Per la razionalizzazione della spesa per l’acquisto di beni e servizi è stato introdotto a livello nazionale l’istituto del Soggetto aggregatore.

Nell'ambito della nuova normativa, è previsto l'Elenco dei Soggetti aggregatori, di cui fa parte una centrale di committenza per ciascuna regione (articolo 9, comma 1 del Decreto Legge 24 aprile 2014, n. 66 "Misure urgenti per la competitività e la giustizia sociale", convertito, con modificazioni, dalla legge 23 giugno 2014, n. 89).

La Regione autonoma Friuli Venezia Giulia ha istituito la propria Centrale Unica di Committenza regionale quale struttura dell’Amministrazione regionale.

La Centrale unica di committenza regionale è stata qualificata Soggetto aggregatore dalla Legge regionale 12 dicembre 2014, n. 26.

In qualità di Soggetto aggregatore, la Centrale Unica di Committenza regionale provvede alle acquisizioni di beni e servizi individuati dalla programmazione del Tavolo tecnico dei soggetti aggregatori (vedi link qui a destra) o da quella della Giunta regionale, anche avvalendosi delle strutture competenti di Insiel per il settore informatico e di ARCS per il settore sanitario sulla base di specifico rapporto di avvalimento stabilito nella norma regionale (articolo 44, comma 4 bis, della Legge regionale 26/2014).