Alla fine di ogni anno l'Ufficio competente della Regione, d'intesa con l'Agenzia delle dogane, invia ai gestori di impianti pubblici e privati ubicati nelle province del Friuli Venezia Giulia il prospetto riepilogativo delle movimentazioni di prodotti petroliferi usati come carburanti per autotrazione.

Il fac-simile del prospetto, condiviso con l'Agenzia delle Dogane, è unificato e perciò identico per tutti i gestori di impianti, ad uso stradale, autostradale e privato, ed è in ogni caso disponibile nella sezione del sito internet della Regione dedicato ai carburanti (fac-simile del prospetto).

Il prospetto deve essere compilato sulla base dei dati presenti nel registro di carico e scarico previsto dall'articolo 25 del Testo unico approvato con decreto legislativo n. 504/1995 e, debitamente sottoscritto, deve essere riprodotto in cinque copie, di cui:
3 copie, sottoscritte in originale, devono essere inviate all'Ufficio delle dogane territorialmente competente.
1 copia deve essere inviata alla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia – Direzione centrale finanze, patrimonio, coordinamento e programmazione politiche economiche e comunitarie - Servizio entrate, tributi e programmazione finanziaria - Corso Cavour, 1 - 34132 TRIESTE (fax n. 040 3773608; e-mail tributi@regione.fvg.it; p.e.c. finanze@certregione.fvg.it);
1 copia deve essere inviata alla Camera di Commercio territorialmente competente.
Per i gestori di impianti pubblici di distribuzione l'invio del prospetto alla Regione e alla Camera di commercio è espressamente previsto dall'articolo 6 bis, comma 2 della legge regionale 14/2010.

Si precisa che nella sezione del prospetto denominata "TOTALE PRODOTTI MOVIMENTATI" deve indicarsi il quantitativo complessivo, espresso in litri, della benzina e del gasolio erogati nel corso dell'anno. Il suddetto quantitativo complessivo include perciò tutti i tipi di carburanti erogati, benzina e/o gasolio, compresi quelli speciali. Tuttavia, nel caso siano stati erogati PRODOTTI AGEVOLATI, questi devono essere indicati in un'apposita colonna, separatamente da quelli non agevolati.
L'invio dei prospetti agli Uffici sopraindicati deve avvenire entro il 30 gennaio.
A tale proposito si rammenta che il suddetto Testo unico, con l'articolo 50, riconduce precise conseguenze sanzionatorie all'inosservanza della normativa richiamata, e che l'invio del prospetto riepilogativo è dovuto - entro 30 giorni -, oltre che alla fine d'ogni anno, anche in caso di chiusura della gestione in corso d'anno.

Si prega di indicare nel prospetto un recapito telefonico, anche cellulare, di fax e di posta elettronica, qualora non presenti, e di evidenziare eventuali inesattezze riportando altresì i dati corretti.