Foreste

12.11.19

Giornata Nazionale degli Alberi a Bosco Romagno

Il CFR - Corpo Forestale della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia quest’anno celebra i 50 anni della sua fondazione e per onorare questo importante traguardo la Regione ha realizzato una serie di eventi nel corso dell’anno, l’ultimo dei quali si terrà il 21 novembre nella proprietà regionale di Bosco Romagno in Comune di Cividale del Friuli.
L’appuntamento vedrà la partecipazione dei rappresentanti istituzionali della Regione, del CFR e di una squadra di circa 150 bambini delle scuole primarie di Udine e di Cividale; l’insolito raduno si terrà giovedì 21 novembre in occasione della Giornata nazionale degli alberi, istituita dalla Legge nazionale 10 del 2013, con l’intento di promuovere la conoscenza dell’ecosistema boschivo ed il rispetto degli alberi.
La scelta del Bosco Romagno non è stata casuale: negli ultimi mesi infatti la Regione, dopo attenta analisi di ogni pianta, ha dovuto abbattere alcuni pioppi con oltre 50 anni di vita. Questi alberi infatti, arrivando in breve tempo a dimensioni imponenti, giungono ad un precoce invecchiamento, diventano fragili e possono essere soggetti a schianti, quindi pericolosi e incompatibili con la presenza dei visitatori che ogni anno scelgono il Bosco Romagno per attività ludiche e di svago. In una logica di programmazione e gestione forestale sostenibile, dettata dalla certificazione PEFC (che riguarda tutti gli ambiti naturali di proprietà della Regione) gli abbattimenti saranno compensati dalla messa a dimora di nuove piante, in numero maggiore rispetto a quelle abbattute. Il primo di questi interventi avverrà proprio il 21 novembre e sarà realizzato dai 150 bambini delle scuole primarie che pianteranno carpini bianchi, aceri campestri, olmi e farnie, per un totale di 50 piante, tutte provenienti dal Vivaio forestale regionale Pascul di Tarcento.