la Regione dalla A alla Z Chiudi

La Regione a Bruxelles

05.07.19

Politica e social network: gli indici di diffusione dei Twitter tra i MEP

Bruxelles, 05 luglio 2019 - Il ruolo giocato dai social network nelle trasformazioni delle arene politiche in Europa è argomento di dibattito da anni e quando se ne parla, lo si affronta soprattutto nella relazione tra elettore e cittadino; meno noto è invece come i vari politici del vecchio continente utilizzano i social per comunicare tra di loro, scambiare opinioni o semplicemente “ seguirsi” a vicenda per osservare le mosse elettorali dei colleghi e degli avversari.
 
A questo proposito, il sito Politico.eu, influente testata di approfondimento politico attiva in Europa e Nordamerica, ha analizzato i followers dei 629 Membri del Parlamento Europeo iscritti al social network Twitter, con l’obiettivo di scoprire quali siano i politici più “ influencer ” all’interno dell’assemblea di Strasburgo.
 
Dai risultati emersi dall'indagine di Politico.eu emerge che i profili con più seguiti tra i MEPs corrispondono alle principali personalità delle istituzioni UE.

Il profilo più seguito risulta essere quello del Presidente della Commissione uscente Jean-Claude Juncker, che conta 288 followers tra i suoi colleghi dell’Europarlamento, seguito dal Presidente uscente del Consiglio Europeo Donald Tusk (276 followers); la terza posizione è occupata dall’ex Presidente degli Stati Uniti d’America Barack Obama (nell’elenco è presente anche l’attuale Presidente Donald Trump), mentre le altre posizioni sono occupate dalle altre personalità di spicco del panorama UE, in primis l’ex Presidente del PE Martin Schulz, l’Alto Rappresentante Federica Mogherini e il Vicepresidente Frans Timmermans.
 
Per quanto riguarda i leader del Parlamento Europeo, il MEP più seguito è Guy Verhofstadt (RE-Belgio) con 206 seguaci, seguito da Manfred Weber (EPP-Germania) e da Ska Keller (Greens /EFA-Germania), rispettivamente a 169 e 120 followers; al di sopra della soglia dei 100 contatti ci sono anche i due ex Presidenti Antonio Tajani (EPP-Italia) e Jerzy Buzek (EPP-Polonia).
 
Politico.eu ha poi messo a confronto le varie delegazioni nazionali dell’Europarlamento in base alla somma cumulativa dei loro followers su Twitter. Su questo punto, in linea teorica i Paesi più grandi, disponendo di una delegazione più numerosa, dovrebbero avere una maggiore base di seguaci su social network; tuttavia, il quotidiano ha riscontrato che questa conclusione è valida principalmente per Germania (2274 complessivi) e Francia (1597 sommati tra di loro), mentre l’Italia (con 812 followers) e alcuni Paesi dell’Est presentano numeri più bassi, anche in proporzione al numero di eletti per delegazione, soffrendo quindi di una certa difficoltà nel raccogliere seguaci da tenere sempre informati e aggiornati con gli ultimi tweet sui dibattiti all’interno dell’assemblea.