la Regione dalla A alla Z Chiudi

La Giunta Regionale


29.10.2017 12:44

Cultura: Torrenti, rete beni e attività culturali è motore turismo

Trieste, 29 ottobre - "Il patrimonio espresso da beni e attività culturali, ma anche da aspetti immateriali come quelli storici e paesaggistici, deve essere messo in rete per un'adeguata valorizzazione, anche attraverso una progettazione integrata di percorsi al di fuori dei confini regionali. È questo patrimonio, comprensivo anche dell'artigianato, il motore del turismo".

Lo ha dichiarato l'assessore regionale alla Cultura Gianni Torrenti a Paestum (Salerno) alla XX edizione della Borsa mediterranea del turismo archeologico (Bmta).

Uno dei principali obiettivi degli appuntamenti cui ha partecipato Torrenti, anche in veste di coordinatore della Commissione cultura della Conferenza delle Regioni - assieme agli assessori omologhi della Valle d'Aosta Emily Rini e della Campania Corrado Matera - è stato perfezionare i contenuti della "Carta di Paestum", documento che è stato presentato lo scorso anno sempre al Bmta, finalizzato appunto alla realizzazione di un sistema interregionale di sviluppo integrato per far viaggiare in sinergia cultura e turismo.

Nell'evidenziare l'importanza crescente che il patrimonio culturale riveste come fattore di dialogo interculturale, d'integrazione sociale e di sviluppo economico, Torrenti ha sottolineato come "dopo l'adozione della Carta, l'auspicio sia quello di elevarne i contenuti a vero e proprio progetto strategico, da collegare al Piano nazionale del turismo concertato tra Regioni e Mibact [Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo], dedicando alcuni focus particolari come, ad esempio, quello del turismo archeologico".

Torrenti ha visitato anche lo stand di PromoTurismoFVG che ha partecipato alla Bmta con la Fondazione Aquileia presentando per la prima volta il sistema delle destinazioni Unesco del Friuli Venezia Giulia, Cividale, Palmanova e Aquileia.

Obiettivo della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico è promuovere i siti e le destinazioni di richiamo archeologico, favorire la commercializzazione, contribuire alla destagionalizzazione e incrementare le opportunità economiche e gli effetti occupazionali. La Borsa è l'unico evento al mondo che consente l'incontro di questo settore dei beni culturali con il business professionale, con gli addetti ai lavori, con i viaggiatori, con gli appassionati e con il mondo scolastico. ARC/Com/PPH/ppd