Di che cosa si tratta
 

Per garantire la prosecuzione dell’attività dei soggetti operanti nel territorio regionale, sono previsti contributi  -per attività sportive e ricreative - a favore dei soggetti già beneficiari nell’anno 2015 di contributi in precedenza erogati dalle province per le medesime finalità e tipologie di spesa (LR 14/2017, art. 16).

Ritorna all'indice

Beneficiari

Possono beneficiare dei contributi soltanto i soggetti già beneficiari -  nell’anno 2015 - sulla base delle risultanze fornite dai competenti Uffici provinciali, dei contributi relativi alla "Funzione 4 - Settore turistico, sportivo e ricreativo" del bilancio delle Province di Gorizia, Pordenone, Trieste e Udine, percepiti per le medesime finalità e tipologie di spesa.
I contributi sono concessi nel limite di quanto percepito con riferimento alle iniziative dell’anno 2015.
Non possono beneficiare dei contributi gli enti pubblici, compresi gli enti locali.

Ritorna all'indice

Iniziative finanziabili

Sono ammissibili a contributo le attività da svolgere nel 2017 (a partire dall'1 gennaio) nei settori ricreativi e sportivi per le medesime finalità e tipologie di spesa riferite all’anno 2015.
Per i soggetti che esercitano attività d’impresa, i contributi sono concessi in applicazione del regolamento (UE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013 relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea agli aiuti “de minimis” (GUUE, serie L, n. 352 del 24 dicembre 2013).

Ritorna all'indice

Presentazione della domanda

La domanda di contributo, redatta esclusivamente utilizzando la modulistica approvata con decreto del Direttore del Servizio turismo, è presentata in formato elettronico dal soggetto richiedente, nel rispetto delle vigenti disposizioni in materia fiscale, previa sottoscrizione con firma autografa della domanda, per via esclusivamente telematica tramite sistema guidato di compilazione ed inoltro (FEG).
La domanda deve essere corredata da:
a) copia del documento d’identità del legale rappresentante del soggetto richiedente
b) documentazione comprovante l’ammontare del contributo percepito nell’anno 2015 e le relative tipologie di spesa sostenute
c) per i soggetti che svolgono attività d’impresa, la dichiarazione attestante il rispetto della normativa in materia di aiuti di Stato.
Le domande sono presentate dalle ore 10.00.00 di martedì 31 ottobre 2017 alle ore 16.30.00 di giovedì 9 novembre 2017. Le domande presentate al di fuori dei suddetti termini sono archiviate. Prima di procedere con la domanda, leggere le Linee guida.

Ritorna all'indice

Spese ammissibili

Al fine di garantire il prosieguo dell’attività dei soggetti operanti nel territorio regionale nei settori ricreativi e sportivi, i contributi sono concessi ai richiedenti per le medesime finalità e tipologie di spesa già oggetto di finanziamento nel 2015.
Non sono ammissibili le spese per l’acquisto di beni di investimento (quali ad esempio computer, mobilio, attrezzature tecniche) e quelle per l’acquisto di attrezzature ricreative e sportive.

Ritorna all'indice

Concessione del contributo

Gli incentivi sono concessi tramite procedimento a sportello (LR 7/2000, art. 36).
Le domande presentate sono istruite secondo l’ordine cronologico di presentazione.
L’incentivo è concesso entro 120 giorni dalla presentazione della domanda.
Il responsabile del procedimento comunica ai beneficiari la concessione dell’incentivo, il termine e le modalità per la rendicontazione e i casi di annullamento o revoca del provvedimento di concessione.

Ritorna all'indice

Rendicontazione

Il beneficiario presenta la rendicontazione delle spese sostenute entro il 31 marzo 2018 con la presentazione - esclusivamente mediante invio tramite PEC all’indirizzo produttive@certregione.fvg.it - del rendiconto relativo alle spese sostenute ai sensi dell’articolo 43, della legge regionale 7/2000 mediante dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (vai al modello >>) a firma del legale rappresentante, corredata da una fotocopia di un documento di identità del sottoscrittore, e da una relazione illustrativa finale dell’iniziativa nonché dal riepilogo delle spese complessivamente sostenute e delle entrate complessivamente percepite.
Le imprese dovranno provvedere alla rendicontazione della spesa ai sensi dell’articolo 41, della legge regionale 7/2000 o - in alternativa - ai sensi dell’articolo 41 bis della medesima legge regionale.
È consentita la richiesta motivata di proroga del termine di presentazione della rendicontazione, stabilito con il provvedimento di concessione, purché presentata prima della scadenza del termine stesso.

Ritorna all'indice