la Regione dalla A alla Z Chiudi

Notizie dalla Giunta


19.01.2018 15:40

Bilaterale Fvg - Slovenia: rapporti solidi, bene il Comitato Congiunto

Trieste, 19 gennaio - Intensi, proficui e solidi: così sono stati definiti i rapporti tra il Friuli Venezia Giulia e la Slovenia nell'incontro bilaterale riservato che la presidente della Regione e il vicepremier e ministro degli Esteri sloveno Karl Erjavec hanno avuto a Trieste nel Palazzo della Regione prima della sessione plenaria del Comitato Congiunto Fvg-Slovenia. Da entrambe le parti è stata evidenziata la felice intuizione di avviare il Comitato Congiunto come format ideale per la collaborazione tra la Regione e la vicina Repubblica.

Molti i temi toccati nei colloqui che hanno preceduto la sessione plenaria e i sei tavoli di lavoro tematici in cui sono impegnate le rispettive delegazioni. La presidente del Friuli Venezia Giulia ha evidenziato tre punti principali: l'obiettivo di realizzare un collegamento ferroviario tra Trieste e Lubiana, supportato dal Governo italiano; la ferma contrarietà della Regione al progetto del rigassificatore di Zaule; la necessità di rafforzare la collaborazione sul piano della ricerca scientifica in vista dell'appuntamento del 2020 con Trieste Esof.

Il ministro Erjavec ha condiviso l'opportunità di un collegamento ferroviario tra la Slovenia e il Friuli Venezia Giulia e anche sul progetto del terminal di rigassificazione si è detto pienamente d'accordo con la posizione espressa dalla presidente della Regione, in considerazione soprattutto della necessità di preservare il delicato ecosistema altodriatico. Il ministro degli Esteri ha dimostrato apprezzamento per la costituzione a Trieste dell'Ufficio per la lingua slovena e ha convenuto con la presidente del Friuli Venezia Giulia sulla bontà di perseguire la candidatura del Collio/Brda a patrimonio mondiale dell'Unesco.

Da parte slovena è stato anche assicurato l'interessamento a risolvere i problemi comportati dallo svasamento del bacino che forma il lago di Santa Lucia d'Isonzo, evidenziati dalla presidente della Regione. Da parte del ministro Erjavec è stata rilevata, infine, l'importanza della rassicurazione ricevuta dal Governo italiano lo scorso novembre sulla restituzione alla minoranza slovena del Narodni Dom di Trieste. ARC/PPH/ppd