Servizi per i datori di lavoro

16.03.20

STUDI PROFESSIONALI: misure straordinarie (COVID-19)

Mentre sono attese le disposizioni dell’ultimo Decreto per il contrasto all’emergenza coronavirus che prevede un aiuto ai professionisti, l’Ente bilaterale nazionale per gli studi professionali (EBIPRO) ha emanato una serie di misure straordinarie per tutelare i professionisti iscritti e salvaguardare i livelli occupazionali che riguardano il settore. L’iniziativa prevede nel dettaglio:

  • Sostegno al reddito. Gli studi professionali possono accedere alle misure sul sostegno al reddito già previste dal Ccnl degli studi professionali. In questi casi, il beneficio consiste in un contributo a sostegno della retribuzione oraria lorda persa in seguito a riduzione/sospensione dell’orario di lavoro. Allo studio interventi per integrare gli ammortizzatori sociali in deroga.
  • Smart working. Il decreto emanato dal Governo prevede la possibilità di attivare lo smart working per tutta la durata dell’emergenza. In questo ambito Ebipro per agevolare il lavoro a distanza  interviene con un rimborso a favore del datore di lavoro per le spese sostenute nell’acquisto degli strumenti necessari (personal computer, monitor, stampanti...). L'importo viene riconosciuto per ciascun lavoratore interessato.
  • Accesso al credito. Ebipro, attraverso Gestione Professionisti, ha stanziato un contributo a Fidiprof che potrà consentire l'accesso a finanziamenti per investimenti e liquidità per 7,5 milioni di euro a favore dei liberi professionisti che avranno così l'opportunità di accedere alle garanzie dello Stato, rilasciate dal Mediocredito Centrale, per far fronte alle esigenze di credito per tutta la durata dell'emergenza, ma anche per stimolare la ripresa delle attività degli studi post emergenza.

I regolamenti per accedere ai benefici previsti dalla bilateralità di settore saranno disponibili al link di Ebipro riportato sotto (già scaricabile Smart Work).

Sono inoltre disponibili i NUOVI INTERVENTI REGIONALI che prevedono contributi a fondo perduto per i professionisti (madri/padri) per conciliare le esigenze della professione con quelle della maternità e della paternità:

  1. Sostituzione del professionista: il professionista, instaurando un rapporto di lavoro di natura autonoma incarica un soggetto in possesso dei necessari requisiti professionali di svolgere la totalità delle proprie attività lavorative
  2. Collaborazione con il professionista: il professionista, instaurando un rapporto di lavoro di natura autonoma, incarica un soggetto in possesso dei necessari requisiti professionali di svolgere una parte delle proprie attività lavorative.
  3. Fruizione di servizi di baby sitting: il professionista può fruire dei servizi di baby sitting instaurando, con persone iscritte agli sportelli Si.Con.Te (attivati presso i Centri per l’Impiego) o iscritte agli elenchi baby sitter istituiti dai Comuni, contratti di lavoro domestico di livello almeno B Super o mediante prestazioni di lavoro occasionali utilizzando il Libretto Famiglia.

Ulteriori informazioni al link regionale riportato sotto.