la Regione dalla A alla Z Chiudi

Notizie dalla Giunta


20.03.2015 20:10

PROTEZIONE CIVILE: PANONTIN INCONTRA I SINDACI PER ILLUSTRARE L'ATTIVITÀ DEL CFD

Palmanova, 20 mar - "Questo è un momento importante, che chiude un ciclo di incontri sul territorio e che oggi vede i principali attori della Protezione civile - i sindaci e poi i coordinatori dei gruppi di volontari - impegnati a cogliere le novità introdotte con l'attivazione del Centro Funzionale Decentrato (CFD), operativo dal dicembre dell'anno scorso".

Lo ha affermato oggi l'assessore regionale alla Protezione civile del Friuli Venezia Giulia Paolo Panontin aprendo l'incontro informativo sul CFD che si è tenuto al Teatro Modena di Palmanova davanti alla folta platea di primi cittadini provenienti da tutto il Friuli Venezia Giulia.

La struttura, prevista in ogni regione dalla normativa nazionale in materia di Protezione civile, rappresenta il cuore informativo alla base del sistema di allerta in caso di avversità meteorologica, idrogeologica e idraulica, quale parte attiva del più ampio sistema che fa capo al Dipartimento nazionale. Il Centro si collega ai Piani dell'emergenza, la declinazione sul territorio delle procedure della struttura centrale di Palmanova.

Lo scopo primario di questi Centri è di fornire un servizio continuativo di supporto alle autorità competenti per decretare gli allerta e per gestire le emergenze. Dal punto di vista organizzativo, il CFD del Friuli Venezia Giulia è suddiviso nel settore Meteo e nel settore IdroGeo.

"Dopo aver illustrato a tutti i portatori di interesse le funzionalità del CFD, ora era importante un altro incontro per allineare sindaci e coordinatori rispetto a questa riforma che in una regione come la nostra, che è fiore all'occhiello in Italia per la grande professionalità della sua struttura di Protezione civile, arriva troppo tardi, a dieci anni dall'ordinanza della Protezione civile nazionale. Abbiamo finalmente colmato una lacuna", ha chiosato Panontin.

L'attivazione del Centro comporterà una maggiore capacità previsionale, utile per aumentare il livello di prevenzione "ma anche - ha fatto notare l'assessore - innalzerà inevitabilmente il livello di responsabilità perché da oggi saremo noi a definire i livelli di rischio e non più il Dipartimento nazionale".

L'apertura del CFD, ha ricordato Panontin, "è stata un'operazione che ha visto confluire le energie e le risorse della direzione centrale Protezione civile della Regione assieme all'Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente (ARPA) e alla sua sezione meteo, l'OSMER.

"Siamo sempre più orientati a politiche di integrazione tra le varie strutture regionali", ha commentato Panontin facendo cenno anche ad una recente riunione con i vertici dell'ARPA, finalizzata a ipotizzare una prossima collocazione di OSMER all'interno della struttura operativa della Protezione civile.

All'incontro, introdotto dai saluti del sindaco di Palmanova Francesco Martines e dall'intervento del direttore centrale Luciano Sulli, è seguito un dibattito sui temi tecnici dell'attuazione della Riforma.

ARC/EP

 
a margine dell'illustrazione a sindaci e coordinatori di gruppi di volontari di Protezione civile le novità introdotte con l'attivazione del Centro Funzionale Decentrato (CFD), rilasciate al Teatro Modena a Palmanova il 20 marzo 2015