la Regione dalla A alla Z Chiudi

La Giunta Regionale


14.04.2016 14:39

PROTEZIONE CIVILE: II INCONTRO SU GESTIONE DEL RISCHIO IDROGEOLOGICO

Palmanova (UD), 14 aprile - "Un appuntamento importante per fare in modo che i Piani comunali di Protezione civile non restino un'incombenza formale ma siano strumenti di natura dinamica, come tutti gli strumenti di pianificazione, in cui sia forte la relazione fra tutti i soggetti del territorio per un'interazione costante".

Lo ha detto oggi l'assessore regionale alle Autonomie locali del Friuli Venezia Giulia Paolo Panontin nella sede della Protezione civile a Palmanova in occasione del secondo incontro formativo, sui quattro previsti, rivolti alle strutture comunali e ai gruppi comunali di volontariato per un confronto sulle possibili sinergie per una più efficace risposta del sistema locale di protezione. L'iniziativa rientra tra gli obiettivi strategici del Piano della Prevenzione per l'anno in corso, approvato dalla Giunta regionale per ridurre le situazioni emergenziali di rischio per la popolazione.

Panontin ha sottolineato l'importanza di una forte integrazione fra sindaci, i responsabili della Protezione civile sul territorio, tecnici comunali e la Regione che, attraverso il Centro Funzionale Decentrato (CFD), dà indicazioni giornaliere puntuali sulle criticità meteorologiche.

"Il cosiddetto tempo di pace è un tempo fondamentale per fare formazione ed esercitazioni - ha indicato Panontin - che noi programmiamo annualmente, anche per fare in modo che i Piani comunali di sicurezza e Protezione civile siano costantemente aggiornati. Incontri come quello odierno vanno anche nella direzione di rafforzare la relazione con il CFD".

L'Amministrazione regionale ha voluto proporre questi incontri formativi a oltre un anno dall'attivazione del CFD e di applicazione sul territorio regionale del Sistema nazionale di allertamento per il rischio meteo-idrogeologico e idraulico.

I temi trattati hanno riguardato il Sistema di allertamento e la conseguente attivazione delle fasi operative della pianificazione di emergenza, anche alla luce delle nuove indicazioni del capo del Dipartimento della Protezione civile emanate il 10 febbraio scorso, l'operatività degli organi regionali deputati, quindi il CFD della Protezione civile regionale con ARPA FVG / OSMER e la relativa normativa statale e regionale di riferimento oltre che gli applicativi informatici di supporto.

ARC/LP/ppd
 

 
a margine dell'incontro formativo rivolto alle strutture comunali e ai gruppi comunali di volontariato di Protezione civile, rilasciate a Palmanova il 14 aprile 2016