L’elenco delle situazioni di grave crisi occupazionale riconosciute con decreto dell’Assessore regionale al lavoro e i relativi piani di gestione

Quali sono i piani di gestione delle crisi approvati

Ad oggi sono riconosciute, con decreto dell’Assessore regionale competente in materia di lavoro, sette situazioni di grave difficoltà occupazionale, alcune di carattere settoriale, altre di carattere territoriale.  
Guardando all’aspetto territoriale, interessano l’intero territorio regionale o più territori provinciali, le seguenti situazioni di “crisi”:
- il settore del Commercio nelle zone di confine (province di Gorizia e Trieste);
- Il settore della montagna;
- Il settore dell’autotrasporto, della logistica e degli spedizionieri;
- Il settore dell’edilizia;
- Il settore della pesca marina;
- Il settore manifatturiero
 
Riguarda invece il territorio di una singola provincia la situazioni che interessa l’area del Sanvitese, in provincia di Pordenone.

 
Per ciascuna situazione è stato predisposto un “Piano di gestione della situazione di grave difficoltà occupazionale”, approvato dalla Giunta regionale e consultabile nella sezione “documentazione”.

Ritorna all'indice

Cosa prevedono i piani a favore dei lavoratori

I lavoratori vengono seguiti sia per quello che riguarda la possibilità di accesso agli strumenti di sostegno al reddito (ammortizzatori sociali ordinari ed in deroga, etc.), sia nel loro percorso di orientamento - qualificazione / riqualificazione professionale e di inserimento lavorativo.
 
L’azione di tutela al reddito viene principalmente svolta dalla Regione con la gestione delle procedure che portano al riconoscimento dello stato di crisi ed alla conseguente erogazione dei benefici della CIGS. Tali benefici possono essere concessi, nei casi previsti dagli accordi siglati dalla Regione, anche in deroga alla normativa ordinaria (vedi voce “ammortizzatori in deroga").
 
Per quanto attiene, invece, ai percorsi formativi e di accompagnamento-reinserimento, i lavoratori possono venire coinvolti, nell’ambito di progetti speciali, in corsi di qualificazione / riqualificazione professionale o percorsi di work experience, anche assistiti da voucher formativi o da sussidi per la frequenza.
 
Sono poi previsti contributi regionali per l’assunzione o la stabilizzazione dei lavoratori provenienti da imprese ricomprese nei piani di gestione delle situazioni di crisi occupazionale approvati dalla Regione.

E’ essenziale che i lavoratori siano a conoscenza dei benefici economici di cui sono portatori nei confronti dell’azienda che li assume, poiché questo è senz’altro un fattore che può  influenzare l'impresa cui il lavoratore si rivolge per trovare lavoro.

Per essere informati su tutte le opportunità offerte è sempre possibile rivolgersi al Centro per l’impiego che, per competenza, ricomprende il comune di residenza.

Ritorna all'indice