Descrizione del Programma

Il Programma INTERREG EUROPE 2014-2020 rappresenta la continuazione del Programma INTERREG IVC 2007-2013. Come il precedente Programma, è finalizzato al rafforzamento dell'efficacia delle politiche e dei programmi di sviluppo regionale, in particolare dei programmi rientranti nell'obiettivo "Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione" (ad esempio POR FESR/FSE) e, se del caso, dei programmi rientranti nell’obiettivo “Cooperazione territoriale europea” (CTE). Il Programma favorirà quindi la collaborazione e lo scambio di idee e buone pratiche in particolare tra le autorità pubbliche di tutta Europa al fine di trovare soluzioni per il miglioramento delle politiche e strategie a beneficio della cittadinanza europea.

Ritorna all'indice

Area del Programma

L’area eleggibile del Programma comprende i 28 Stati membri dell’Unione europea (fondi FESR), oltre a Svizzera e Norvegia (con fondi propri).

Ritorna all'indice

Assi prioritari, priorità di investimento e obiettivi specifici

Assi prioritari, priorità di investimento e obiettivi specifici
La strategia del Programma si articola in 4 ASSI TEMATICI PRIORITARI (5, con Asse Assistenza tecnica), declinati in  6 PRIORITA’ DI INVESTIMENTO (PI - art. 5 Reg. CE 1301/2013) ed in 7 OBIETTIVI SPECIFICI (OS) così suddivisi:
 
ASSE 1 - RICERCA, SVILUPPO TECNOLOGICO ED INNOVAZIONE
 
PI 1a - migliorare l’infrastruttura in ricerca ed innovazione (R&I) e le capacità disviluppare eccellenze in R&I promuovendo centri di competenza, in particolare quelli di interesse europeo
OS 1.1 - miglioramento dell’attuazione delle politiche e dei programmi di sviluppo regionale, in particolare i programmi dell’obiettivo Investimenti per la Crescita e l’Occupazione e, se del caso, programmi CTE, nel settore della infrastruttura e delle capacità in ricerca e innovazione
PI 1b - promuovere gli investimenti delle imprese in R&I, lo sviluppo di collegamenti e sinergie tra le imprese, centri di ricerca e sviluppo ed il settore dell'istruzione superiore, in particolare promuovendo investimenti nello sviluppo di prodotti e servizi, il trasferimento tecnologico, l'innovazione sociale, l’eco-innovazione, le applicazioni nei servizi pubblici, la stimolazione della domanda, il networking, i clusters e l'innovazione aperta attraverso la specializzazione intelligente, sostenendo la ricerca tecnologica e applicata, le linee pilota, le azioni di validazione precoce dei prodotti, le capacità di produzione avanzata e la prima produzione, in particolare in tecnologie abilitanti fondamentali e la diffusione di tecnologie con finalità generali
OS 1.2 - miglioramento dell’attuazione delle politiche e dei programmi di sviluppo regionale, in particolare i programmi dell’obiettivo Investimenti per la Crescita e l’Occupazione e, se del caso, i programmi CTE che sostengono la consegna di innovazione dagli attori delle catene di innovazione regionale nelle aree di “specializzazione intelligente” e le opportunità di innovazione
PI 3d - sostenere la capacità delle PMI di crescere nei mercati regionali, nazionali ed internazionali e di prendere parte ai processi di innovazione
 
ASSE 2 - PROMOZIONE COMPETITIVITA' DELLE PMI
 
OS 2.1 - miglioramento dell’attuazione delle politiche e dei programmi di sviluppo regionale, in particolare i programmi dell’obiettivo Investimenti per la Crescita e l’Occupazione e, se del caso, i programmi CTE che sostengono le PMI in tutti gli stadi del loro ciclo di vita per sviluppare e realizzare crescita ed impegnarsi nell’innovazione
 
ASSE 3 - LOW CARBON ECONOMY
 
P1 4e - promuovere strategie a bassa emissioni di carbonio, in particolare per le aree urbane, inclusa la promozione della mobilità urbana multi-modale sostenibile e di pertinenti misure di adattamento e mitigazione
 
ASSE 4 - AMBIENTE ED EFFICIENZA DELLE RISORSE
 
OS 3.1 - miglioramento dell’attuazione delle politiche e dei programmi di sviluppo regionale, in particolare i programmi dell’obiettivo Investimenti per la Crescita e l’Occupazione e, se del caso, i programmi CTE che affrontano la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio PI 6c conservare, proteggere, promuovere e sviluppare il patrimonio naturale e culturale
OS 4.1 - miglioramento dell’attuazione delle politiche e dei programmi di sviluppo regionale, in particolare i programmi dell’obiettivo Investimenti per la Crescita e l’Occupazione e, se del caso, i programmi CTE nel settore della protezione e sviluppo del patrimonio naturale e culturale
PI 6g - sostenere la transizione industriale verso un'economia efficiente in termini di risorse, promuovere la crescita verde, l'eco-innovazione e la gestione delle prestazioni ambientali nei settori pubblico e privato
OS 4.2 - miglioramento dell’attuazione delle politiche e dei programmi di sviluppo regionale, in particolare i programmi dell’obiettivo Investimenti per la Crescita e l’Occupazione e, se del caso, i programmi CTE al fine di aumentare l’efficienza delle risorse, la crescita verde, l’eco-innovazione e la gestione delle performances ambientali
 
ASSE 5 - ASSISTENZA TECNICA
 
OS 5.1 – massimizzare l’efficacia e l’efficienza della gestione ed attuazione del Programma INTERREG EUROPE.

Ritorna all'indice

Dotazione finanziaria

Il budget del Programma prevede una dotazione di fondi FESR (85%) pari a € 359.326.000 oltre alla quota di cofinanziamento nazionale (15%) pari a € 66.983.549 per un totale complessivo di € 426.309.549. E’ anche prevista una dotazione finanziaria, aggiuntiva e distinta, per Paesi terzi partecipanti al Programma (Norvegia e Svizzera) pari a € 6.000.827.

Ritorna all'indice

Stato dell’arte (aggiornato ad aprile 2017)

In data 11 giugno 2015 la Commissione europea ha formalmente approvato il programma INTERREG EUROPE, così come previsto dall’art. 29 (3) del Reg. UE 1303/2013.
Nella prima riunione del Comitato di Sorveglianza del programma, tenutasi a Riga (Lettonia) il 16-17 giugno 2015, è stato formalmente approvato l’application pack e concordata l’apertura ufficiale del primo bando dal 22 giugno sino al 31 luglio 2015.
Nella riunione del Comitato di Sorveglianza (CdS) tenutasi ad Utrecht il 9-10 febbraio è stata approvata la graduatoria definiva del I Bando ed il lancio del II Bando del secondo programma, aperto dal 5 aprile al 13 maggio la cui graduatoria finale è stata approvata nel CdS tenutosi a Winterthur il 4-5 ottobre 2016.

Ritorna all'indice

Bandi (aggiornato a febbraio 2017)

Il programma ha sinora lanciato due Bandi, entrambi ad uno step.
 
Il terzo bando, sempre ad uno step, si è aperto il 1° marzo e si chiuderà il prossimo 30 giugno 2017.
 
 
Il bando pur essendo aperto ai quattro assi prioritari del programma, non può non tenere conto dei risultati già ottenuti con i due precedenti bandi.
Si invitano pertanto gli applicants a:
 
1) prestare particolare attenzione alla sezione “topic addressed” dei Terms of references pubblicati in quanto, rispetto ai due precedenti bandi, viene incoraggiata la presentazione di proposte progettuali su tematismi non, o poco, rappresentati nei 130 progetti già approvati dal programma (ad es. su Asse 4).
2) esaminare con attenzione la sezione projects ” (articolata in 5 sotto-sezioni) del sito ufficiale del programma, tra cui i progetti già finanziati
3) iscriversi alla " Community " Interreg Europe
 
 
 Il budget FESR residuo disponibile ammonta a 145 milioni di euro
 
 
RIEPILOGO BANDI PRECEDENTI 
 
 
1° BANDO
 
Aperto dal 22 giugno al 31 luglio 2015
 
Esiti finali: 
- Totale proposte progettuali presentate: n. 261
- Totale proposte progettuali eleggibili: n. 175 (67%)
- Totale progetti approvati (under conditions): n. 64 (24,5%)
L'elenco dei progetti finanziati è disponibile nel sito ufficiale nel programma
Ulteriori dati relativi al 1° bando possono essere reperiti qui
Partecipazione al programma di partners FVG:
- n. proposte progettuali con partners FVG: n. 10
- n. proposte progettuali eleggibili: n. 9
- n. progetti approvati:  n. 1  - progetto CRE:HUB - partner => Regione Friuli Venezia Giulia - Direzione centrale cultura, sport e solidarietà
 
2 ° BANDO
 
Aperto dal 5 aprile al 13 maggio 2016
 
Esiti finali: 
- Totale proposte progettuali presentate: n. 211
- Totale proposte progettuali eleggibili: n. 158 (75%)
- Totale progetti approvati (under conditions): n. 66 (31%)
L'elenco dei progetti finanziati è disponibile nel sito ufficiale del programma
Partecipazione al programma di partners FVG:
- n. proposte progettuali con partners FVG: n. 5
- n. proposte progettuali eleggibili: n. 5
- n. progetti approvati:  n. 2 
a)  progetto ITAHA - partner => Regione Friuli Venezia Giulia - DC lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili, ricerca e università - Area istruzione, formazione e ricerca 
b) progetto CYCLEWALK MODE - partner => GECT Gorizia/Nova Gorica/Sempeter Vrtojba 
Rispetto al primo bando, l'application pack è stato aggiornato: si segnalano, in particolare, le modifiche al Manuale riguardanti il processo ed i criteri di valutazione (sia di eleggibilità che qualitativi).
Inoltre,  la modalità di trasmissione è  on-line e paper-less:  l'Application form dovrà quindi essere compilato on-line e gli allegati (Lead partner/partners declarations e, se del caso, la Lettera di supporto) dovranno essere caricati online (www.iOLF.eu - aperto dal 5 aprile 2016) entro l’ultimo giorno di apertura del bando.

I progetti di cooperazione interregionale, attraverso lo scambio di buone pratiche ed esperienze, hanno l’obiettivo di migliorare l’attuazione e l’impatto delle politiche regionali nonché l’attuazione dei Programmi Operativi Regionali FESR, in particolare, ed FSE e, se del caso, anche dei Programmi di Cooperazione territoriale europea (CTE).
Al tal riguardo, il Bando prevede che, in ciascuna proposta progettuale, il 50% dei policy instruments interessati (ad es. leggi, piani regionali/comunali, strategie, programmi) debbano riferirsi ai Programmi POR FESR/FSE e CTE.

A chi è rivolto?
-        Autorità di gestione e altri organismi responsabili dell’attuazione dei programmi finanziati dal Fondi strutturali e di investimento
-        Autorità pubbliche nazionali/ regionali/locali
-        Agenzie, Istituti di ricerca, organizzazioni politiche
-        Rappresentanti di networks e comunità tematiche europee
-        Organismi privati no-profit
-        Partners e stakeholders di progetti Interreg Europe
-        Rappresentanti di Istituzioni UE competenti nei tematismi del programma

dei 28 Stati membri (oltre a Svizzera e Norvegia). Il partenariato minimo di ciascuna proposta progettuale deve prevedere il coinvolgimento di almeno 3 Stati, di cui due appartenenti all’UE.
Sulla base delle precedenti esperienze, è consigliato un partenariato compreso tra i 5 e 10 partners.
 
Letter of support
Qualora il partenariato non preveda il coinvolgimento diretto delle Autorità responsabili del policy instrument oggetto della proposta progettuale, sarà necessario presentare una lettera di supporto, firmata dall’Autorità in questione che si impegna a partecipare ai lavori dello Stakeholder Group (obbligatorio) di progetto e a prevedere la possibilità di attuazione del Piano di azione (bbligatorio) attraverso il policy instrument considerato.
Nella sezione “In your country – Italy" è possibile scaricare l’elenco delle Autorità di gestione/Organismi intermedi responsabili dei Programmi POR FESR/FSE e dei Programmi di Cooperazione territoriale europea.
 
Tassi di cofinanziamento:
85% FESR - per Autorità pubbliche ed organismi di diritto pubblico (UE)
75% FESR - per Organismi no-profit privati (UE)
Per i partners italiani pubblici (ad eccezione quindi dei privati), il restante 15% di cofinanziamento è posto a totale carico del Fondo di rotazione nazionale (Delibera CIPE n.10/28 gennaio 2015).

 
CONSIGLI…
Ai potenziali beneficiari, oltre ad una accurata visione dei documenti contenuti nell’application pack, si consiglia vivamente di:
1) consultare il database dei progetti approvati dal programma INTERREG IVC  
1) consultare l'elenco dei progetti già approvati nei primi due bandi del programma
2) verificare la "rilevanza" dell'idea progettuale rispetto agli obiettivi del programma  (self-assessment)
3) consultare la sezione "Develop a project" del sito del programma, contenente utili consigli, informazioni e presentazioni  
4) partecipare ai Lead partner workshops and webinars (info sul sito del programma)

 

Ritorna all'indice

Controlli di primo livello (aggiornato a novembre 2016) 
 

Al fine di garantire il coordinamento ed il buon funzionamento del sistema nazionale di controllo, in continuità con il periodo di programmazione 2013-2017, è stata ricostituita la Commissione Mista Stato/Regioni presieduta dall’ACT, che, limitatamente ai programmi di cooperazione interregionale/transnazionale, ha il compito di provvedere alla convalida dei controllori di primolivello dei beneficiari italiani dei programmi di cooperazione transnazionale ed interregionale, tra cui il programma Interreg Europe.
Pertanto, tutti i soggetti, pubblici e privati, beneficiari di progetti Interreg Europe, dovranno individuare un controllore di primo livello, interno o esterno, ed inviare la richiesta di convalida al referente del Programma in seno alla citata Commissione mista.
Per il programma INTERREG EUROPE le domande andranno quindi inviate, via mail, a:
 
Regione Umbria,
all’attenzione dott.ssa Francesca Breccolotti, f.breccolotti@regione.umbria.it
 
indicando nell’oggetto: INTERREG EUROPE – convalida controllore progetto CE XXX (indicare il codice identificativo del progetto) acronimo (indicare l’acronimo di progetto).
Tutti gli allegati devono essere in formato PDF.
Le istruzioni per la procedura di convalida, i requisiti dei controllori da attestare attraverso dichiarazioni sostitutive di atto notorio, la scheda informativa e la richiesta di convalida del controllore interno/esterno-individuale/Società possono essere scaricate qui
 

Ritorna all'indice

Strutture di Programma

Alla gestione, attuazione e verifica del Programma sono preposte le seguenti strutture:
 
Segretariato congiunto
Les Arcuriales - Entrée D,
5e ètage 45 rue de Tournai
5900 Lille (F)
 
per contatti diretti e informazioni consultare elenco referenti
 
Autorità di Gestione
Regione Nord Pas de Calais - Picardie
Conseil Régional
151, Avenue du President Hoover
F 59555 LILLE CEDEX - FRANCE
 
Autorità di Certificazione
Province Oost-Vlaanderen
Gouvernment straat1
9000 – Gent (BELGIUM)

 Autorità di Audit
Commission Interministerielle de Coordination des Contròles des action cofinacées par le fond structurels (CICC)
5,Place de Vins de France
75012 – Paris (FRANCE)
Tale Autorità sarà assistita da un Gruppo di Auditors (nominati da ciascun Paese membro). Con riferimento ai controlli di primo livello, ciascun Paese membro provvederà a designare l’organo responsabile delle relative attività.
 

Punto di contatto nazionale:
REGIONE UMBRIA
Referente: Francesca Breccolotti
tel:  075/5045339
fbreccolotti@regione.umbria.it

N.B. I partners FVG (e non solo) possono contattare, per qualsiasi necessità di chiarimento/informazione, anche la seguente referente del programma:
referente: Ginetta Nazzi
tel. 040/3775986
ginetta.nazzi@regione.fvg.it

Ritorna all'indice

Attività sul territorio dell’area Programma (aggiornato ad aprile 2017)

 
 
L’evento è stato organizzato dal National Contact Point Italiano (c/o Regione Umbria), in collaborazione con la Regione Calabria ed il Segretariato del programma, con l’obiettivo di illustrare, ai potenziali partners e lead partners italiani, lo stato dell’arte del programma e le opportunità, prospettive e peculiarità del 3° bando. Durante l’evento, oltre alla sessione questions&answers, è stato possibile, per i potenziali applicants registrati, avvalersi delle consultazioni individuali fornite dal Segretariato del programma per l’esame di idee progettuali da presentare nell'ambito della III Call.
 

 

Il Forum era rivolto ai potenziali beneficiari di 28 Paesi UE e di Svizzera e Norvegia. Oltre alla sessioni plenaria, nella quale sono state descritte le caratteristiche del 3° Bando ed è stato fornito un aggiornamento sulle Policy Learning Platforms di prossima istituzione, nel corso del Forum si sono svolti ti 4 workshops tematici paralleli, ripetuti 5 volte, dove sono state fornite tutte le informazioni chiave per la redazione e attuazione di una proposta progettuale di successo. I partecipanti hanno potuto inoltre beneficiare delle opportunità di networking  con altri potenziali partners,  partecipare a visite studio e confrontarsi direttamente con il Segretariato del programma per l'esame di idee progettuali da presentare nel bando in corso.
 
 
EVENTI ANTE 2017
 
Il 22-23 marzo 2016, a Rotterdam (NL), si è svolto l'evento di lancio del II Bando del programma "Europe, Let's cooperate".
Sul sito del programma è possibile visionare l'intera diretta streaming dell'evento.
  
Il 2-3 giugno a Praga ed il 10-11 giugno 2015 a Bruxelles, si sono svolti due workshop interattivi, strutturati in sessioni pratiche e guidate, ai quali hanno partecipato oltre 200 potenziali Lead partner che hanno avuto la possibilità di interagire con il coordinamento e supervisione del Segretariato congiunto, anche attraverso colloqui diretti.
 
Il 15 aprile 2015, presso la sede della Regione Lazio, si è tenuto, con notevole successo in termini di partecipazione attiva, l’Infoday “Da Interreg IVC a Interreg Europe”, nel corso del quale, in presenza del Segretariato Congiunto (JS), sono state illustrate le principali caratteristiche e novità del Programma nonché fornite informazioni e chiarimenti relativi all’atteso primo Bando.
Le presentazioni dei relatori sono disponibili
qui.
 
Il 10 febbraio 2015, a Udine presso l’Auditorium di Via Sabbadini in occasione del “Seminario informativo sui Programmi di cooperazione transnazionale ed interregionale” organizzato dalla Regione Friuli Venezia Giulia è stato presentato lo stato dell’arte e le principali caratteristiche del Programma Interreg Europe.

Il 2-3 dicembre 2014 a Bologna, si è svolto, con notevole successo, sia in termini di partecipazione che di opportunità di networking, l’evento di lancio del Programma che ha visto la partecipazione di 800 partecipanti diretti e di un migliaio in collegamento streaming o attraverso social media.
Sul
sito del Programma è possibile visionare sia le sessioni trasmesse in web-streaming che un interessante video-story che rappresenta una sintesi molto efficace delle due giornate informative ed “interattive”vissute a Bologna.

Per rimanere costantemente aggiornati sugli sviluppi del programma, oltre a consultare il
sito ufficiale del Programma è possibile aderire anche ai seguenti social media:

facebook  (https://www.facebook.com/interregeurope?fref=ts)
twitter @interregeurope 
Linkedin 

Ritorna all'indice