la Regione dalla A alla Z Chiudi

Notizie dalla Giunta


05.02.2018 15:45

Migranti: via a manutenzione straordinaria esterno Cavarzerani

Udine, 5 febbraio - Sono iniziati stamattina i lavori di manutenzione straordinaria delle aree perimetrali esterne all'ex caserma Cavarzerani in via Cividale a Udine.

Le operazioni di pulizia del verde, con interventi di potatura e disboscamento, sono eseguite da una squadra specializzata del Servizio regionale gestione territorio montano e bonifica che completeranno i lavori in poco più di una settimana.

Accanto ai forestali della Regione, anche un gruppo di migranti ospiti della ex caserma, coordinato dalla Croce Rossa di Udine, sta svolgendo lavori di pulizia del piazzale d'ingresso.

L'avvio dei lavori di manutenzione straordinaria fa seguito a un impegno che la Regione aveva preso nel novembre scorso con il Comitato Cavarzerani, che riunisce alcune decine di residenti della zona, per garantire una serie di interventi finalizzati a migliorare le condizioni esterne e la percezione di sicurezza dei cittadini che risiedono nel quartiere.

A tal fine, agli inizi di gennaio 2018, con un atto aggiuntivo alla convenzione tra Prefettura di Udine e Regione, si è regolamentato giuridicamente il quadro dell'intervento tecnico.

Stamattina sul posto erano presenti per un sopralluogo la presidente della Regione, il sindaco e il prefetto di Udine, il rappresentante del Comitato Cavarzerani e il direttore della Croce Rossa di Udine che hanno potuto verificare il puntuale avvio dei lavori e lo svolgimento, in totale sicurezza per i residenti, sia della manutenzione straordinaria che della pulizia ordinaria dell'area.

Le aree interessate dagli interventi riguardano l'intero perimetro fronte ingresso ed il perimetro posto ad ovest ed in minima parte il perimetro posto ad est del complesso, per un totale di 850 metri di percorso.

Attualmente l'ex caserma Cavarzerani ospita 250 migranti. Dal 2015, con cadenza quasi settimanale, squadre di richiedenti asilo svolgono lavori volontari di pulizia, raccolta rifiuti, sfalcio d'erba, sotto la guida degli operatori della Croce Rossa che ha in gestione la struttura.

La Regione, nel rispetto dell'impegno e della collaborazione istituzionale finalizzata a conciliare i diritti dei cittadini residenti con i diritti dei migranti richiedenti asilo, ha dato la propria disponibilità, fin dai primi incontri con il Comitato, a mettere a disposizione eventuali ulteriori risorse che i rendessero necessarie per migliorare l'illuminazione, allestire dei bagni chimici e garantire la vigilanza dell'area. ARC/SSA/fc