Le misure adottate dal Programma a sostegno delle imprese e del territorio.

La situazione emergenziale in atto dovuta al COVID-19 richiede che - oltre alle misure messe in campo con fondi regionali - anche le risorse finanziarie della Politica di Coesione concorrano al rilancio dell’economia regionale.

Con i Regolamenti (UE) n. 460/2020 e (UE) 558/2020 sono state disposte le misure specifiche di investimento e di impiego flessibile dei Fondi strutturali in risposta al COVID-19, attraverso procedure semplificate di modifica dei Programmi per accelerare il finanziamento di misure anticrisi.

Il POR FESR 2014-2020 FVG ha immediatamente raccolto la sfida e previsto diverse Iniziative per fronteggiare la situazione economica seguita all’emergenza COVID-19 e intervenire in favore del tessuto economico regionale.

Misure generali straordinarie in risposta al COVID-19

La Deliberazione della Giunta Regionale n. 646 del 30 aprile 2020 e l’integrazione della stessa approvata con DGR n. 1804 del 26 novembre 2020, prevedono ulteriori deroghe e proroghe straordinarie per la conclusione degli interventi finanziati e per la presentazione dei rendiconti in risposta all’emergenza COVID-19, a sostegno di imprese e territorio. Queste previsioni straordinarie vanno ad aggiungersi a quelle già disposte dalla deliberazione n. 484 del 27 marzo 2020.

A partire dal 23 febbraio 2020, pertanto, tutti i progetti in corso godono di previsioni eccezionali – in costanza di emergenza – che regolano diversamente le scadenze e i termini relativi all’anno 2020 e all’anno 2021, che risultano ora prorogate rispettivamente di 12 e di 9 mesi.

La Deliberazione della Giunta Regionale n. 301 del 26 febbraio 2021 prevede che i beneficiari possano inoltre chiedere l’anticipazione dell’erogazione del contributo fino al 31 dicembre 2021 nella misura massima prevista dal Bando. Infine tutti i termini pendenti sono sospesi.
 

Ritorna all'indice

Bandi aperti

Al momento non ci sono bandi aperti.

Ritorna all'indice

Bandi chiusi

Ritorna all'indice

Interventi in risposta al COVID-19

Spese straordinarie anti COVID-19 per il servizio sanitario regionale ARCS - Attività / Linea di intervento 1.5 "Investimenti necessari per rafforzare la capacità del complesso dei servizi sanitari di rispondere alla crisi provocata dall’emergenza epidemiologica".

L’operazione prevede la fornitura, da parte dell’Azienda Regionale di Coordinamento per la Salute (di seguito ARCS), di beni e servizi volti al rafforzamento della capacità di far fronte all’emergenza sanitaria COVID-19 del Sistema Sanitario Regionale.

Le forniture in particolare riguardano il potenziamento di infrastrutture immateriali, materiali e digitali, di servizi, attrezzature, materiale e medicinali per la salute, strutture di prova e trattamento, prevenzione delle malattie, sanità elettronica, dispositivi medici, acquisto di dispositivi di protezione (quali maschere respiratorie, guanti, occhiali etc.), anche per incrementare l’offerta di posti di terapia intensiva, di medicine per trattare la malattia e di sistemi per testare la positività al virus.

L’acquisizione dei beni e servizi è operata nel rispetto della normativa sugli appalti tenendo conto delle deroghe previste in relazione alla situazione di emergenza determinata dalla pandemia da COVID-19.

La Delibera della Giunta regionale n. 205 del 12 febbraio 2021 definisce in via preliminare i criteri di selezione dell’azione 1.5 “Investimenti necessari per rafforzare la capacità del complesso dei servizi sanitari di rispondere alla crisi provocata dall'emergenza epidemiologica”, come riportati nell’Allegato 1 alla stessa deliberazione, così come approvati in esito alla procedura scritta n. 23 di consultazione del Comitato di Sorveglianza.

Ritorna all'indice