la Regione dalla A alla Z Chiudi

28.01.19

Terzo Focus group Territoriale su Cooperazione territoriale europa e mainstreaming

Trieste, 30 e 31 gennaio 2019 - La Regione Friuli Venezia Giulia, in collaborazione e con il coordinamento di ERVET/Regione Emilia in qualità di National Contact Point e responsabile del Piano di Comunicazione del Programma transnazionale Mediterraneo 2014-2020, organizza il terzo Focus Group territoriale su Cooperazione territoriale europea e Mainstreaming con l’obiettivo di analizzare ed approfondire la capacità di integrazione dei risultati dei progetti CTE nella programmazione mainstreaming e, più in generale, la capacità dei progetti di CTE di influenzare il quadro programmatorio regionale.

Nel corso del Focus, cui parteciperanno, tra gli altri, l’Agenzia per la coesione territoriale, INTERACT, il Ministero degli Affari esteri e rappresentanti della Regione Friuli Venezia Giulia e di altre Regione italiane, verranno presentate le esperienze di strumenti di programmazione integrata quali ad esempio, l’I.T.I. (Investimento Territoriale Integrato) finanziato nell’ambito del programma Italia Slovenia e attuato dal GECT GO, l’esperienza CLLD (Strumenti di sviluppo locale) HEurOpen, attuata, in Friuli Venezia Giulia, dai GAL Open Leader ed Euroleader nell’ambito del programma Italia-Austria, oltre a numerose best practices di progetti CTE che hanno efficacemente integrato i risultati nella programmazione mainstreaming e regionale, tra le quali sono stati selezionati i progetti CHIMERA e CRE:HUB, attuati dalla Direzione centrale cultura e sport, i progetti MICOTRA e CROSSMOBY attuati dal Servizio mobilità della Direzione centrale Infrastrutture e territorio ed il progetto strategico MARIE, attuato da AREA Science Park, in collaborazione con il Servizio Energia della Direzione centrale Ambiente.

Seguiranno altri Focus di confronto ed a fine 2019 un evento nazionale su CTE e mainstreaming, aperto ad un pubblico ampio, a restituzione degli esiti dei lavori sviluppati dai Focus group Territoriali ed utile ad orientare la capacità progettuale dei beneficiari, soprattutto in vista della futura programmazione post 2020.