Finalità

Il progetto - finanziato attraverso il Programma Erasmus plus 2014/2020, Azione Chiave 2: Partenariati strategici - ha come obiettivo generale la lotta e la prevenzione della dispersione scolastica dei giovani attraverso l'utilizzo di strumenti ICT.

Ritorna all'indice

Contenuti e metodologie

Il Progetto si articola nelle seguenti azioni:
- ricognizione delle metodologie innovative per contrastare l'abbandono scolastico e raccolta di buone prassi basate su strumenti multimediali e web - analisi delle cause della dispersione scolastica, basata sulla raccolta di indicazioni utili raccolte intervistando allievi tramite video/social networks/altri medi
- creazione di materiali educativi e didattici (brevi percorsi formativi e video) e di servizio online di peer mentoring
- sviluppo e condivisione di linee guida per educatori e insegnanti.

All'interno del Progetto, una particolare attenzione è rivolta all'individuazione di tecniche e metodologie per incrementare la motivazione all'apprendimento e il senso di appartenenza al sistema scolastico dei giovani che utilizzano ampiamente le modalità di comunicazione digitali.

 

Nel sito di Progetto - visitabile seguendo il link nel menu a destra - sono dettagliati i contenuti e le attenzioni metodologiche e sono visionabili i materiali prodotti nel corso del progetto.

Ritorna all'indice

A chi si rivolge

Il Progetto si rivolge agli insegnanti e formatori a contatto con i giovani nativi digitali (14-18 anni) nei contesti scolastici, formativi ed educativi e agli stessi nativi digitali.

Ritorna all'indice

Obiettivi del progetto

Il Progetto intende raggiungere questi obiettivi:

a) comprendere come i giovani che abbandonano prematuramente la scuola (e quelli a rischio) percepiscono la loro condizione in relazione a se stessi, alla famiglia e alla società in cui vivono
b) raccogliere e mettere a disposizione degli insegnanti strumenti e approcci basati sulle nuove tecnologie per migliorare la comunicazione e l'interazione con i ragazzi 
c) testare l'utilizzo di tali strumenti all'interno di azioni preventive ed educative
d) aumentare nei giovani - attraverso la realizzazione di video esplicativi - la consapevolezza dell'importanza di aspetti connessi al ruolo di cittadini digitali attivi, quali legalità, solidarietà, rispetto delle norme
e) condividere i risultati del progetto tra partner e tra reti di operatori del settore dell'istruzione e della formazione professionale.

Ritorna all'indice

La partnership di progetto

Le attività progettuali sono realizzate da una partnership internazionale che comprende dieci organizzazioni, pubbliche e private del settore educativo e della formazione professionale, provenienti da sei Paesi dell'Unione Europea:

Civiform (Ente capofila)
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili,  ricerca e università
Scuola Centrale Formazione
Istarska Županija - Regione Istria (Croazia)
Medicinska Škola Pula (Croazia)
Industrijsko Obrtnička Škola Pula (Croazia)
CJD Berufsbildungswerk Frechen (Germania)
BFI - Berufsförderungsinstitut Oberösterreich (Austria)
Etudes et Chantiers Corsica (Francia)
IES Valle de Aller (Spagna)

Ritorna all'indice

Eventi realizzati nell'ambito del progetto

All'interno del progetto, sono stati realizzati alcuni eventi di particolare rilievo, rivolti agli operatori coinvolti nel progetto, agli insegnanti interessati ai temi delle tecnologie nella didattica e ad un pubblico più ampio.

 

Evento conclusivo del progetto - Pula (HR) 9 giugno 2017
'Applying digital teaching tools to raise students' motivation and prevent early school leaving'
Nell’ambito dell’evento finale, oltre a illustrare i risultati del progetto, sono state proposte modalità di utilizzo delle nuove tecnologie e presentate applicazioni specifiche per rispondere a domande tuttora attuali: “Come aumentare l’interesse degli studenti nelle materie scolastiche?”, “Come aumentare la motivazione dei giovani allo studio?”, “Come prevenire l’abbandono scolastico?”.
Le esperienze realizzate nell’ambito del progetto hanno permesso di sperimentare un approccio innovativo per motivare gli studenti e per contrastare l’abbandono scolastico, utilizzando la digitalizzazione nell’insegnamento come opportunità piuttosto che come minaccia.
 

 

Convegno internazionale - #GENERAZIONEDIGITALE - DROP-APP - Udine 13 Maggio 2016
Il Progetto DROP-APP, trovando naturale collocazione all’interno dalla strategia della Regione Friuli Venezia Giulia relativa alla scuola digitale, è stato presentato congiuntamente alla stessa nell'ambito del Convegno, configurato come il primo degli eventi moltiplicatore previsti. L'incontro è stato arricchito dalla condivisione di approcci innovativi e da riflessioni condotte da esperti del settore (quali il professor Pier Cesare Rivoltella dell'Università Cattolica di Milano e la dott.ssa Pamela Filiberto della SISSA di Trieste), utili a fornire spunti a chi opera nei contesti scolastici, formativi ed educativi.

 

Seminario formativo per gli operatori - Trieste Maggio 2015

Si è svolta a Trieste all'inizio di maggio 2015 una settimana di formazione sull'utilizzo di nuove tecnologie nel settore dell'apprendimento rivolta a docenti, pedagogisti, educatori e professionisti dell'orientamento provenienti da diversi Paesi europei.
Le lezioni magistrali sono state condotte dal professore emerito dell'Università olandese di Delft Wim Veen, creatore del concetto di Homo Zappiens, contrapposto all'Homo Sapiens. Particolare attenzione è stata rivolta all'individuazione di tecniche e metodologie per incrementare la motivazione all'apprendimento e il senso di appartenenza al sistema scolastico dei giovani che utilizzano largamente le modalità di comunicazione digitali.
Al termine della settimana formativa, il gruppo dei partecipanti è stato guidato dal docente Giuliano Michelini nella sperimentazione pratica di alcune nuove tecnologie utilizzabili nell'ambito di percorsi scolastici/formativi.

Ritorna all'indice