Entro il 28 febbraio di ogni anno le organizzazioni di volontariato possono presentare domande per i contributi per l’attuazione di progetti di particolare rilevanza, l’acquisto di attrezzature tecniche e per i rimborsi delle spese di assicurazione.

L’amministrazione regionale sostiene iniziative finalizzate alla promozione della cultura della solidarietà, concedendo alle organizzazioni iscritte al Registro regionale del volontariato contributi per la realizzazione di attività di particolare rilevanza, l'acquisto di attrezzature tecniche necessarie per l'attività di volontariato e i rimborsi delle spese assicurative.
 

Attività di particolare rilevanza

Sono concessi contributi per la realizzazione di attività di particolare rilevanza da parte di una o più organizzazioni di volontariato in partenariato tra loro, purché il progetto ricada in uno degli ambiti prioritari di intervento definiti con DGR n. 12/2019 ai sensi dell’articolo 9, comma 2, della legge:

1. promozione della coesione sociale nella comunità locale attraverso la valorizzazione e la gestione partecipata dei beni comuni e per una piena inclusione sociale di ogni persona;
2. promozione della cittadinanza attiva e del volontariato con i giovani e la scuola, con particolare attenzione alle iniziative di prevenzione e contrasto delle dipendenze e del disagio giovanile;
3. sostegno all’invecchiamento attivo e promozione del volontariato delle persone anziane.
 

Il progetto deve venir realizzato all’interno del territorio regionale con l’apporto determinante e prevalente di volontari appartenenti al soggetto o ai soggetti proponenti e deve avere una durata non superiore ai dodici mesi.
Il contributo è concesso nella misura massima dell’80 per cento dell’importo della spesa ammissibile, fino a un massimo di euro 5.000,00 (cinquemila) nel caso di progetto realizzato da una singola organizzazione, e fino a un massimo di euro 10.000,00 (diecimila) nel caso di progetto realizzato congiuntamente da due o più organizzazioni, nell’ambito di un rapporto di partenariato.

La domanda (scaricabile nella sezione MODULISTICA) relativa al progetto di particolare rilevanza per il quale viene richiesto il contributo regionale, inviata  all'indirizzo PEC autonomielocali@certregione.fvg.it , riporta, a pena di esclusione, i seguenti elementi:
a) una descrizione sintetica del progetto con indicazione dell’ambito prioritario di intervento in cui ricade tra quelli deliberati ai sensi dell’articolo 9, comma 2, della legge;
b) un piano economico-finanziario in cui siano riportate le entrate e le spese relative al progetto;
c) nel caso di progetto congiunto, l’indicazione dell’organizzazione capofila e delle altre organizzazioni di volontariato partecipanti al progetto in qualità di partner. 

Ritorna all'indice

Acquisto attrezzature  tecniche

Ai sensi del Regolamento n. 265/2014 e s.m.i. sono concessi contributi per l’acquisto di attrezzature tecniche utilizzabili direttamente ed esclusivamente per l’attività di volontariato nel limite massimo della spesa ammissibile e comunque per un importo non superiore ad euro 3.000,00 (tremila) per ciascuna organizzazione richiedente. 

Le attrezzature tecniche acquistate con il contributo regionale sono obbligatoriamente iscritte nel registro dei beni ammortizzabili o nel libro degli inventari dell’organizzazione beneficiaria e rimangono vincolate all’esercizio dell’attività di volontariato nel territorio regionale per almeno cinque anni, a partire dalla data di iscrizione in tali registri.

Per ogni attrezzatura tecnica per cui si richiede il contributo regionale, devono essere richiesti almeno 3 preventivi di spesa a fornitori diversi (da indicare nella sezione della modulistica) e deve essere allegato alla domanda di contributo, pena esclusione, quello di importo inferiore. I preventivi devono essere di data non antecedente a 30 giorni dalla data di presentazione della domanda di contributo.

Non sono ammissibili le spese per:

a) acquisto di materiali di cancelleria;

b) acquisto di beni di facile consumo, intendendo quelli di importo unitario inferiore ad euro 100,00 (cento);

c) abbigliamento, ad esclusione di quello richiesto per particolari funzioni dei volontari per motivi di sicurezza;

d) abbonamenti per pubblicazioni o per la fruizione di servizi anche informatici;

e) manutenzione di beni o per l’estensione di garanzie oltre i termini di legge;

f) acquisto di elementi o impianti riguardanti le strutture, il riscaldamento, il condizionamento e l’illuminazione;

g) acquisto di beni mobili registrati;

h) acquisto di arredi, compresi quelli d’ufficio;

i) acquisto di beni usati.

Con deliberazione di Giunta regionale n° 13 del 11 gennaio 2019  sono state individuate le quote del volontariato da destinare ai singoli comparti di intervento e sono state delegate al Centro Servizi Volontariato CSV FVG le funzioni amministrative relative alla concessione di contributi per l’acquisto di attrezzature tecniche utilizzabili direttamente ed esclusivamente per l’attività di volontariato di cui all’articolo 9, comma 1, lettera b) della LR 23/2012. La domanda di contributo dovrà essere inviata al CSV FVG come da indicazioni rinvenibili sul sito: 

Ritorna all'indice

Rimborso spese assicurative

Con deliberazione di Giunta regionale n° 13 del 11 gennaio 2019 sono state individuate le quote del volontariato da destinare ai singoli comparti di intervento e sono state delegate al Centro Servizi Volontariato CSV FVG le funzioni amministrative relative alla concessione di contributi per l’assicurazione dei volontari di cui all’articolo 9, comma 1, lettera a) della LR 23/2012.

La domanda di contributo dovrà essere inviata al CSV FVG come da indicazioni rinvenibili sul sito: 

Ritorna all'indice