la Regione dalla A alla Z Chiudi

Notizie dalla Giunta


23.10.2017 13:25

Zootecnia: Shaurli, carico su territorio Fvg non registra criticità

Trieste, 23 ottobre - "Il carico complessivo di produzione agricola e in particolare degli allevamenti zootecnici sul territorio del Friuli Venezia Giulia non presenta sostanziali criticità e i crescenti investimenti sul biologico e sulla sostenibilità ambientale garantiranno nel tempo un ulteriore contributo positivo". Lo ha affermato l'assessore regionale alle Risorse agricole e forestali Cristiano Shaurli commentando i dati forniti in risposta a un'interrogazione del consigliere Giovanni Barillari.

Come ha reso noto Shaurli, per quanto concerne la distribuzione dei carichi d'azoto da effluenti zootecnici, da stime ed elaborazioni effettuate da tecnici della Regione nell'ambito del progetto Nitrati MiPaaf-Ispra-Regioni 2012-15 sulla base della consistenza del patrimonio zootecnico e della Superficie agricola utilizzata (Sau) disponibili per singolo Comune al 2010, "si è confermata una situazione più che confortante e in costante miglioramento". In dettaglio, a fronte di soglie di 340 kg/ha e 170 kg/ha di azoto al campo da fonte zootecnica ammessi - rispettivamente in Zone ordinarie ed in Zone vulnerabili ai nitrati- come quantitativo massimo apportabile, solamente un terzo dei Comuni del Friuli Venezia Giulia superava i 50 kg d'azoto zootecnico/ha Sau comunale, meno del 15% superava le 75 unità di N zootecnico/ha, poco più del 5% dei Comuni sopravanzava le 100 unità di N/ha Sau comunale e solamente lo 0,9% (2 Comuni) le 130 unità. La razionalizzazione della risorsa idrica, il contenimento e il riuso della stessa, ha ricordato Shaurli, "è di fondamentale importanza e su questo oltre al grande investimento effettuato in questi anni per un moderno sistema irriguo regionale, circa 11,5 milioni di euro ogni anno, si sono destinate risorse Psr per accompagnare le imprese ad adottare strumenti e scelte per il risparmio idrico".

Inoltre l'assessore ha evidenziato l'importanza di alcune misure adottate dalla Regione in chiave di equilibratura tra utilizzo del suolo e allevamento nel rispetto dell'ambiente e del benessere animale. "La misura 14 del Psr (Programma di sviluppo rurale) persegue l'obiettivo di assegnare maggiore spazio agli animali e il miglioramento del quadro generale delle pratiche di allevamento in regione - ha osservato l'assessore -, che potrà determinare un incremento qualitativo e un ulteriore beneficio in termini di impatto ambientale degli allevamenti stessi". Inoltre, ha aggiunto Shaurli, "va segnalata l'importante risposta che si è avuta nell'ambito dell'agricoltura biologica: l'adesione alla Misura 11 è stata più che soddisfacente, ponendo le condizioni affinché un numero crescente di aziende zootecniche possano avviare la certificazione biologica".

In termini economici, a una dotazione finanziaria iniziale di 7 milioni di euro già prevista dal Psr, per coprire le richieste pervenute, la Giunta ha assegnato ulteriori 18 milioni di euro, di fatto riuscendo a evitare graduatorie e a soddisfare tutte le domande. "È stato così possibile - ha annotato Shaurli - quadruplicare gli effetti della misura, stanziare circa 5 volte quanto dedicato in passato al biologico e stimolare una crescita di oltre il 150 % di terreni a conduzione biologica nella nostra Regione che fino ad ora purtroppo si collocava agli ultimi posti nazionali". ARC/PPH/ep