Pianificazione strategica

La pianificazione strategica è un processo che promuove l'integrazione e il coordinamento delle azioni, ottimizzando l'uso delle risorse disponibili e l'efficacia amministrativa.
L’attività di pianificazione strategica della Regione trova definizione nel Piano strategico e nel Piano della prestazione.

Ritorna all'indice

Piano strategico

Il Piano strategico illustra i valori, le finalità e i principi che guidano l’azione di governo e che ispirano l’attività amministrativa volta a realizzarla.
Raccoglie gli obiettivi politici strategici del Programma di governo e illustra, per la durata della legislatura, le strategie per i diversi ambiti di attività individuati da 8 Linee strategiche. Per ciascuna Linea strategica vengono riportati: mission, strategia e scenario di riferimento.

Ritorna all'indice

Documento di Economia e Finanza Regionale 2023

Il Documento di Economia e Finanza Regionale contiene le linee programmatiche per l’azione di governo per il raggiungimento degli obiettivi della pianificazione unitaria regionale.

Ritorna all'indice

Piano della prestazione

Il Piano della prestazione definisce gli obiettivi individuali dell’Amministrazione regionale.
Il documento, che trae origine dal Piano strategico e dalla Nota di aggiornamento al DEFR, viene aggiornato annualmente, secondo un’ottica triennale.
Gli obiettivi complessivi si distinguono in obiettivi di impatto, obiettivi istituzionali, obiettivi trasversali e azioni contenitore.
Nel Piano della prestazione sono illustrate tutte le schede obiettivi relative all’anno 2022 suddivise per Linea strategica e singola Struttura organizzativa.
Quest’anno, la programmazione degli obiettivi è stata avviata con gli obiettivi di impatto, classificati secondo la logica della Balanced Scorecard e del Valore Pubblico, con l’indicazione di stakeholders, contributors, grado di innovazione, annualità/pluriennalità.
Relativamente gli indicatori di valore pubblico, questi sono stati classificati indicando la tipologia di valore che si intende produrre in termini di benessere economico, sociale, ambientale, sanitario dei cittadini o di “salute interna”, quando tale indicatore intende misurare la maggiore efficienza o l’innovazione procedurale dell’Amministrazione pubblica.
Completano il documento i Piani dei nove Enti strumentali regionali che fanno parte del complessivo sistema della performance della Regione.

Ritorna all'indice

Piano integrato di attività e organizzazione (PIAO)

Il “PIAO - Piano Integrato di Attività e Organizzazione della Pubblica Amministrazione” è un documento unico di programmazione e governance che sostituisce tutta una serie di atti obbligatori per le Pubbliche Amministrazioni (P.A.).

In particolare, vi confluiscono i seguenti piani: piano delle performance, piano della prevenzione della corruzione e della trasparenza, piano dei fabbisogni di personale, piano del lavoro agile (conosciuto come POLA), piano della programmazione dei fabbisogni formativi.

Il PIAO è stato introdotto dall'articolo 6 del DL n. 80 del 2021, convertito in Legge n.113 del 2021, e vuole rappresentare una sorta di “testo unico” della programmazione, nella prospettiva di assicurare la qualità e la trasparenza dell'attività amministrativa, migliorare la qualità dei servizi ai cittadini e alle imprese e procedere alla costante e progressiva semplificazione e reingegnerizzazione dei processi.

Sono obbligate ad adottare il documento le Pubbliche Amministrazioni con più di 50 dipendenti, con la sola esclusione delle scuole di ogni ordine e grado e delle istituzioni educative.

Il PIAO ha durata triennale e viene aggiornato annualmente.

Ritorna all'indice

Programma Nazionale di Riforma

Ritorna all'indice

Valutazione degli investimenti pubblici

La valutazione degli investimenti pubblici è demandata ad appositi Nuclei di Valutazione, istituiti presso ciascuna Amministrazione centrale e ciascuna Regione al fine di migliorare e dare maggiore qualità ed efficienza al processo di programmazione delle politiche di sviluppo.
In Regione il Nucleo di valutazione e verifica degli investimenti pubblici (NUVV) è stato istituito ai sensi della Legge 17 maggio 1999, n. 144.

Ritorna all'indice

Piano Sviluppo e Coesione (PSC)

Il Piano Sviluppo e Coesione (PSC) della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia sostituisce i documenti programmatori del Fondo Sviluppo e Coesione (FSC) finora vigenti raggruppandoli in un unico Piano operativo (PSC), dove confluiscono gli investimenti finanziati con le risorse nazionali (FSC) destinate alle Politiche di Coesione dei cicli di programmazione 2000-2006, 2007-2013 e 2014-2020.

Oltre a una sezione ordinaria contenente le risorse per interventi relativi alle passate programmazioni, il PSC è costituito anche da una sezione speciale che include le azioni non più finanziate dal Programma Operativo Regionale del Fondo Sociale Europeo (POR FSE), per dare spazio ad interventi urgenti finalizzati all’emergenza COVID-19 e a cui viene data copertura con risorse FSC 14-20.

Ritorna all'indice