la Regione dalla A alla Z Chiudi

Notizie dalla Giunta


07.10.2016 13:11

PROT.CIVILE: PANONTIN, VIABILITÀ E SGHIAIAMENTO LAGO A BARCIS

Udine, 7 ottobre - La Protezione civile regionale lavorerà in sinergia con le direzioni centrali Infrastrutture e Ambiente della Regione Friuli Venezia Giulia per l'intervento che dovrà dare soluzione strutturale al problema del sovralluvionamento dei corsi d'acqua in comune di Barcis, compiendo nel frattempo gli interventi necessari per creare la viabilità alternativa che consenta il transito dei mezzi pesanti impegnati nello sghiaiamento del Cellina e dei suoi affluenti.

"Si tratta di un processo che è iniziato da un po' di tempo e le cui linee di indirizzo, che prevedono un forte coordinamento tra le direzioni, sono state approvate oggi dalla Giunta regionale e sono già state presentate e discusse con la popolazione di Barcis in un incontro dell'agosto scorso in cui erano presenti la presidente della Regione Debora Serracchiani e gli assessori all'Ambiente Sara Vito e alle Infrastrutture Mariagrazia Santoro", spiega l'assessore regionale alla Protezione civile Paolo Panontin.

Dopo aver realizzato l'intervento di sopraelevazione della strada regionale 251 in corrispondenza del torrente Varma, si prevede di dare una soluzione stabile e definitiva al decennale problema del sovralluvionamento dei torrenti Cellina e Pentina che causa l'accumulo di ghiaia che si riversa nel lago di Barcis. Gli interventi per sistemare la viabilità che consenta poi lo sghiaiamento, si basano su un progetto predisposto nel 2002, aggiornato già nel 2004 e in via di aggiornamento a seguito dei cambiamenti normativi.

In sostanza si prevede la creazione di una pista carri all'interno dell'alveo dei fiumi che permetta di superare l'abitato di Barcis, l'adeguamento della strada esistente nella destra orografica del lago fino a giungere nei pressi della diga. Per bypassare la galleria, al cui interno i mezzi pesanti non possono transitare, verrà creato un nuovo ponte che supera lo specchio d'acqua, fino ad arrivare al ponte Antoi per poi immettersi nella strada 251.

L'intervento prevede inoltre, vicino all'ultima galleria prima di arrivare a Montereale, la sistemazione di una vecchia pista di cantiere della diga di Ravedis che arriva fino al Cimitero di Montereale. Quindi verrà realizzata una pista carri che scende in alveo del Cellina dove verranno depositate le ghiaie.

Ora con questo atto di indirizzo, presentato su proposta dell'assessore Panontin di concerto con gli assessori Vito e Santoro, la Protezione civile fornirà il progetto esecutivo aggiornato e appaltabile relativo alla realizzazione del nuovo ponte e provvederà in qualità di stazione appaltante all'appalto dei lavori per l'esecuzione del progetto, con oneri a carico del Fondo regionale per la Protezione civile. La Protezione civile realizzerà, sempre a suo carico, gli interventi di adeguamento urgente della viabilità in destra lago, dalla Val Pentina fino al raccordo con il nuovo ponte.

La direzione centrale Ambiente ed Energia della Regione per parte sua assicurerà la massima speditezza dei procedimenti autorizzativi di propria competenza e curerà, successivamente al completamento dei lavori, le attività di asporto del materiale litoide sui corsi d'acqua della Val Cellina, in applicazione del nuovo Regolamento in fase di approvazione.

ARC/EP/fc

 
sull'intervento che dovrà dare soluzione strutturale al problema del sovralluvionamento dei corsi d'acqua in comune di Barcis, rilasciate a Udine il 7 ottbre 2016