la Regione dalla A alla Z Chiudi

Notizie dalla Giunta


07.10.2017 17:10

Viticoltura: Shaurli, Ministero conceda più superfici impianto

San Giorgio della Richinvelda (Pn), 7 ottobre - "Il ministero delle Politiche agricole riconosca un incremento maggiore delle superfici di impianto, in un'ottica di domanda e offerta, alle Regioni che in questo momento non vedono soddisfare con il limite dell'1 per cento le attese del proprio comparto vitivinicolo".

Lo ha affermato l'assessore regionale alle Risorse agricole, Cristiano Shaurli, intervenuto oggi a Rauscedo di San Giorgio della Richinvelda (Pn) al convegno "La viticoltura tra 10 anni. Le Radici del Vino 100 anni di storia per immaginare il futuro". Una richiesta a cui si è unito Giuseppe Pan, assessore all'agricoltura del Veneto, anch'egli presente alla manifestazione.

"Il Nordest è in questo momento la punta più avanzata della vitivinicoltura nazionale e potrei anche dire europea", ha affermato Shaurli, aggiungendo che il limite dell'1 per cento nazionale all'incremento annuo della superficie vitata "risulta eccessivamente limitativo" tanto che "se non ci sarà questo riconoscimento si corre il rischio che ripartano meccanismi di compravendita che proprio l'Unione europea ed il Ministero volevano evitare".

Per Shaurli, "nei prossimi dieci anni è lecito pensare che i vitigni resistenti che si producono in queste aree potranno costituire un fondamentale contributo ad una vitivinicoltura sostenibile", anche in considerazione dello scarso ricorso ai trattamenti chimici, che li rendono adatti all'utilizzo nei vigneti che sorgono a poca distanza dalle case.

Secondo l'assessore, infine, "da Rauscedo giunge un messaggio a tutta la regione e a tutta la viticoltura nazionale, che guarda da un lato alla ricerca e all'innovazione e dall'altro alla capacità di cooperazione come elementi necessari a superare la concorrenza antagonista".

"A cento anni dal primo innesto della barbatella - ha concluso Shaurli - Rauscedo non è solo leader mondiale, ma è diventato l'emblema della terra della cooperazione, un modo di lavorare in rete che è fondamentale per il futuro". ARC/SSA/fc