitali e l’impatto del Covid-19.
– Task 2: una mappatura dei più rilevanti programmi, iniziative, progetti europei, nazionali, regionali e locali sulla cultura, il benessere e la salute nell’UE.
– Task 3: almeno cinque progetti pilota innovativi su piccola scala, in almeno quattro Paesi UE, su metodi, azioni e misure per rafforzare la cooperazione intersettoriale per migliorare il benessere delle persone e delle comunità attraverso la cultura, con focus sulla salute mentale, ove rilevante.
– Task 4: diffusione dei risultati, compresa una conferenza finale mirata a garantire la condivisione dei risultati dell’azione e ad accrescere la capacità degli attori chiave di beneficiare della cultura come mezzo del favorire il benessere e la salute. 

 

Ritorna all'indice

Open call for applications Creative hubs - ambassadors of change

 

Scadenza 16 maggio 2021, ore 23.59 CET

La call lanciata dal progetto Creative FLIP intende selezionare gli “ambassadors of change” per promuovere buone pratiche/nuove metodologie provenienti dal settore culturale e creativo per far fronte alla pandemia causata dal COVID.
I candidati prescelti saranno invitati a:
- presentare le proprie idee attraverso un evento aperto;
- rendersi disponibili per il periodo di un mese su base settimanale per incontri one-on-one di comunicazione con soggetti dello stesso settore;
- creare uno strumento di ispirazione di loro scelta (un video, un toolkit, una guida, un manuale, ecc) entro la fine del programma.
Le iniziative selezionate saranno presentate durante la conferenza finale di Creative FLIP.

 

Ritorna all'indice

Open call del progetto MediaMotorEurope per startup e scale-up nel settore dei media

 

 

Scadenza 27 maggio 2021

MediaMotorEurope (MME) è un progetto finanziato dal programma di ricerca e innovazione Horizon 2020 dell'Unione Europea e con questa open call intende sostenere start-up e scale-up deeptech nel settore dei media e delle industrie creative.
L’obbiettivo è individuare 20 start-up innovative europee deeptech con soluzioni nel campo dei media per affrontare varie sfide, tra cui: la lotta contro le fake news,
accessibilità e inclusione dei servizi mediatici per le persone con disabilità, un’i nterazione uomo-macchina più avanzata,
una migliore protezione dei dati personali attraverso le nuove tecnologie, la transizione verso un mercato dei media 4.0 basato sui dati.
MME offrirà alle start-up e scale-up selezionate un programma di mentoring intensivo, composto da sessioni e workshop a distanza, della durata di 6 mesi. Il programma si svolgerà tra luglio e dicembre 2021.

 

Ritorna all'indice

Support for ACP audiovisual coproduction

 

Scadenza: 31 maggio 2021

L’intento del bando è quello di promuovere lo sviluppo economico e sociale dei paesi ACP (Africa, Caraibi e Pacifico) attraverso il progressivo affermarsi del settore audiovisivo, motore di democratizzazione e di sviluppo umano in quanto incrementa le entrate del settore creativo, aumenta i posti di lavoro legati a questo settore e migliora l’accesso alla cultura. Gli obiettivi specifici della call sono:
- Migliorare le condizioni per la creazione e la produzione di opere audiovisive nei paesi ACP;
- Migliorare la preparazione degli stakeholder ACP del settore audiovisivo;
- Consentire a queste opere un migliore accesso ai mercati e una maggiore diffusione negli stessi attraverso la co-produzione con l’Europa;
- Aumentare l’accesso ai meccanismi di finanziamento per le produzioni dei paesi ACP.
Il bando si rivolge a fondazioni, associazioni, operatori del settore pubblico/privato, autorità nazionali, regionali o locali e organizzazioni internazionali con una capacità di supporto annuale media di almeno 300.000 EUR negli ultimi 4 anni.
Il contributo comunitario può coprire fino all’80% delle spese ammissibili per un massimo di 2.075.000 euro e non saranno presi in considerazione progetti che richiedano un contributo inferiore a 1.037.500 euro.

Ritorna all'indice

Open call del progetto Better Factory

 

Scadenza: 15 luglio 2021, ore 17.00 CEST 

A partire dal 1° maggio sarà possibile presentare la propria candidatura per la prima Open Call for Full Proposals del progetto Better Factory per la collaborazione tra imprese manifatturiere, artisti e fornitori di tecnologie.
Il bando selezionerà 8 consorzi composti da 3 soggetti ciascuno (un’impresa, un artista e un provider) che parteciperanno a un Knowledge Transfer Program all’interno del quale i consorzi verranno guidati nello sviluppo di nuove linee di produzione e nell’implementazione di soluzioni automatizzate nell’impresa manifatturiera.
Le proposte dovranno minimizzare l’impatto sui costi di produzione e creare valore aggiunto attraverso la riduzione di rifiuti, l’utilizzo di energia e altre risorse, l’ottimizzazione della logistica, l’utilizzo di robot a sostegno dei lavoratori, la pre-pianificazione e la simulazione della produzione.
Gli ambiti prioritari sono plastica e gomma, arredamento e legno, cibo e agricoltura, edilizia metallo e macchinari, tessile e pelletteria. 
Le proposte selezionate potranno ricevere una sovvenzione equity-free fino a 200.000 euro ciascuna. 
 

Ritorna all'indice

ERASMUS +

Erasmus+ è il programma dell'UE per l'istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport in Europa. Grazie a un bilancio di 14,7 miliardi di euro, darà a oltre 4 milioni di europei l'opportunità di studiare, formarsi, acquisire esperienza e fare volontariato all'estero. Il programma Erasmus+ non offre opportunità soltanto agli studenti ma si rivolge ad un vasto spettro di persone e organizzazioni.

Proposte 2020

La Commissione europea ha adottato in data 14 agosto una revisione del programma di lavoro annuale Erasmus+ 2020, stanziando un ulteriore importo di 200 milioni di EUR per rafforzare l'istruzione e la formazione digitale e promuovere lo sviluppo delle competenze e l’inclusione attraverso la creatività e le arti, in risposta al forte impatto che la pandemia da covid19 ha avuto su istruzione e formazione e gioventù. La Commissione europea ha pubblicato il Corrigendum alla Guida al programma Erasmus+ 2020 che comprende gli aggiornamenti sulla introduzione di Partenariati strategici in risposta alla situazione causata dalla pandemia da COVID-19.
Nel documento sono indicati obiettivi e priorità dei nuovi partenariati, criteri di eleggibilità, attività possibili e il termine per la candidatura:
SCADENZA: 29 ottobre, ore 12.00
Partenariati per l’educazione digitale
Progetti che promuovono l’apprendimento digitale, la trasformazione digitale e il supporto alle organizzazioni per fronteggiare le sfide aperte, anche legate alla crisi Covid
Settori coinvolti: SCUOLA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, UNIVERSITA’
Partenariati per la creatività
Progetti in cui la creatività e la cultura, stimolino collegamenti tra i beneficiari e gli ambiti culturali particolarmente colpiti dalla crisi
Settori coinvolti: SCUOLA, EDUCAZIONE DEGLI ADULTI e GIOVANI 

Per maggiori informazioni CLICCA QUI

 

Proposte 2019

La Commissione Europea ha pubblicato l’invito a presentare proposte 2019 nell’ambito del Programma Erasmus+. Qualsiasi organismo, pubblico o privato, attivo nei settori dell’istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport può richiedere finanziamenti nell’ambito della suddetta Call. Possono inoltre fare domanda i gruppi di giovani attivi nell’ambito dell’animazione socioeducativa, anche se non costituiscono un’organizzazione giovanile. Il bilancio totale destinato al presente invito a presentare proposte è stimato in 2.733,4 milioni di euro.
Oltre all’invito a presentare proposte, la Commissione ha pubblicato anche la guida del programma Erasmus+ in tutte le lingue ufficiali dell’UE. La guida contiene informazioni dettagliate su tutte le opportunità per studenti, personale, tirocinanti, insegnanti, giovani, youth workers e altre categorie disponibili nell’ambito di Erasmus+ per il 2019.

Per maggiori informazioni CLICCA QUI  

Ritorna all'indice

Accademia di Fundraising per la cultura

Offerta formativa 2019 - 2020

Fondazione Fitzcarraldo e Scuola di Fundraising di Roma danno vita alla Accademia di Fundraising per la Cultura, un' offerta formativa rivolta ad enti, organizzazioni culturali e professionisti del settore, per potenziare la sostenibilità economica dei loro progetti e delle loro attività tramite la raccolta fondi da individui, aziende e fondazioni.
Il fundraising per la cultura in Italia sta crescendo così come la propensione di individui, aziende e fondazioni a sostenerla economicamente. Peraltro è convinzione diffusa che la cultura, in tutte le sue molteplici forme, sia uno degli asset principali per lo sviluppo del nostro paese. Tuttavia nelle organizzazioni culturali vi è ancora un grande gap tra le sfide poste dal fundraising e le conoscenze e le competenze necessarie ad affrontarle.

Per maggiori informazioni CLICCA QUI

Ritorna all'indice

EU Cultural and Creative Sector Policies

Il 2 e 3 settembre 2020 si è tenuta la Cities, Design, Innovation Conference a Umea in Svezia.
Barbara Stacher (Commissione Europea, Direzione generale dell'Istruzione e della cultura -DGEAC, nell'Unità di politica culturale) ha presentato alcune analisi del ruolo della Cultura e della Creatività in relazione al Piano europeo della cultura 2019-2022, approfondendo l’impatto che il COVID-19 ha avuto sull’economia e, in particolare, sulla cultura, indicando infine le priorità da seguire nel nuovo ciclo di programmazione.
Per visionare la presentazione  CLICCA QUI.
 

Ritorna all'indice

KEA: Analisi sulle opportunità nel settore audiovisivo

La DG CNECT (Direzione generale delle Reti di comunicazione, dei contenuti e delle tecnologie) della Commissione europea ha incaricato KEA di fornire una mappatura dei programmi UE esistenti accessibili al settore audiovisivo (AV) oltre al programma “Europa creativa”. Il documento fornisce un contributo tempestivo ai dibattiti sul prossimo quadro finanziario pluriennale dell'UE e sui futuri programmi di sostegno dell'UE (2021-2027). La ricerca mira a fornire raccomandazioni e proposte concrete su come ottenere nuove sinergie tra i diversi strumenti di finanziamento dell'UE per affrontare lo sviluppo del settore dell’audiovisivo.

Per maggiori informazioni CLICCA QUI

Ritorna all'indice