Aree regionali ammesse dalla Carta italiana degli aiuti a finalità regionale approvata dalla Commissione europea.

La Regione Friuli Venezia Giulia beneficia esclusivamente della deroga prevista dall’articolo 107, paragrafo 3, lettera c), del TFUE.

I Comuni del Friuli Venezia Giulia compresi nella Carta italiana degli aiuti a finalità regionale approvata dalla Commissione europea il 16 settembre 2014 sono:

Provincia di Gorizia
Cormons 

Provincia di Pordenone
Brugnera
Fontanafredda
Pasiano di Pordenone
Porcia
Prata di Pordenone
Pravisdomini 

Provincia di Udine
Aiello del Friuli
Bagnaria Arsa
Buttrio
Chiopris-Viscone
Corno di Rosazzo
Manzano
Pavia di Udine
San Giorgio di Nogaro
San Giovanni al Natisone
San Vito al Torre
Torviscosa

La Carta italiana degli aiuti a finalità regionale 2014-2020 approvata il 16 settembre 2014, nell’ambito della revisione di medio periodo, è stata oggetto di modifiche approvate per il periodo 2017-2020 che però non hanno interessato le aree ammesse del Friuli Venezia Giulia che sono infatti rimaste invariate.

La validità della Carta italiana degli aiuti a finalità regionale 2014-2020 è stata poi successivamente prorogata al 31 dicembre 2021.

Quindi, le imprese che hanno sede in uno dei territori comunali sopra elencati, possono beneficiare dal 1° luglio 2014 al 31 dicembre 2021 di aiuti di Stato a finalità regionale notificati ai sensi degli Orientamenti in materia di aiuti di Stato a finalità regionale 2014-2020 o concessi in esenzione ai sensi del Regolamento (UE) N. 651/2014 della Commissione del 17 giugno 2014 che dichiara alcune categorie di aiuti compatibili con il mercato interno in applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato.

Le intensità massime di aiuto sono pari al 10% dell’ESL (Equivalente Sovvenzione Lordo) per le grandi imprese, al 20% per le imprese di medie dimensioni e al 30% per le piccole imprese.