Orientamento giovani dai 15 ai 18 anni.

Le finalità

La Regione Friuli Venezia Giulia, in continuità con l'iniziativa avviata dal 2015 tramite "Garanzia Giovani", offre interventi di rimotivazione allo studio e di orientamento formativo e professionale, rivolti ai giovani che non hanno ancora conseguito un titolo di studio o intendono inserirsi nel mercato del lavoro per la prima volta.
L'iniziativa ha durata triennale e prende avvio dall'anno scolastico 2018/2019; è inserita nel Programma Operativo Regionale 2014-2020 e si colloca tra le azioni previste dall' "Accordo interventi a favore degli allievi privi del titolo di studio conclusivo del primo ciclo e a rischio dispersione scolastica" stipulato tra Regione Autonoma FVG e Ufficio Scolastico Regionale per il FVG  (luglio 2017), reperibile tra la documentazione a lato.

Per l'anno scolastico 2019-2020, l'avvio delle attività è previsto per i primi mesi del 2020.

Ritorna all'indice

A chi si rivolge

I destinatari dell’iniziativa sono i giovani residenti in Friuli Venezia Giulia di età compresa tra i 15 ed i 18 anni, privi o in possesso di un titolo conclusivo del primo ciclo, a rischio di dispersione scolastica o che hanno già abbandonato la scuola.

Ritorna all'indice

Contenuti e metodologia

L’intervento offre percorsi formativi di tipo laboratoriale, complementari ai percorsi scolastici, mirati a potenziare l’autonomia e il senso di responsabilità dei ragazzi e delle ragazze, stimolando la rimotivazione allo studio e all’apprendimento e fornendo competenze orientative specifiche dell’ambito pre-professionale.
In particolare, i percorsi proposti sviluppano le seguenti aree tematiche:

  • metodo di studio e competenze trasversali (durata tra 6 e 15 ore);
  • orientarsi nel mondo del lavoro e delle professioni (durata tra 10 e 70 ore);
  • competenze tecnico professionali propedeutiche al rientro nei sistemi di istruzione e formazione (durata tra 10 e 70 ore); in questa area è possibile attivare anche percorsi a carattere individuale  (durata massima 40 ore).

Ogni allievo può accedere ad uno o più percorsi formativi. 

Nei percorsi formativi viene privilegiata una metodologia di tipo attivo e partecipativo, volta a valorizzare le esperienze personali e di tipo pratico, a promuovere il coinvolgimento dei partecipanti e a creare un clima di fiducia reciproco.
Il contesto educativo è strutturato per stimolare la curiosità dei giovani, per sviluppare processi attivi di scoperta e strategie di empowerment, prevedendo anche modalità di lavoro che consentano l’autogestione e l'aggregazione attiva.  

Ritorna all'indice

Risultati attesi

I percorsi sono funzionali a potenziare e sviluppare:

- competenze di analisi e valutazione delle risorse personali;
- competenze relazionali e comportamentali con i pari e con gli adulti;
- conoscenze del contesto esterno, in particolare per quanto riguarda il sistema della formazione professionale, del lavoro e delle professioni, anche attraverso esperienze di tipo pratico;
- competenze operative e di gestione/fronteggiamento di problemi e criticità, con riferimento al contesto scolastico e al futuro contesto lavorativo;
- abilità decisionali e di pianificazione e progettazione del proprio percorso formativo e professionale; 
- conoscenze per migliorare il metodo di studio;
- conoscenze tecnico professionali propedeutiche al rientro nei percorsi di istruzione o di IeFP o all’accesso ai percorsi di qualificazione di base abbreviata.  

Ritorna all'indice

I partecipanti e i compiti

- Regione Friuli Venezia Giulia e Ufficio Scolastico Regionale: promuovono e sostengono l'iniziativa a livello regionale

- Istituti scolastici: individuano gli studenti e partecipano alla definizione del percorso formativo, gestiscono la comunicazione con la famiglia

- Centri regionali di orientamento: coordinano le attività territoriali e l’equipe al fine della definizione del Piano di Azione Individuale degli allievi

- ATS ROP 2020 (Enti di formazione professionale, accreditati dalla Regione FVG nella macrotipologia A - obbligo formativo): è il soggetto attuatore

- Servizi sociali: prendono parte all’equipe territoriale

Ritorna all'indice

Modalità per richiedere l'attivazione dell'iniziativa

Gli Istituti scolastici individuano gli studenti che possono beneficiare di questa tipologia di intervento e segnalano la situazione, in forma anonima,  tramite l'apposita scheda di segnalazione (reperibile al link nel menù a lato) seguendo le istruzioni per compilazione e invio riportate nella Scheda tecnica presente nella documentazione a lato. 
In seguito, tutte le Istituzioni scolastiche che hanno segnalato potenziali beneficiari delle azioni verranno invitare a partecipare a riunioni di équipes territoriali, realizzate per individuare i percorsi formativi più rispondenti alle necessità del singolo potenziale partecipante (ragazzo/ragazza). 
Per agevolare l'individuazione dei percorsi più adatti ai singoli, i percorsi formativi proposti sono descritti in un Catalogo, consultabile e scaricabile nella sezione documentazione a lato.

Ritorna all'indice