la Regione dalla A alla Z Chiudi

Notizie dalla Giunta


11.02.2019 11:32

Ambiente: Scoccimarro, ricarica per auto elettriche al Trieste Airport

Da marzo attive le prime 8 colonnine per veicoli ecologici

Trieste, 11 feb - A partire da marzo presso i parcheggi del polo intermodale dell'aeroporto del Friuli Venezia Giulia saranno attivi 16 punti di ricarica per auto elettriche, che saranno installati a cura di Enel X, la società del Gruppo Enel per lo sviluppo dei nuovi business legati alla digitalizzazione e alla mobilità elettrica, grazie ad un accordo di partnership sottoscritto nei giorni scorsi con i vertici dello scalo regionale.

Un'isola di ricarica dotata di 8 colonnine di tipo Pole, in grado di rifornire contemporaneamente 16 veicoli elettrici, di cui 14 autovetture, sarà collocata presso il Park 8, quello situato tra l'aeroporto e la stazione ferroviaria. Per il Park 4 'sosta breve' Enel X e Trieste Airport hanno invece previsto l'installazione di una colonnina di tipo Fast, in grado di ricaricare due e-car contemporaneamente in circa 30 minuti, la cui installazione ed attivazione avverrà successivamente.

Il nuovo servizio si rivolge sia a passeggeri che, partendo dal polo intermodale, viaggiano in aereo o in treno e desiderano ritrovare la propria auto elettrica con il pieno di energia, sia a automobilisti in transito che hanno la necessità di ricaricare il proprio mezzo, potendo nel frattempo fruire dei servizi e delle aree relax presenti nel terminal.

"L'accordo con Enel X completa l'offerta del nuovo polo intermodale dell'Aeroporto di Trieste. Siamo l'unico scalo italiano che è in grado di offrire contemporaneamente tutte le modalità di trasporto integrando aereo, ferro, gomma con l'utilizzo di mezzi pubblici e privati - da oggi anche elettrici - in un unico sistema perfettamente sinergico. Grazie alla partnership con Enel oggi il polo assume un ruolo baricentrico rispetto alla mobilità del Friuli Venezia Giulia e tutta l'infrastruttura aeroportuale si presenta come un nodo di servizi competitivo e sostenibile in grado di collegare in modio sempre più efficiente Regione, e i territori limitrofi, con l'Europa e il mondo", ha dichiarato il presidente di Trieste Airport, Antonio Marano.

"Siamo convinti - ha sottolineato Alessio Torelli, responsabile Enel X Italia - che il futuro della mobilità sarà elettrico. Per questo abbiamo lanciato un ambizioso, ma realistico e concreto, piano per l'installazione capillare di colonnine per servizi di ricarica in tutte le regioni italiane, che abiliterà la crescita del numero dei veicoli elettrici e ibridi circolanti. Il nostro Piano nazionale prevede la posa di circa 7 mila colonnine elettriche entro il 2020 per poi arrivare a 14 mila nel 2022. Attraverso questa intesa - ha aggiunto Torelli - le due aziende confermano il loro impegno a favore della mobilità sostenibile e della creazione di tutte le condizioni che agevolano e promuovono forme di turismo a basso impatto ambientale e che per i propri spostamenti prediligono la mobilità elettrica".

Soddisfazione per l'importante intesa siglata da Enel X e Trieste Airport è stata espressa dall'assessore regionale all'Ambiente ed Energia, Fabio Scoccimarro, che ha rimarcato come il Friuli Venezia Giulia sia impegnato a diventare una regione modello in tema di sostegno alla mobilità elettrica.

"In coerenza con quanto indicato dalla normativa internazionale e nazionale - ha ricordato l'assessore - la Regione ha predisposto un proprio Piano per la mobilità elettrica, che sostiene contestualmente da un lato la rottamazione di veicoli inquinanti e l'acquisto di nuovi a basso impatto ambientale (elettrici, ibridi o bi-fuel) con contributi da tre a cinque mila euro, dall'altro lo sviluppo di una rete capillare e uniforme di punti di ricarica".

"Questo accordo si inserisce pienamente nelle nostre iniziative pianificatorie, contribuendo alla crescita del polo intermodale" ha concluso Scoccimarro, ricordando anche che "nel corso del 2019 verrà programmato il progetto Noemix, il quale permetterà di sostituire 800 veicoli a combustione della pubblica amministrazione con 640 macchine elettriche, abbattendo notevolmente le emissioni e rivoluzionando il sistema della mobilità degli enti locali". ARC/COM