in evidenza

Indicazioni per il rientro in Italia dall'estero

Per i cittadini che rientrano in Italia dall'estero: principali novità sugli adempimenti da rispettare dal 1° luglio.


- Rientro da paesi in elenco C: obbligo di presentazione di certificazione verde, pena isolamento fiduciario di 10 giorni e tampone al termine di anzidetto periodo.
- Rientro da Canada, USA e Giappone (paesi in elenco D): consentito con certificazione verde, pena isolamento fiduciario di 10 giorni e ulteriore tampone al termine.
Sono state introdotte alcune novità in termini di esenzione alla compilazione del dPLF (si veda capitolo dedicato).
- Le misure relative agli spostamenti dall'India, dal Bangladesh e dallo Sri Lanka sono prorogate fino al 30 luglio 2021.
- Ingressi da Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord (compresi Gibilterra, Isola di Man, Isole del Canale e basi britanniche nell'Isola di Cipro): non si applicano le facilitazioni relative alla certificazione verde. Vige l'obbligo di sottoporsi a isolamento fiduciario di 5 giorni e ulteriore tampone al termine, oltre che all'effettuazione del tampone nelle 48 ore antecedenti all'ingresso in territorio italiano.
- I minori che viaggiano con almeno un genitore o con un accompagnatore in possesso di una delle certificazioni verdi, non sono tenuti ad effettuare, ove previsto, l'isolamento fiduciario, purché provenienti dai Paesi del Gruppo C e Canada, Giappone e Stati Uniti.
- I bambini di età inferiore a sei anni sono esentati dall'effettuazione del test molecolare o antigenico per l'ingresso/rientro.
- L'obbligo della comunicazione del proprio ingresso al Dipartimento di prevenzione della Azienda sanitaria competente permane per gli ingressi da UK, dai Paesi in lista D ed E (eccetto Canada, Giappone e Stati Uniti), e comunque in tutti i casi ove è previsto l'isolamento fiduciario (per esempio: soggetti privi di certificazione verde che rientrano da paesi in elenco C, Canada, Giappone e Stati Uniti).