la Regione dalla A alla Z Chiudi

Notizie dalla Giunta


23.01.2018 12:34

Cultura: Trieste Film Festival rafforza ruolo Fvg con Est Europa

Trieste, 23 gennaio - Un Festival che ha contribuito a consolidare il ruolo di Trieste e della regione quale punto di contatto e d'incontro con l'Est Europa, in particolare con i Balcani, il cui ultimo vertice internazionale lo scorso luglio non a caso si è tenuto proprio nel capoluogo giuliano.

Questa una delle riflessioni emerse da parte della Regione ieri a Trieste nel corso della seconda apertura della 29.a edizione di Trieste Film Festival (19-28 gennaio), primo e più importante appuntamento italiano con il cinema dell'Europa centro orientale. Presente all'evento, tra gli altri, anche la presidente della Regione Friuli Venezia Giulia.

Nucleo centrale della rassegna si confermano i tre concorsi internazionali dedicati a lungometraggi, cortometraggi e documentari: a decretare i vincitori sarà lo stesso pubblico che assiste alle proiezioni. Per quel che riguarda in particolare il Concorso internazionale lungometraggi sono nove i film in programma, tutti in anteprima italiana.

Come è stato ribadito dall'Amministrazione regionale, in questi anni si è investito in maniera importante sulla cultura, facendo del territorio una vera vetrina sul mondo. In questo ambito Trieste Film Festival ha avvicinato nazioni e popoli vicini geograficamente, ma che un tempo erano distanti e lontani sul piano politico.

A tal riguardo la Regione ha sottolineato il ruolo del Festival quale luogo ideale di incontro di culture diverse, rimarcando come proprio la cultura e la scienza, prima della diplomazia e dei cambiamenti storici, siano state capaci di abbattere i muri e di far incontrare realtà divise da quella che era la Cortina di Ferro.

Da parte sua, la presidente dell'Associazione Alpe Adria Cinema che organizza il Festival, Cristina Sain, ha ringraziato l'Amministrazione regionale "per aver sostenuto la rassegna in maniera virtuosa, consentendoci di lavorare con tranquillità e di progettare il futuro senza incertezze attraverso una programmazione di tipo triennale". ARC/GG/ep