Descrizione del Programma

Il Programma di cooperazione Interreg CENTRAL EUROPE rappresenta uno degli strumenti per l’attuazione della politica di coesione europea e contribuisce alla strategia dell’unione per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva. Il Programma si pone l’obiettivo generale di cooperare oltre i confini per rendere le città e le regioni dell’Europa centrale dei posti migliori in cui vivere e lavorare. Più precisamente, la cooperazione transnazionale nell’Europa centrale dovrebbe diventare il catalizzatore per l’applicazione di soluzioni intelligenti, rispondendo alle sfide regionali nel campo dell’innovazione, dell’economia a bassa emissione di carbonio, dell’ambiente, della cultura e dei trasporti. Il Programma costruirà capacità regionali seguendo un approccio integrato “bottom-up” che includa e coordini gli attori rilevanti provenienti da tutti i livelli di governance.

Ritorna all'indice

Area del Programma

L’area del programma si estende per oltre 1 milione di km2, include nove Stati Membri dell’Unione Europea e ha una popolazione di circa 146 milioni di abitanti. L’area comprende tutte le regioni di Austria, Croazia, Repubblica Ceca, Ungheria, Polonia, Slovacchia e Slovenia, nove Länder della Germania (Baden Württenberg, Bayern, Berlin, Brandenburg, Mecklenburg-Vorpommern, Sachsen, Sachsen-Anhalt, Thüringen) e nove regioni italiane (Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Lombardia, Piemonte, Provincia Autonoma di Bolzano, Provincia Autonoma di Trento, Valle d’Aosta e Veneto). In totale l’area di Programma comprende 76 regioni NUTS 2. La Croazia con tutto il suo territorio nazionale entra per la prima volta nel programma.

Ritorna all'indice

Priorità di investimento e obiettivi specifici

Asse prioritario 1 - Cooperare nell’innovazione per rendere l’Europa Centrale più competitiva

OS 1.1 - Migliorare i collegamenti sostenibili tra gli attori dell’innovazione dell’Europa centrale per rafforzare le capacità di innovazione regionale (PI1b)

OS 1.2 - Migliorare le conoscenze e le competenze per promuovere l’innovazione economica e sociale nelle regioni dell’Europa centrale (PI 1b)

Asse prioritario 2 - Cooperare nelle strategie di riduzione delle emissioni di carbonio nell’Europa Centrale

OS 2.1 - Sviluppare e realizzare soluzioni per migliorare l’efficienza energetica e l’utilizzo di energie rinnovabili nelle infrastrutture pubbliche (PI 4c)

OS 2.2 - Migliorare le strategie territoriali di pianificazione energetica a bassa emissione di carbonio e le politiche a sostegno della mitigazione del cambiamento climatico (PI 4e)

SO 2.3 - Migliorare le capacità di pianificazione della mobilità nelle aree urbane funzionali per ridurre le emissioni di CO2 (PI 4e)

Asse prioritario 3 - Cooperare nelle risorse naturali e culturali per una crescita sostenibile nell’Europa Centrale

SO 3.1 - Migliorare le capacità di gestione ambientale integrata per la protezione e l’uso sostenibile del patrimonio e delle risorse naturali (PI 6c)

SO 3.2 - Migliorare le capacità per l’uso sostenibile del patrimonio e delle risorse culturali (PI 6c)

SO 3.3 - Migliorare la gestione ambientale delle aree urbane funzionali per renderle un luogo più vivibile (PI 6e)

Asse prioritario 4 - Cooperare nei trasporti per meglio collegare l’Europa Centrale

OS 4.1 - Migliorare la pianificazione e il coordinamento dei sistemi regionali di trasporto passeggeri per migliori collegamenti alle reti di trasporto nazionali ed europee (PI 7b)

OS 4.2 - Migliorare il coordinamento tra gli stakeholder del trasporto merci per aumentare soluzioni di trasporto merci ecocompatibili e multimodali (PI 7c)

Asse prioritario 5 - Assistenza tecnica

OS 5.1 Implementare efficacemente il programma di cooperazione

OS 5.2 Dare supporto ai proponenti e ai beneficiari e rafforzare il coinvolgimento di partner rilevanti nell’implementazione del programma

Ritorna all'indice

Dotazione finanziaria

La disponibilità finanziaria complessiva del programma è di 298.987.025,44 euro, di cui 246.581.112,00 euro a titolo di cofinanziamento comunitario del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR).

Ritorna all'indice

Stato dell’arte

Luglio 2020: verso il nuovo Programma CENTRAL EUROPE 2021-2027
Con l’approvazione per il finanziamento dei progetti del 4° bando sono state impegnate tutte le risorse disponibili sul piano finanziario 2014-2020 del Programma Interreg Central Europe.
Nel corso del 2019, e soprattutto a partire dalla seconda metà dell’anno, il Comitato Nazionale ha iniziato a confrontarsi regolarmente sul futuro Programma, analizzando la documentazione e formando la posizione italiana di base per gli incontri del Working Group CE 2021+, il gruppo di lavoro incaricato con l’attività di preparazione del nuovo Programma Interreg Central Europe 2021-2027.
In ottobre 2019 si è svolta la prima consultazione online di tutto il partenariato, da cui sono emerse le prime indicazioni sulle priorità del futuro Programma.
Nel corso del 2020 il Comitato nazionale ha continuato ed è tuttora impegnato nella sua attività rivolta al coinvolgimento del partnenariato e alla formazione della posizione italiana nel processo di costruzione del Programma Interreg Central Euorope 2021-2027.
Attualmente si prevede che il nuovo programma venga presentato alla Commissione Europea entro la fine del 2020 e venga approvato nel corso della primavera 2021. Il lancio ufficiale del primo bando è previso per l’estate 2021.

4 dicembre 2019 a Budapest si è riunito il Comitato di Sorveglianza del programma, che ha approvato per il finanziamento 9 progetti del quarto bando, tra i 23 valutati formalmente ammissibili, per un totale di circa 8,7 milioni di fondi FESR in stretto coordinamento con altri strumenti UE di finanziamento a gestione diretta come Horizon 2020. L’obiettivo del quarto bando sperimentale è quello di capitalizzare gli ottimi risultati finora raggiunti, per un totale di 138 progetti che permetteranno di consolidare gli obiettivi di performance del Programma. Il Friuli Venezia Giulia è presente in un progetto dell’asse 1 (innovazione) " Boosting CE Business Support Organizations (BSOs) capacities for I4.0 scale up support"  - Boost4BSO -, con partner Friuli Innovazione Centro di Ricerca e Trasferimento Tecnologico.

5 luglio 2019 si è chiuso il quarto bando. Sono stati presentati in tutto 24 progetti, di cui 4 con la partecipazione di soggetti del territorio regionale FVG. 

4 marzo 2019: il quarto bando è rimasto aperto fino al 5 luglio 2019. Sono stati messi a disposizione 10 milioni di Euro di fondi FESR per progetti che capitalizzano i risultati di 44 progetti Central Europe finanziati con i primi due bandi in coordinamento con progetti finanziati con Programmi a finanziamento diretto della Commissione Europea (Horizon 2020, LIFE, Creative Europe, Connecting Europe ecc..). Il bando, con carattere sperimentale, era aperto a 7 focus tematici scelti dal Comitato di Sorveglianza. Era previsto un cross-fertilization seminar nelle giornate del 2 e 3 aprile a Vienna organizzato dal SC e aperto esclusivamente ai partner dei progetti finanziati con i primi due bandi Central Europe nonché ai capofila del terzo bando. Il Punto di Contatto Nazionale (Regione del Veneto) ha organizzato due infoday sul 4° bando: il 25 marzo a Mestre e nella seconda settimana di aprile a Torino

15-16 gennaio 2019 il Comitato di Sorveglianza del Programma si è riunito a Vienna e ha approvato 44 progetti del terzo bando. Il Friuli Venezia Giulia è presente nei partenariati dei seguenti 7 progetti finanziati: Priorità 1: CITYCIRCLE con PP Agenzia per l'energia del FVG (APE) e UTI Udine; PROSPER-AM.net con PP Friuli Innovazione; Priorità 2: PROSPECT2030 con PP APE FVG e Direzione centrale ambiente ed energia della RAFVG; ENTRAIN con PP APE FVG; Priorità 3: SACHE con PP Direzione centrale cultura e sport della RAFVG; Priorità 4: REIF con PP Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale; COMODALCE con LP Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale. 

24 aprile 2018 il Comitato di Sorveglianza del Programma si è riunito a Vienna: dei 181 progetti (21 con LP/PP del FVG) risultati eleggibili dal punto di vista formale e avviati alla prima fase di valutazione di qualità, 127 (18 con LP/PP del FVG) sono stati considerati rilevanti e proseguono nella valutazione degli ulteriori criteri relativi a: partenariato, implementazione e aspetti finanziari.

25 gennaio 2018: chiusura del terzo bando. Sono state presentate 191 proposte progettuali (22 con LP/PP del FVG)

21 settembre 2017: apertura del terzo bando, organizzato a una fase. Mette a disposizione 60 milioni di Euro di fondi FESR per i 4 assi prioritari del programma: innovazione, riduzione CO2 , risorse naturali e culturali e trasporti. Il bando prevede tuttavia specifici focus tematici, pertanto dei 10 Obiettivi specifici che dettagliano le 4 priorità, 5 sono aperti totalmente, 4 hanno un focus e 1 (l'O.S. 2.3 della priorità 2) è chiuso.  

16 marzo 2017 il Comitato di Sorveglianza del Programma, riunitosi a Praga, ha approvato 50 dei 210 progetti presentati, allocando tutte le risorse messe a bando con una graduatoria per ogni priorità. Il Friuli Venezia Giulia è presente nei partenariati dei seguenti sette progetti finanziati: 
Priorità 1: THINGS+, con Friuli Innovazione lead partner;  SENTINEL, con partner InCE; INTENT, con partner il Centro di Riferimento Oncologico di Aviano
Priorità 2: FEEDSCHOOLS, con partner Comune di Udine.  
Priorità 4: CONNECT2CE con i seguenti partner: InCE - lead partner, Società Ferrovie Udine Cividale s.r.l. - partner, Trieste Trasporti S.P.A. e Regione autonoma FVG - DC infrastrutture, mobilità, pianificazione territoriale, lavori pubblici, edilizia come partner associati; PERIPHERAL ACCESS, con partner Trieste Trasporti S.P.A.; TALKNET, con partner Autorità portuale di Trieste. 

Dal 26 aprile al 23 giugno 2016 è rimasto aperto il secondo bando, su tutte le priorità e con una procedura a una fase. Sono stati messi a disposizione complessivamente 90 milioni € di fondi FESR così suddivisi per Priorità: 27 milioni per Innovazione (1), 16 milioni per Riduzione CO2 (2), 34 milioni per Risorse naturali e culturali (3) e 13 milioni per Trasporti (4). 

14 e 15 aprile  2016 a Dubrovnik il Comitato di Sorveglianza del Programma ha approvato 35 dei 90 progetti candidati alla seconda fase del bando, per un’allocazione di risorse pari a complessivi 70,5 milioni di euro di fondi FESR senza suddivisione per priorità (graduatoria unica). Beneficiari del Friuli Venezia Giulia sono presenti nei seguenti quattro progetti approvati: Focus-IN CD (Priorità 1 - Innovazione); SULPiTER (Priorità 2 - Riduzione CO2); CE-HEAT (Priorità 2 - Riduzione CO2). COME-IN! (Priorità 3 - Risorse naturali e culturali);

12 febbraio 2015 viene pubblicato il primo bando, con procedura a due fasi, aperto su tutte le priorità del programma.

16 dicembre 2014
il Programma di Cooperazione Interreg CENTRAL EUROPE è stato approvato dalla Commissione Europea.

Ritorna all'indice

Strutture di Programma

Autorità di gestione City of Vienna Municipal Department for European Affairs Unit for International Co-operation Schlesingerplatz 2 A - 1080 Vienna Tel. +43 (0)1 4000 27060 Fax: +43 (0) 1 4000 7215

 

Punto di contatto nazionale
Rita Bertocco
Regione del Veneto
Direzione Programmazione Unitaria
Unità Organizzativa Cooperazione Territoriale e Macrostrategie Europee
Dorsoduro 3494/A – 30123 Venezia
tel. +39 041 2791591 / 2791577
fax. +39 041 2791490
E-mail: centraleurope@regione.veneto.it
Web: http://coopterritoriale.regione.veneto.it/Central-Europe/ – Twitter: @interregCE_IT

Ritorna all'indice

Attività sul territorio dell’area Programma

Si svolge a Venezia il 20 dicembre 2019, presso il Palazzo Grandi stazioni, un seminario informativo sulle modalità di rendicontazione rivolto ai beneficiari italiani del terzo bando e ai rispettivi controllori di primo livello

Maggiori informazioni su eventi, iniziative e altri aspetti del Programma si possono trovare nella pagina nazionale del sito del Programma, sia nel sito del Punto di Contatto Nazionale.
 

Ritorna all'indice