la Regione dalla A alla Z Chiudi

La Giunta Regionale


08.06.2017 15:32

Agricoltura: Shaurli, nuove opportunità per le malghe del Fvg

Udine, 8 giugno - "I compendi malghivi rappresentano un'opportunità di sviluppo economico e turistico per la nostra regione oltre che la salvaguardia di una cultura e di una tradizione agricola che oggi può ritrovare una nuova forza ma è necessario compiere delle scelte, supportarle ma anche darsi delle priorità a partire dalle caratteristiche e vocazione di ogni singola malga". Lo ha affermato oggi l'assessore alle Risorse agricole e Forestali del Friuli Venezia Giulia, Cristiano Shaurli, in occasione della presentazione del libro Scenari per l'Alpicoltura Friulana di Davide Pasut che, è stato illustrato, comprende i risultati delle indagini dell'Agenzia Ersa Fvg su tutti gli alpeggi ed i pascoli del territorio. "Il volume offre certo una visione tecnica con i numerosi e puntuali dati raccolti - ha osservato Shaurli - ma propone anche possibili scenari che ci permettono di ragionare sul futuro dell'alpicoltura. Il libro prosegue un percorso avviato quest'anno con l'obiettivo di far conoscere di più il nostro compendio malghivo - ha continuato - ed è destinato soprattutto agli operatori del settore. Va ritenuto fondamentale anche per chi deve prendere delle decisioni perché, attraverso l'elaborazione delle informazioni e l'analisi del territorio con i dati aggiornati, finalmente - ha concluso l'assessore - si possono compiere delle scelte concrete, oggettive e speriamo costanti nel tempo". La pubblicazione, come ha illustrato Sonia Venerus di Ersa FVG, partendo dai dati raccolti dall'Agenzia regionale nei vari interventi di studio dell'attività di alpeggio condotta sia con progetti regionali che comunitari, propone innanzitutto un metodo di lavoro che sulla base di criteri oggettivi consente di classificare la vocazionalità delle malghe rispetto a specifici obiettivi pensati per lo sviluppo del contesto alpicolturale regionale, tenendo conto della peculiarità dei comprensori nei quali le maghe si trovano.

Si tratta, è stato indicato, di uno strumento innovativo per l'individuazione di priorità, per la pianificazione degli interventi e per lo sviluppo di strategie sulla valorizzazione dell'alpeggio ed unitariamente per l'intera area montana ma che trova la propria utilità nella valorizzazione delle singole realtà territoriali. Fra i risultati dell'indagine, che ha visto anche la collaborazione delle Cooperative malghesi Carnia e Val Canale rappresentate oggi in conferenza stampa dal presidente Alberto Pischiutti, vi è l'analisi delle 161 malghe di cui sono state misurate le potenzialità di sviluppo e le eventuali difficoltà a raggiungere gli obiettivi e l'approccio per gruppi di malghe che condividono il medesimo territorio geografico. Shaurli ha sottolineato, inoltre, il costante interesse della Regione per l'ambito malghivo ricordando il finanziamento regionale a favore di progetti di ristrutturazioni delle strutture malghive oltre ai progetti europei già finanziati sulla parte turistico promozionale e sui prodotti caseari della montagna. L'assessore ha espresso soddisfazione anche per la pubblicazione del calendario degli eventi, illustrato oggi in conferenza stampa, che si terranno nelle malghe del Friuli Venezia Giulia nel corso dell'estate 2017: "calendario - ha detto - che riesce a mettere insieme finalmente tutte le iniziative che riguardano le nostre malghe. Con l'obiettivo di rendere nota al turista un'offerta sempre più ricca e non in sovrapposizione". Numerosi gli appuntamenti fra giugno e settembre ma non mancano eventi ad ottobre con Filo dei sapori 2017, a Tolmezzo, e la grande novità dell'asta del formaggio di malga prevista a Sutrio a dicembre. ARC/LP/fc

 
alla presentazione del libro "Scenari per l'alpicoltura friulana" di Davide Pasut, rilasciate a Udine l'8 giugno 2017