la Regione dalla A alla Z Chiudi

Notizie dalla Giunta


04.09.2017 12:48

Maltempo: Panontin, ammontano a 138 milioni i danni dello scorso 10/8

Trieste, 4 settembre -"Abbiamo una prima fotografia dei danni causati dal fortunale del 10 agosto scorso ed è un bilancio pesante. Al danno economico che sfiora i 138 milioni di euro, si sommano i disagi della popolazione: dalle interruzioni delle linee elettriche al tanto lavoro perduto. Ringrazio i sindaci, gli amministratori e i dipendenti comunali che hanno lavorato intensamente per poter raccogliere questa mole di informazioni in tempi strettissimi e i tanti cittadini e volontari che ancora una volta, assieme ai Vigili del Fuoco, ai volontari e alla Protezione civile regionale (Pcr) del Friuli Venezia Giulia, hanno saputo reagire subito, rimboccandosi le maniche e contribuendo a risolvere i problemi che via via si sono presentati. Porteremo immediatamente questi dati all'attenzione del Dipartimento e del Governo".

Così l'assessore regionale alla Protezione civile, Paolo Panontin, il quale ha reso note le stime dei danni causati dal maltempo del 10 agosto scorso a strutture ed edifici pubblici, ma anche ad abitazioni, esercizi commerciali e automezzi trasmesse dai Comuni, attraverso l'apposito canale web messo a disposizione dalla Pcr, entro il termine (prorogato) del 1 settembre 2017. La raccolta di questi dati, come già comunicato, ha un valore preliminare ma risulta importante perché permette una valutazione complessiva dei fabbisogni da rappresentare a Roma, per l'eventuale dichiarazione dello stato di emergenza nazionale e per i conseguenti auspicati trasferimenti finanziari.

Il totale stimato si attesta poco sotto i 138 milioni di euro (137.753.267,00), con in testa i danni subiti dai privati (quasi 66 milioni) e dall'agricoltura (più di 40 milioni). Il settore industriale invece ha avuto danni per 20 milioni, il doppio degli edifici e beni pubblici (10,5 milioni).

In dettaglio 2.514 sono le coperture di edifici privati danneggiate, 170 quelle distrutte, 1.166 le strutture che hanno subito danni (220 quelle distrutte). Non è andata meglio ad automobili e motociclette: 336 quelle danneggiate, 13 quelle distrutte.

Il vento fortissimo ha scoperchiato quasi trecento stabilimenti produttivi e danneggiato o distrutto più di 250 edifici. Inoltre, ammontano a 71 i mezzi aziendali da riparare, 2 quelli da sostituire.

I 40 milioni subiti dal settore agricolo, cui possiamo sommare anche le gravi conseguenze del maltempo al nostro patrimonio forestale, includono danni alle coperture dei fabbricati rurali (353 danneggiate, 40 distrutte), quasi 1.300 impianti aziendali danneggiati, 3540 ettari di colture a seminativo perdute, 600 ettari di frutteti distrutti e danneggiati e ben 14.650 mc di foreste e boschi significativamente colpiti. Infine sono stati rimossi o trattati 44.070 quintali di biomassa (alberi, ramaglie, terriccio, ecc.). ARC/COM