Iniziative di informazione e formazione per rafforzare conoscenze, abilità e risorse personali utili per il mondo del lavoro.

La Regione FVG finanzia iniziative di informazione e formazione sul tema delle soft skills con l'obiettivo di aumentare il potenziale di occupabilità di giovani e adulti e favorirne il successo personale e lavorativo.

Cosa sono le soft skills

Capacità di ascolto, flessibilità, problem solving, precisione sono oggi competenze sempre più richieste dal mondo del lavoro. Queste competenze, definite "soft skills" (o competenze trasversali) consistono in conoscenze, abilità, risorse personali distinte da quelle tecnico-professionali (specifiche di una mansione lavorativa) che si acquisiscono anche in ambiti diversi da quello scolastico o lavorativo.

Sono importanti perchè esprimono il potenziale della persona, ovvero la sua capacità di affrontare in modo efficace i contesti di vita e lavoro, aumentando così le opportunità di inserimento lavorativo e la predisposizione al successo professionale.

Ritorna all'indice

Il Programma 75/17 del POR FSE FVG

Il Programma 75/17 "Servizi per lo sviluppo della rete della formazione e dell'orientamento permanente nell'ambito dell'apprendimento permanente", finanziato dal Fondo Sociale Europeo, promuove attività sul tema delle soft skills.
Si rivolge a giovani e adulti e si articola nelle seguenti azioni:

  • Laboratori, della durata di 12 ore, rivolti a studenti maggiorenni e a tutte le persone in età lavorativa residenti in Friuli Venezia Giulia. Si svolgono in gruppi composti da un minimo di 8 a un massimo di 25 partecipanti. Privilegiano metodologie partecipative per favorire l'esperienza pratica con l'obiettivo di approfondire 4 macroaree di competenza: riflessione su se stessi, relazione con gli altri, relazione con il contesto, relazione con il compito.
  • Seminari, di durata massima di 4 ore, rivolti a studenti delle scuole secondarie di secondo grado e dei percorsi IeFP della regione, nonchè studenti universitari e tutte le persone in età lavorativa residenti sul territorio regionale. Sono attivabili con un numero minimo di 8 partecipanti. Hanno l'obiettivo di sensibilizzare giovani e adulti sull'importanza delle soft skills per la crescita personale e professionale

Le attività sono realizzate da un soggetto attuatore (ATS), con capofila l'Ente di formazione professionale EnAIP FVG.

Ritorna all'indice

Come partecipare

Scuole, enti di formazione e altri attori del sistema regionale dell'apprendimento permanente (Informagiovani, Università, Centri per l'istruzione degli adulti, Associazioni di categoria, Cluster, Fondazioni ITS, Centri per l'Impiego) possono richiedere i materiali informativi sul Programma e partecipare alla realizzazione delle attività sul territorio.
In particolare è possibile:

  • Individuare persone interessate alle iniziative proposte e indirizzarle al Servizio Accoglienza e Informazione (SAI) presso i Centri di Orientamento Regionali (COR) di Udine, Gorizia, Pordenone e Trieste (Trova i COR)
  • Chiedere l'attivazione di un Seminario o un Laboratorio presso la propria sede, qualora sia già stato individuato un gruppo minimo di 8 persone

Per i Seminari è definito un Programma annuale elaborato sulla base delle manifestazioni di interesse pervenute, considerando l'ordine cronologico come priorità.

Per i Laboratori è elaborato periodicamente un Calendario laboratori da offrire all'interno del "Catalogo di laboratori per lo sviluppo delle competenze trasversali". Il Calendario potrà essere integrato da ulteriori proposte costruite sulla base dei fabbisogni dei gruppi di persone individuati o sulle richieste formulate dagli Enti del territorio.
L'iscrizione ai Laboratori è preceduta da un colloquio di orientamento presso le strutture regionali (SAI) per definire con gli utenti le competenze trasversali da sviluppare.  

Ritorna all'indice

Situazione COVID-19

Nell’attuale fase emergenziale, nella quale tutte le attività di accoglienza generica, le attività laboratoriali e quelle che prevedono assembramento di persone sono sospese, il servizio regionale di orientamento si è organizzato per realizzare i colloqui di orientamento in sicurezza via telefono o videochiamata.

Gli utenti possono perciò essere indirizzati a prendere contatto con i Centri regionali di orientamento (COR).

Ritorna all'indice

Modalità di adesione

La Regione ha individuato un soggetto attuatore per la realizzazione degli interventi.
Pe informazioni sulla modalità di attivazione di seminari e laboratori è possibile contattare i Centri regionali di orientamento (COR).

Ritorna all'indice