Di cosa si tratta

Tutte le patenti hanno una scadenza temporale che dipende dall'età del titolare e dalla categoria di patente posseduta.
 
Il rinnovo consiste in una visita per l'accertamento dei requisiti fisici e psichici di idoneità alla guida da parte di medici abilitati.
 
Nei seguenti casi, invece, la visita di rinnovo deve essere effettuata in una Commissione Medica Locale - CML:
  • situazioni cliniche che possano far sorgere dei dubbi sulla idoneità alla guida;
  • patenti speciali;
  • patenti C o D, al superamento di alcuni limiti di età.


Il medico trasmette al Ministero in via telematica il certificato medico, la foto, la firma del patentato e gli estremi dei versamenti.
Se la visita ha esito positivo, il medico stampa la ricevuta di avvenuta conferma di validità e la consegna all'interessato: la ricevuta è valida esclusivamente per la circolazione sul territorio italiano e fino al ricevimento della nuova patente.
Successivamente il Ministero invia una nuova patente all'indirizzo del titolare indicato in fase di rinnovo, tramite posta assicurata con spese a carico del destinatario. E' possibile anche indicare un indirizzo di recapito diverso da quello di residenza.

Se non si riceve la patente entro 15 giorni dalla data della visita medica occorre contattare:

  • numero verde 800979416 di Poste italiane, disponibile a qualsiasi ora e 7 giorni su 7, con risponditore automatico, per informazioni di dettaglio riguardanti la spedizione
  • numero verde 800232323 del Ministero, disponibile dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 14.00 e dalle 14.30 alle 17.30, con un operatore, per conoscere il numero dell'assicurata con la quale è stata spedita la patente

La nuova scadenza della patente coinciderà con la data di compleanno, escluse le categorie superiori.

Ritorna all'indice

Documenti e modalità per presentare la domanda di rinnovo

Ai fini del rinnovo della patente di guida per via telematica l’istanza dovrà essere accompagnata da:

  • attestazione di versamento su c/c postale n. 4028 di 16,00 € (imposta di bollo per duplicato della patente);
  • attestazione di versamento su c/c postale n. 9001 di 10,20 €  (diritto per il Ministero dei Trasporti);
  • una fotografia e la firma del titolare della patente.

NB: i bollettini di conto corrente postale devono essere premarcati con codice a barre.

Si evidenzia che in alcuni casi ( patente non leggibile , rinnovo antecedente a 4 mesi dalla data di scadenza , scaduta da oltre 3 anni , ecc. ) va chiesto un duplicato ( vedi procedura duplicato )


In caso di ostatività non sarà possibile procedere al rinnovo mediante la nuova procedura.

La conferma di validità della patente dovrà essere richiesta all’Ufficio Motorizzazione civile della Provincia dove è stata effettuata la visita medica.
L’istanza di rinnovo dovrà essere corredata dalla stampa della "schermata" generata dal sistema informatico da cui risulta l’impossibilità di procedere al rinnovo di validità della patente secondo la procedura prevista in data 15 novembre 2013 (allegando le attestazioni di versamento di cui sopra e un’altra fotografia in formato tessera). Dovrà essere utilizzata la medesima procedura nel caso di discordanza dei dati presenti nell’anagrafe nazionale degli abilitati alla guida e quelli riportati sulla patente da rinnovare.

Si consiglia di chiedere preventivamente al medico competente se risultino necessari ulteriori certificati rilasciati da altre strutture (ad esempio: certificato anamnestico rilasciato da medico di fiducia, accertamenti oculistici ecc.).

Ritorna all'indice

Conferma della patente dei cittadini che si trovano all'estero

Per i cittadini italiani che abbiano in scadenza la propria patente di guida rilasciata in Italia, qualora siano:

- residenti in uno Stato UE: devono rivolgersi all'autorità amministrativa dello Stato presso cui sono residenti;
- residenti in uno Stato non comunitario per un periodo di almeno sei mesi: possono ottenere la conferma di validità della patente dalle autorità diplomatico-consolari italiane presenti nei Paesi medesimi, tranne nei casi in cui:

  • la competenza all'accertamento sanitario sia riservata alla CML- Commissioni Mediche Locali;
  • si tratti di soggetti affetti da diabete.

Le autorità diplomatico-consolari italiane, previo accertamento dei requisiti psicofisici da parte di medici fiduciari, rilasceranno una specifica attestazione, temporaneamente sostitutiva del tagliando di convalida, per il periodo di permanenza all'estero. Riacquisita la residenza o la dimora in Italia, il cittadino dovrà confermare la patente secondo la normale procedura.

Ritorna all'indice