Pianificazione strategica

La pianificazione strategica è un processo che promuove l'integrazione e il coordinamento delle azioni, ottimizzando l'uso delle risorse disponibili e l'efficacia amministrativa. L’attività di pianificazione strategica della Regione trova definizione nel Piano strategico e nel Piano della prestazione.

Ritorna all'indice

Piano della prestazione

Il Piano della prestazione definisce gli obiettivi dell’Amministrazione regionale. Il documento, che trae origine dal Programma di governo e dal Piano strategico, viene aggiornato annualmente.

Per il 2018 sono fissati 815 obiettivi complessivi e 319 responsabili, individuati tra Direttori centrali, Vice direttori centrali, Direttori di servizio, Direttori di staff e titolari di Posizione organizzativa. Nel Piano sono allegate tutte le schede obiettivi e, come negli anni precedenti, anche i 4 Piani degli Enti regionali che fanno parte del complessivo sistema della performance regionale.

Ritorna all'indice

Documento di Economia e Finanza Regionale 2019

Il Documento di Economia e Finanza Regionale (DEFR) 2019 rappresenta il primo documento di programmazione della legislatura 2018-2023 e individua le principali politiche che guideranno le previsioni di spesa del bilancio di previsione annuale 2019 e triennale 2019-2021.
 
Il DEFR si apre con la tradizionale analisi di contesto statistico, illustrando l’andamento dell’economia regionale, lo scenario internazionale, il mercato del lavoro, la situazione demografica.

La seconda parte del documento descrive le risorse a disposizione, con la rappresentazione delle entrate previste per il triennio, distinte secondo il titolo di entrata e con evidenza dei corrispondenti importi approvati nell’ultimo bilancio.

Il DEFR 2019 sviluppa quindi il ciclo della programmazione economico-finanziaria con la descrizione delle principali politiche che si intendono adottare nel 2019, con proiezione triennale 2019-2021, suddivise per Missione e Programma di bilancio. Le azioni da intraprendere sono suddivise per struttura organizzativa di riferimento e sono state elaborate in coordinamento con l’organo politico di riferimento.

I principali risultati attesi, espressi anche in termini di indicatori di efficacia ed efficienza, il quadro complessivo delle spese 2019-2021 e gli indirizzi agli Enti e Società partecipate sono oggetto della Nota di aggiornamento del DEFR, che sarà presentata al Consiglio Regionale contestualmente al Disegno di legge regionale del bilancio annuale 2019 e triennale 2019-2021.
 

Ritorna all'indice

Nota di aggiornamento al Documento di Economia e Finanza regionale 2019

La Nota di aggiornamento al DEFR 2019, approvata dal Consiglio Regionale contestualmente al Disegno di Legge regionale del bilancio annuale 2019 e pluriennale 2019-2021, richiama, aggiorna ed integra i contenuti del DEFR 2019 approvato a luglio 2018. 

Il documento si compone di tre parti.
La prima descrive il quadro complessivo di riferimento tramite l’analisi di indicatori statistici di contesto. Questa analisi ha l’obiettivo di illustrare lo scenario socioeconomico regionale, con le previsioni di crescita dei principali indicatori, in confronto con i rispettivi nazionali. Attenzione è prestata ai numeri del BES – Benessere equo e sostenibile, elaborati dalla statistica ufficiale per fornire un quadro puntuale dello stato di salute della popolazione, presenti anche nel DEF nazionale.

La seconda parte del documento descrive le risorse a disposizione, con la rappresentazione delle entrate previste per il triennio, distinte secondo il titolo di entrata e con evidenza dei corrispondenti importi approvati nell’ultimo bilancio, e l’illustrazione del quadro delle spese 2019-2021 articolato per missioni e programmi. Di seguito, si sviluppa il ciclo della programmazione economico-finanziaria con la descrizione puntuale delle politiche regionali per singole missioni di spesa, riprese e aggiornate rispetto al DEFR 2019, dei principali risultati attesi e con l’indicazione delle Direzioni centrali e delle Strutture della Presidenza responsabili dell’attuazione. La definizione delle politiche da adottare nel 2019, con proiezione triennale 2019-2021, è proposta dalle strutture responsabili in accordo con l’organo politico di riferimento.

Nella terza parte della Nota di Aggiornamento vengono esplicitati gli indirizzi per il triennio agli enti strumentali e alle società partecipate e controllate a cui la Regione demanda il perseguimento dei propri fini istituzionali, precisando per ciascun soggetto le principali attività, la partecipazione regionale ovvero le risorse finanziarie regionali trasferite, i principali risultati ottenuti nell’ultimo esercizio. Viene riportata una sintetica descrizione degli organismi strumentali e vengono descritte le attività delegate, con i risultati ottenuti, e i relativi indirizzi regionali.

Viene allegato il Programma statistico regionale che elenca le rilevazioni, le banche dati e le elaborazioni statistiche utili e necessarie anche alle finalità di pianificazione strategica, programmazione e controllo della Regione.
 

Ritorna all'indice

Valutazione degli investimenti pubblici

La valutazione degli investimenti pubblici è demandata ad appositi Nuclei di Valutazione, istituiti presso ciascuna Amministrazione centrale e ciascuna Regione al fine di migliorare e dare maggiore qualità ed efficienza al processo di programmazione delle politiche di sviluppo.

In Regione il Nucleo di valutazione e verifica degli investimenti pubblici (NUVV) è stato istituito ai sensi della Legge 17 maggio 1999, n. 144..

Ritorna all'indice