la Regione dalla A alla Z Chiudi

Notizie dalla Giunta


02.02.2018 11:26

Protezione civile: tutelata specialità Fvg nel nuovo Codice

Udine, 2 febbraio - Sono state tutelate la specialità e le disposizioni dell'ordinamento giuridico del Friuli Venezia Giulia nel nuovo Codice della Protezione civile. Il testo del decreto legislativo n. 1 del 2 gennaio 2018, pubblicato in Gazzetta Ufficiale lo scorso 22 gennaio, entrerà in vigore il prossimo 6 febbraio.

In particolare, è stato accolto l'emendamento all'articolo 9 del Testo Unico con cui sono fatte salve le disposizioni vigenti nell'ordinamento giuridico del Friuli Venezia Giulia. In questo modo viene mantenuta la funzione di coordinamento delle emergenze in capo alla Regione così come già previsto della legge regionale 64/1986. Accolto anche l'emendamento all'articolo 3 (Servizio nazionale della Protezione civile), proposto di concerto con altre Regioni che antepone ai sindaci, i presidenti delle Regioni e delle Province autonome rappresentando, in questo modo, i diversi livelli delle autorità territoriali di protezione civile secondo il principio di sussidiarietà.

Nel nuovo codice, inoltre, viene riconosciuto il modello dei Gruppi comunali di protezione civile del Fvg. L'articolo 35 ne promuove la costituzione, istituzionalizzando una realtà già presente sul territorio regionale essendo il Fvg, l'unica regione ad averli già operativi in tutti i Comuni.

Il provvedimento di riforma della Protezione civile è il risultato di un percorso di elaborazione e condivisione fra diversi soggetti fra i quali le Regioni, gli Enti locali, il Corpo dei vigili del fuoco e il Dipartimento nazionale di protezione civile.

In questo contesto, l'amministrazione regionale del Fvg, anche attraverso la partecipazione ai lavori della Commissione speciale di protezione civile, guidata per un biennio dall'assessore del Fvg alle Autonomie locali con delega alla Protezione civile, ha potuto dare un importante contributo.

E' stata portata, infatti, l'esperienza del sistema integrato, presente sul territorio, capace di coinvolgere in modo chiaro e collaborativo i prefetti e le altre componenti dello Stato attraverso protocolli, convenzioni, interoperabilità di sistemi e delle sale operative.

Il decreto legislativo, costituito da 50 articoli suddivisi in 7 capi, ha come obbiettivo il rafforzamento complessivo dell'azione del servizio nazionale di protezione civile in tutte le sue funzioni, con particolare rilievo per le attività operative in emergenza. Prevede finalità, attività e composizione del Servizio nazionale della protezione civile, l'organizzazione, l'attività per la previsione e prevenzione dei rischi, la gestione delle emergenze di rilievo nazionale e la partecipazione dei cittadini e volontariato organizzato di protezione civile. A questi elementi si aggiungono le misure e gli strumenti organizzativi e finanziari per la realizzazione delle attività di protezione civile. ARC/LP