la Regione dalla A alla Z Chiudi

Notizie dalla Giunta


16.02.2018 15:44

Salute: a Monfalcone progetto per neuropsichiatria infantile

Monfalcone (Go), 16 feb - Favorire l'attività multidisciplinare e la differenziazione degli arredi e degli spazi a seconda dell'età dell'utenza, così da creare ambienti a misura delle esigenze dei bambini e dei ragazzi per erogare un servizio moderno e funzionale.

Sono queste le caratteristiche principali del progetto preliminare dedicato al reparto di Neuropsichiatria infantile dell'ospedale San Polo di Monfalcone, ideato un anno fa dall'associazione DinAmici e illustrato in occasione dell'incontro odierno nell'auditorium del nosocomio.

L'intervento di ricollocazione e ammodernamento del servizio territoriale distrettuale, posto all'interno degli spazi dell'ospedale San Polo, prevede circa 20 stanze con una sala dedicata all'autismo su una superficie di 900 metri quadrati ed è volto, come è stato evidenziato, a razionalizzare e riorganizzare gli spazi all'ultimo piano della palazzina B per rendere l'intero ambiente rinnovato e all'avanguardia.

Sostenuto dalla Regione, che ha già stanziato 1,44 milioni di euro per i lavori di ristrutturazione, con l'Azienda per l'assistenza sanitaria n. 2 Bassa Friulana-Isontina (Aas), l'intervento vede la collaborazione dell'associazione DinAmici e la partecipazione dei 9 Comuni del Basso Isontino (Doberdò del Lago, Fogliano-Redipuglia, Grado, Monfalcone, Ronchi dei Legionari, San Canzian d'Isonzo, San Pier d'Isonzo, Staranzano e Turriaco).

Per la Regione, il progetto odierno interpreta nel modo migliore le trasformazioni in atto nella società e rappresenta la necessità di dare risposte adeguate ad un sistema di bisogni cambiato. Dal punto di vista organico, infatti, i bambini e i ragazzi si ammalano di meno ma su di loro gravano altri problemi, diversi dal passato quali, ad esempio, i ritardi e le alterazioni dello sviluppo cognitivo, comunicativo-linguistico, motorio e di apprendimento. In quest'ottica si orienta l'impegno della Regione che, con la riforma sanitaria, ha inteso riorganizzare e rafforzare anche il ruolo della neuropsichiatria a livello territoriale.

La giornata odierna ha fatto emergere, inoltre, l'importanza della rete, rispetto alla quale la Regione ha rilevato come il lavoro di squadra, la capacità di creare reti con tutti gli attori rilevanti nel processo di crescita dei minori (istituzioni, famiglie, operatori sanitari, sociali) rappresenti una delle formule per rendere qualificata la risposta da dare alle esigenze dell'infanzia e dell'adolescenza, ambito fra quelli più bisognosi di protezione.

Per il direttore della struttura complessa di Neuropsichiatria Oriana Chiarparin, intervenuta all'evento, la nuova formulazione del servizio è legata alla legge di riforma della salute che ha mostrando un impegno chiaro verso i minori.

Boris Cernic, responsabile della neuropsichiatria infantile della sede di Monfalcone, nel ricordare la specificità del servizio dedicato ai soggetti in evoluzione, bambini e ragazzi fino a 18 anni, ha sottolineato l'aumento degli utenti presi in carico. Si è passati infatti dagli 880 bambini e adolescenti che hanno usufruito dei servizi della sede di Monfalcone nel 2012, ai 1058 del 2017. Le nuove prese in carico nel 2017 sono 306 a fronte dei 197 casi del 2012.

I numeri, come ha illustrato Cernic, evidenziano, inoltre, come nel corso del tempo si sia riscontrata nell'utenza della fascia della prima infanzia, una crescita importante, passando dal 21 per cento del 2009 al 39 per cento del 2017.

Un altro aspetto rilevato è stata la multidisciplinarità del servizio distrettuale che vede la collaborazione di più figure professionali: dal medico neuropsichiatra al logopedista, al fisioterapista fino allo psicologo e ai neuropsicomotricisti. In chiusura, sono intervenuti Manuela Fumis e Manuel Manuzzato, fondatori di DinAmici per rivolgere un appello ad aderire alla raccolta fondi utile per acquistare i materiali d'arredo volti a rendere gli ambienti più fruibili e gli spazi più colorati così da togliere, almeno in parte, la connotazione ospedaliera. ARC/LP/fc