Descrizione del Programma

Il nuovo Programma transnazionale Interreg V-B Adrion (acronimo di Adriatico-Ionio) 2014-2020, risulta, insieme ai programmi transnazionali Danubio e Balkan Mediterraneo, dalla divisione dell’area di cooperazione del precedente Programma Sud Est Europa 2007-2013.
La nuova area è stata definita in coincidenza con l’area della strategia macro-regionale EUSAIR.
Con una dotazione finanziaria di 99,2 milioni di euro (FESR e IPA II), il Programma Adrion  ha individuato, come obiettivo generale quello di facilitare l’orientamento delle politiche e l’innovazione della governance, promuovendo l’integrazione europea tra Stati Membri e non, utilizzando le risorse naturali, culturali ed umane che circondano i mari Adriatico e Ionico e rafforzando la coesione economica, sociale e territoriale nell’area programma.

Ritorna all'indice

Area del Programma

L’area del Programma comprende i territori di 4 Stati Membri dell'Unione: Croazia, Grecia, Slovenia (Paesi interi) e per l’Italia le Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lombardia, Marche, Molise, Puglia, Sicilia, Umbria, Veneto e le Provincie Autonome di Trento e Bolzano e dei 4 Stati non UE di Albania, Bosnia-Erzegovina, Montenegro e Serbia (interi Paesi).

Ritorna all'indice

Dotazione finanziaria

Il Programma Adrion è cofinanziato dall'Unione europea con il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) per l’ammontare di 83,46 milioni di euro. I Paesi non UE partecipano con i fondi IPA II (strumento finanziario per i Paesi in Pre-Adesione), con un’allocazione finaziaria di 15,7 milioni di euro, per un totale di 99,2 milioni di euro, a cui si aggiungono le quote di co-fininanziamento nazionale (pubblico e privato) per un totale complessivo di 117.920.088,00 euro.

Ritorna all'indice

Priorità di investimento e obiettivi specifici

Nell’ambito del Quadro Strategico Comune che fornisce i principi guida per le azioni finanziate dai Fondi Strutturali e di Investimento Europei (SIE)  e l’identificazione di 11 Obiettivi tematici (OT) e delle relative Priorità di Investimento, collegati direttamente alle priorità della Strategia Europa 2020, a cui tutti i Programmi devono contribuire, Il Programma Adrion, secondo il principio della concentrazione tematica, ha selezionato, 4 Obiettivi tematici e  5 Priorità di investimento declinati in 4 Assi Prioritari, specificatamente connessi ai pilastri della Strategia macro-regionale EUSAIR (oltre all’Assistenza Tecnica), articolati in 5 obiettivi specifici, come indicati di seguito:

Asse prioritario 1: una regione innovativa ed intelligente
con una dotazione finanziaria pari al 20% delle risorse (euro 23.168.456,00 complessivi)
 
Obiettivo Tematico 1: rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l'innovazione
Priorità di Investimento 1b: promuovere gli investimenti delle imprese in innovazione e ricerca, le sinergie tra aziende, centri di ricerca e alta formazione, per lo sviluppo di servizi, il trasferimento di tecnologie, l'innovazione sociale, l’eco-innovazione, le applicazioni nei servizi pubblici (…)
Obiettivo Specifico1.1: supportare lo sviluppo di un sistema di innovazione regionale per l’area Adriatico-Ionica
 
Asse Prioritario 2: una regione sostenibile
con una dotazione finanziaria pari al 46% delle risorse (euro 53.497.821,00 complessivi)
 
Obiettivo Tematico 6: preservare e tutelare l'ambiente e promuovere l'uso efficiente delle risorse
Priorità di Investimento 6c conservando, proteggendo, promuovendo e sviluppando il patrimonio naturale e culturale
Obiettivo Specifico 2.1: promuovere la valorizzazione e preservazione sostenibile del patrimonio naturale e culturale quale elemento di crescita nell’area Adriatico-Ionica
 
Priorità di Investimento 6d proteggendo e ripristinando la biodiversità e i suoli, e promuovendo i servizi per gli ecosistemi, anche attraverso Natura 2000 e l'infrastruttura verde
Obiettivo Specifico 2.2: rafforzare la capacità di gestione transnazionale della vulnerabilità e frammentazione ambientale e dei servizi di salvaguardia degli ecosistemi nell’area Adriatico-Ionica
 
Asse Prioritario 3: una regione connessa
con una dotazione finanziaria pari al 18% delle risorse (euro 20.833.588,00 complessivi)
 
Obiettivo Tematico 7: promuovere sistemi di trasporto sostenibili ed eliminare le strozzature nelle principali infrastrutture di rete
Priorità di Investimento 7c sviluppando e migliorando sistemi di trasporto sostenibili dal punto di vista dell'ambiente (anche a bassa rumorosità) e a bassa emissione di carbonio, inclusi vie navigabili interne e trasporti marittimi, porti, collegamenti multimodali e infrastrutture aeroportuali, al fine di favorire la mobilità regionale e locale sostenibile
Obiettivo Specifico 3.1: rafforzare la capacità di trasporti integrati, servizi di mobilità e multimodalità nell’area Adriatico-Ionica
 
Asse Prioritario 4: supporto alla governance della strategia EUSAIR
con una dotazione finanziaria pari al 10% delle risorse (euro 11.501.171,00 complessivi)
 
Obiettivo Tematico 11: rafforzare la capacità istituzionale delle autorità pubbliche e delle parti interessate e un'amministrazione pubblica efficiente mediante azioni volte a rafforzare la capacità istituzionale e l'efficienza delle amministrazioni pubbliche e dei servizi pubblici relativi all'attuazione del FESR, affiancando le azioni svolte nell'ambito del FSE per rafforzare la capacità istituzionale e l'efficienza della pubblica amministrazione:
Priorità di Investimento (solo per cooperazione transnazionale - art. 7, (b) Reg. (UE) 1299/2013) rafforzare la capacità istituzionale delle autorità pubbliche e delle parti interessate e un'amministrazione pubblica efficiente mediante lo sviluppo e il coordinamento di strategie macro-regionali e concernenti i bacini marittimi.
Obiettivo Specifico 4.1: facilitare il coordinamento e l’implementazione dell’EUSAIR rafforzando la capacità istituzionale delle amministrazioni pubbliche e delle parti interessate e dando accompagnando l’implementazione di priorità condivise.
 
Asse Prioritario 5: assistenza tecnica
con una dotazione finanziaria pari al 6% delle risorse (euro 8.919.082,00 complessivi)
 
Obiettivo Specifico 5.1: aumentare l’efficienza e l’efficacia della gestione e dell’implementazione del programma di cooperazione;
Obiettivo Specifico 5.2: migliorare il supporto ai potenziali beneficiari e beneficiari e rafforzare il coinvolgimento dei partner rilevanti nell’implementazione del programma.

Ritorna all'indice

Temi trasversali

Oltre agli obiettivi tematici selezionati, verranno sostenute, in maniera trasversale nei diversi Assi prioritari le seguenti tematiche:

•   Tecnologie dell'informazione e della comunicazione;
•   Coesione ed innovazione sociale;
•   Gestione dell’informazione e della conoscenza;
•   Approccio territoriale ed eco-sistemico.

Ritorna all'indice

Strutture di Programma

L’Autorità di Gestione (AdG) responsabile per la gestione e l'attuazione del Programma è la Regione Emilia-Romagna – Servizio politiche europee e relazioni internazionali, Viale Aldo Moro, 30 – Bologna (e-mail: adrion@regione.emilia-romagna.it).

Ai fini della redazione del Programma Operativo e della predisposizione della documentazione necessaria per l’avvio del Programma alla Commissione Europea è stata costituita una Task Force  composta dai delegati degli Stati partecipanti.

A seguito dell’approvazione del Programma da parte della CE, si è insediato il Monitoring Committee (MC) del Programma, composto dai delegati di tutti gli Stati partecipanti e secondo le indicazioni contenute nel documento stesso di Programma. Il Comitato di Monitoraggio subentra alla Task Force che ha operato ai fini della redazione del P.O.

Ritorna all'indice

Stato dell’arte (Ottobre 2016)

Nella seduta del 17 e 18 ottobre 2016 il Monitoring Committee ha vagliato l'elenco delle proposte progettuali presentate al primo bando che hanno soddisfatto i requisiti di ammissibilità ed eleggibilità. Dall'analisi delle proposte 205 sono risultati i progetti che passano alla fase di valutazione qualitativa. Maggiori informazioni sono disponibili sul sito  http://www.adrioninterreg.eu/.
 
In data 11 maggio 2016, il Comitato di Sorveglianza del Programma ha approvato il progetto strategico "Facility Point per l'EUSAIR" finanziato a valere sull'Asse 4 del Programma ADRION, volto a sostenere la governance della strategia EUSAIR. Il progetto mira a rafforzare la capacità istituzionale delle principali parte interessate, delle amministrazioni pubbliche coinvolte nell'implementazione della strategia e a sostenere l'attuazione del suo Piano d'Azione.
Il Progetto, con un budget di 11,5 M€, cofinanziato per l'85% da fondi UE, avrà durata fino a dicembre 2022 e vede la partecipazione di 9 partner rilevanti provenienti da tutti i Paesi coinvolti nella Strategia e nel Programma Adrion.
L'approvazione dello stesso è stata ufficialmente annunciata in occasione del I forum della strategia EUSAIR, organizzato congiuntamente dalla Commissione Europea e dalla Croazia, che ha avuto luogo a Dubrovnik il 12 e 13 maggio.
  
Il primo invito alla presentazione di proposte progettuali è rimasto aperto dal 1 febbraio al 25 marzo 2016. Il bando, organizzato con una procedura ad una sola fase, aperto sulle priorità 1, 2 e 3 del programma, ha ricevuto 378  proposte, presentate attraverso il sistema on-line (eMS). Le risorse a disposizione del bando ammontano a circa 33 milioni di € di contributo comunitario, di cui 28 M€ di FESR e 5M€ di fondi IPA II, a fronte di una domanda che, complessivamente, ammonta a 413 M€ di contributo UE. Maggiori informazioni, cifre e statistiche sono disponibili sul sito del programma www.adrioninterreg.eu.
E' attualmente in corso la fase di valutazione delle proposte.
 
Nei giorni 9 e 10 dicembre 2015 ha avuto luogo a Bologna l’evento di lancio del programma e di prima informazione relativa ai bandi. Successivamente hanno avuto luogo gli info-days per la presentazione del primo bando.
 
Con decisione del 20 ottobre 2015 C(2015)7147 la Commissione Europea ha approvato il Programma di cooperazione transnazionale Interreg VB Adriatico-Ionico (ADRION) che contribuirà direttamente all’attuazione della strategia europea per la macro-regione adriatico-ionica (EUSAIR).
 

 

Ritorna all'indice