la Regione dalla A alla Z Chiudi

Notizie dalla Giunta


13.05.2014 20:09

IDEAL STANDARD: SDEGNO DELLA REGIONE FVG PER L'ABBANDONO DEL TAVOLO AL MISE

Roma, 23 mag - Al termine di un aspro confronto i rappresentanti di Ideal Standard hanno abbandonato il Tavolo convocato al MiSE-Ministero dello Sviluppo Economico, senza accogliere la richiesta di ritirare la procedura di mobilità per i circa 400 lavoratori dello stabilimento di Orcenico di Zoppola (PN).

A fronte di questo comportamento, la presidente Debora Serracchiani e l'assessore al Lavoro Loredana Panariti hanno espresso lo sdegno della Regione Friuli Venezia Giulia, assieme agli altri soggetti istituzionali, dal Ministero, rappresentato da Giampiero Castano, responsabile Unità Gestione Vertenze, dai rappresentanti delle organizzazioni sindacali e di Confindustria Pordenone, che hanno dichiarato di non comprendere la decisione di Ideal Standard di attivare in modo improvviso e senza preventiva consultazione la mobilità per i lavoratori di Orcenico. Per la presidente della Regione Friuli Venezia Giulia si è trattato di una presa di posizione oltre ogni possibile immaginazione, di un comportamento incomprensibile sotto ogni punto di vista.

Mi auguro, ha detto riferendosi all'incontro in programma giovedì a Pordenone, presso Unindustria, per affrontare il tema della mobilità, che l'Azienda intervenga in quell'occasione con spirito diverso da oggi. Del tutto vano si è rivelato anche un incontro ristretto, che ha preceduto il Tavolo di crisi, in cui è intervenuto, accanto alla presidente del Friuli Venezia Giulia, anche il sottosegretario allo Sviluppo Economico Claudio De Vincenti. Uno strappo molto pesante è stato giudicato quello dell'Azienda, in considerazione del fatto che il Governo, come è stato ribadito oggi, ha autorizzato l'utilizzo della cassa integrazione in deroga per l'intero 2014, in modo da avere il tempo tecnico per valutare ogni possibile alternativa di reindustrializzazione per Orcenico.

Parlando di un mercato in continua contrazione senza previsione di recupero e di un risultato economico aziendale negativo e in forte peggioramento, l'amministratore delegato Antetomaso ha infatti rigettato ogni invito a rivedere le posizioni di Ideal Standard, fino al punto di abbandonare il Tavolo di trattativa.

All'incontro al MiSE era presente anche un rappresentante di BPI Gruppo Obiettivo Lavoro, che ha confermato di aver ufficializzato una manifestazione d'interesse a rilevare lo stabilimento pordenonese, precisando di poter dare una indicazione più precisa nell'arco di un mese. Da qui la richiesta della presidente della Regione di ritirare la procedura di mobilità e ricorrere alla cassa integrazione, per dare il tempo a BPI di valutare ogni aspetto.

ARC/PPD