la Regione dalla A alla Z Chiudi

Cooperazione internazionale e allo sviluppo

Wed Feb 07 14:45:00 CET 2018

Relazioni internazionali: importante supporto Ministero ad attività Regione

Il prezioso e importante supporto del ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale (Maeci) alla Regione Friuli Venezia Giulia nell'attività di relazioni internazionali realizzata in questa legislatura e l'opportunità di un consolidamento della collaborazione tra la stessa Regione e l'Iniziativa centro europea (Ince) sono i temi emersi nel corso di un incontro che si è volto oggi a Trieste tra la presidente della Regione e il segretario generale del Maeci, Elisabetta Belloni.

Ricordando le diverse iniziative che hanno visto protagonista il Friuli Venezia Giulia con una serie di accordi sottoscritti a livello non solo europeo, ma anche globale (Cina, Iran, Kazakistan e Giappone), la Regione ha ringraziato la massima dirigente del Maeci per il sostegno ricevuto dal Governo in questi anni e, da ultimo, nell'organizzazione del vertice sui Balcani di Trieste dello scorso luglio.

Alla presenza del segretario generale dell'Ince, Giovanni Caracciolo di Vietri, la massima dirigente del Ministero ha condiviso l'opportunità di consolidare il rapporto di collaborazione tra la stessa Ince e la Regione, in considerazione dei significativi risultati conseguiti nell'ultimo quinquennio attraverso questa sinergia.

Belloni ha poi confermato il grande interesse del Maeci per le relazioni internazionali instaurate dalla Regione che vedono al centro il tema della ricerca e dei poli scientifici e che hanno valorizzato una delle più importanti peculiarità del Fvg.

Infine, è stata rimarcata, in maniera condivisa, la necessità di monitorare con attenzione gli sviluppi che faranno seguito all'individuazione, da parte dei vertici governativi cinesi e italiani, del porto di Trieste quale terminale della Via della Seta assieme allo scalo di Genova. Un'occasione di crescita che può contare su poderosi investimenti da parte di Pechino e che, come è stato sottolineato, richiede la continuità di un'attività diplomatica alla quale anche in futuro sarà importante che la Regione continui a dare il suo contributo. ARC/GG/fc