la Regione dalla A alla Z Chiudi

Notizie dalla Giunta


21.10.2017 15:22

Istruzione: Panariti, "Lodi" Pasiano è scuola a favore della comunità

Pasiano di Pordenone (Pn), 21 ottobre - Sono state inaugurate oggi a Pasiano di Pordenone, alla presenza dell'assessore regionale all'Istruzione Loredana Panariti, le nuove aule che ospiteranno gli alunni della scuola dell'infanzia "Mario Lodi". Alla presenza del primo cittadino Edi Piccinin, del dirigente scolastico Maurizio Malachin e del vicesindaco del Consiglio comunale dei ragazzi Rikardo Shazinari, è stato tagliato il nastro al rinnovato istituto che ora potrà accogliere circa una sessantina di bambini. I lavori sono stati suddivisi in due lotti: il primo, che ha preso il via lo scorso anno, ha permesso di riqualificare due delle tre classi esistenti e creato un accesso indipendente. Quindi, con la seconda parte delle opere, è stata sistemata la terza aula e creato lo spazio relax. Complessivamente il costo degli interventi è stato pari a 350mila euro, fondi provenienti dall'avanzo di amministrazione. Panariti, durante il suo intervento, ha evidenziato il fatto che l'inaugurazione di un nuovo istituto scolastico "rappresenta sempre un momento di grande festa per la comunità. Una scuola pubblica - ha aggiunto - non è mai "contro" ma sempre "a favore" di una comunità perché fa crescere i suoi cittadini". Quindi, ricordando il grande educatore al quale è intitolato l'istituto, Panariti ha anche voluto sottolineare come la scuola non sia solo un luogo dove si impara a leggere e scrivere "ma soprattutto un luogo di formazione in cui maturano cittadini consapevoli, che un domani si metteranno al servizio per la crescita della comunità in cui vivono". Vista l'alta presenza di alunni di diversa nazionalità che frequentano la scuola, l'assessore ha ricordato l'importanza di un progetto che la Regione ha già avviato in altre realtà del Friuli Venezia Giulia e che potrebbe trovare applicazione anche a Pasiano. "Stiamo sperimentando - ha detto Panariti - l'iniziativa "Nessuno escluso, i libri come silenziosi laboratori di accoglienza". Si tratta di un progetto, attivo a Monfalcone, S. Giovanni al Natisone e Palmanova, dedicato ai temi dell'accoglienza e dell'inclusione, che utilizza libri senza parole per costruire una cultura del dialogo e della condivisione tra scuola, famiglia e territorio. Credo che l'iniziativa possa essere estesa anche a Pasiano; per questo mettiamo a disposizione di questa comunità gli strumenti per testare un'esperienza che ha già dato risultati positivi". ARC/AL/PPD