Opportunità formative per minori e operatori.

  

Intervento 2.3 del Programma Immigrazione 2019 - Formazione educatori/operatori

 

Nell’ambito del processo di inserimento sociale dei MSNA, le funzioni svolte dagli educatori e dagli assistenti sociali rivestono un ruolo di estrema importanza. Il Tribunale per i minorenni dispone l’affido del MSNA al Servizio sociale dell’Ente locale territorialmente competente per definire e perseguire, in raccordo con tutti gli altri soggetti coinvolti, il Piano Educativo Individualizzato (PEI). Il livello di preparazione del personale addetto alla predisposizione e all’attuazione delle misure stabilite per l’accoglienza e l’inserimento sociale, deve essere sufficientemente adeguato e sostenuto, con particolare riferimento alle figure più preminenti individuate per il raggiungimento degli obiettivi stabiliti (assistente sociale ed educatore professionale socio pedagogico).

Con questo intervento s’intende promuovere maggiormente la formazione continua degli assistenti sociali e degli educatori professionali; le funzioni assegnate per rimanere adeguate nel corso del tempo, in un contesto oggettivamente complesso qual è quello dell’a ccoglienza dei MSNA e dei NEOMAGGIORENNI, richiedono l’acquisizione di una pluralità di competenze in continuo aggiornamento.

  

Ritorna all'indice

Intervento 2.4 del Programma Immigrazione 2019 - Italiano per MSNA e Neomaggiorenni

Per facilitare il ruolo degli Enti locali e in particolare dei Servizi sociali che in collaborazione con gli enti di formazione accreditati dalla Regione hanno il compito di realizzare i progetti di accompagnamento all’autonomia dei MSNA, la Regione interviene mediante il finanziamento di attività propedeutiche all’inserimento lavorativo.

L’obiettivo, al termine del breve percorso formativo che in linea generale non può superare il 18° anno di età (fatto salvo il c.d. “prosieguo amministrativo”) è volto al potenziamento delle conoscenze di base di MSNA ed eventuali NEOMAGGIORENNI, per poter svolgere esperienze lavorative dirette o nell’ambito dei tirocini.
L’attuazione del presente intervento può pertanto risultare propedeutica all’attivazione di tirocini inclusivi, affinché i “soggetti ospitanti” di natura pubblica o privata, accolgano più favorevolmente le proposte degli Enti di formazione che, in conformità alla legge regionale sono accreditati e possano proporsi in qualità di soggetti promotori. 
Regione ed Enti locali collaborano per il massimo contenimento dei costi; MSNA e NEOMAGGIORENNI che percepiscono sostegni di natura economica sotto forma di indennità o in altra forma, compartecipano alla spesa sostenuta presso la Comunità di accoglienza.
 
Di seguito è pubblicato il Bando 2019 coi relativi allegati:

Ritorna all'indice