DI CHE COSA SI TRATTA

Contributi a fondo perduto per l’acquisto di servizi finalizzati a promuovere attività di innovazione a valere sul POR FESR 2014-2020 Attività 1.1.A (Sostegno per l’acquisto di servizi per l’i nnovazione tecnologica, strategica, organizzativa e commerciale) concessi con le modalità disciplinate dal bando approvato con deliberazione n. 644 della Giunta regionale del 22 aprile 2016.
Di seguito sono riportati gli elementi di sintesi del bando, a cui si rimanda per approfondimenti e conferma dei dati stessi.

Ritorna all'indice

BENEFICIARI

Gli aiuti sono destinati alle microimprese e alle piccole e medie imprese (PMI), come definite dall'  Allegato I al regolamento (UE) n. 651/2014, in base ai requisiti relativi al numero di unità lavorative/anno (ULA) ed alle soglie finanziarie (fatturato annuo e/o totale di bilancio annuo).

Ciascuna impresa può presentare un solo progetto a valere sul bando in oggetto.

Le PMI, per beneficiare dell’aiuto, devono possedere i seguenti requisiti soggettivi:
a) essere regolarmente costituite e registrate presso il Registro delle imprese delle CCIAA (fatto salvo quanto specificamente previsto dal bando per le imprese di altri Stati membri non residenti nel territorio italiano)
b) essere attive e svolgere un’attività economica compresa in una delle Aree di specializzazione individuate dai codici ISTAT ATECO 2007 di cui all’ allegato 1 al bando
c) avere sede legale o unità operativa, alla quale fa riferimento il progetto oggetto della domanda, attiva nel territorio regionale (fatto salvo quanto specificamente previsto dal bando per le imprese di altri Stati membri non residenti nel territorio italiano)
d) non essere impresa in difficoltà ai sensi dell’articolo 2, comma 1, lettera f), del bando
e) non essere in stato di scioglimento o liquidazione volontaria
f) non essere sottoposte a procedure concorsuali e non avere in corso nei propri confronti un’iniziativa per la sottoposizione a procedure concorsuali, salvo il caso del concordato preventivo con continuità aziendale;
g) rispettare le disposizioni in materia di sicurezza sul lavoro ai sensi dell’articolo 73 della legge regionale 18/2003
h) possedere il requisito di regolarità contributiva ai sensi dell’articolo 10, comma 7, del decreto legge 203/2005
i) possedere, in relazione al progetto proposto, il requisito di capacità amministrativa, finanziaria ed operativa in conformità all' allegato 4 al bando
j) non essere destinatarie di un ordine di recupero pendente per effetto di una precedente decisione della Commissione europea che dichiara un aiuto illegale ed incompatibile con il mercato comune
k) non essere destinatarie di sanzioni interdittive ai sensi dell’articolo 9, comma 2, del decreto legislativo 231/2001.

Ritorna all'indice

PROGETTI AMMISSIBILI

Sono ammissibili all’aiuto i progetti che prevedono l’acquisizione di uno o più servizi per l’innovazione elencati all' allegato 3 al bando.
I servizi per l’innovazione devono riferirsi ad almeno una delle attività economiche, individuate nell’ambito di un’u nica Area di specializzazione di appartenenza della PMI proponente elencate nell’allegato 1 al bando, il cui esercizio è stato dichiarato dall’impresa nella domanda di aiuto.
Inoltre, i servizi per l’innovazione devono riferirsi esclusivamente alle Traiettorie di sviluppo pertinenti all’Area di specializzazione di appartenenza della PMI, elencate all' allegato 2 al bando.
I servizi per l’innovazione la cui acquisizione è prevista dal progetto presentato riguardano attività svolte o da svolgere presso la sede legale o un’unità operativa dell’impresa beneficiaria sita sul territorio regionale. Qualora i servizi riguardino attività svolte in più luoghi sul territorio regionale, nella domanda l’impresa richiedente deve specificare la sede o l’u nità presso la quale sono svolte o sono da svolgere in via principale tali attività.
Il progetto deve essere concluso e rendicontato entro 12 mesi decorrenti dalla data di ricevimento della comunicazione della concessione dell’aiuto. Tale termine può essere prorogato per un periodo massimo di novanta giorni.

Ritorna all'indice

SPESE AMMISSIBILI, INTENSITÀ E LIMITI DELL’AIUTO, DIVIETO DI CUMULO

Sono ammissibili le seguenti spese sostenute a partire dal giorno successivo a quello di presentazione della domanda:


a) spese per l'ottenimento, la convalida e la difesa di brevetti e altri attivi immateriali, cioè:
- i costi, anteriori alla concessione del diritto nella prima giurisdizione, connessi alla preparazione, presentazione e trattamento della domanda,  nonché i costi per il rinnovo della domanda prima della concessione del diritto
- i costi di traduzione e altri costi sostenuti al fine di ottenere la concessione o il riconoscimento del diritto in altre giurisdizioni
- i costi sostenuti per difendere la validità del diritto nel quadro ufficiale del trattamento della domanda e di eventuali procedimenti di opposizione, anche se detti costi siano sostenuti dopo la concessione del diritto

b) spese per l’acquisizione di servizi di consulenza in materia di innovazione, cioè spese per consulenza, assistenza e formazione in materia di trasferimento delle conoscenze, acquisizione, protezione e sfruttamento di attivi immateriali e di utilizzo delle norme e dei regolamenti in cui sono contemplati

c)
spese per l’acquisizione di servizi di sostegno all'innovazione, cioè spese per la fornitura di laboratori, ricerche di mercato, studi, sistemi di etichettatura della qualità, test e certificazione e per l’accesso a banche dati e biblioteche, al fine di sviluppare prodotti, processi o servizi migliorati e/o nuovi.
 

L’intensità dell’aiuto è pari:
a) al 50 per cento della spesa ammissibile nel caso di microimprese e piccole imprese
b) al 45 per cento della spesa ammissibile nel caso di medie imprese.

Il limite massimo di contributo concedibile per ciascuna domanda è pari a 20.000 euro.
Il limite minimo di spesa ammissibile è pari a 5.000 euro.

Gli aiuti non sono cumulabili con altre agevolazioni concesse per le medesime spese e qualificabili come aiuti di Stato ai sensi degli artt. 107 e 108 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea, ivi incluse quelle concesse a titolo “de minimis".

Ritorna all'indice

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE E CONCESSIONE DEGLI AIUTI

La domanda deve essere presentata alla Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura territorialmente competente (CCIAA) utilizzando il sistema informatico “FEG” a cui si accederà dalla presente sezione del sito internet della Regione (colonna sulla destra) ovvero, mediante link, dal sito internet della CCIAA. Sarà possibile accedere alla compilazione delle domande solo a partire dalle ore 9.15 del 31 maggio 2016 e fino alle ore 16.30 del 31 ottobre 2016 (come da proroga approvata con DGR 1365/2016). Alla domanda deve essere allegata la documentazione prevista redatta secondo i facsimili approvati e pubblicati nella pagina dedicata alla modulistica del sito internet della Regione (colonna sulla destra) e del sito internet della CCIAA.

 
Per CCIAA “territorialmente competente”, si intende, a seconda dei casi:
1) la CCIAA nel cui territorio provinciale di pertinenza è situata la sede legale o l'unità operativa dell’impresa beneficiaria dove sono svolte o saranno svolte le attività cui sono rivolti i servizi per l’innovazione oggetto della domanda
oppure
2) la CCIAA nel cui territorio provinciale di pertinenza è situata la sede o l'unità operativa dell’impresa beneficiaria dove, nel caso in cui i servizi per l’innovazione oggetto della domanda riguardino attività svolte in più luoghi sul territorio regionale, l’impresa richiedente ha dichiarato che è situata la sede o l’unità presso la quale sono svolte o sono da svolgere in via principale tali attività oppure
3) nel caso di domanda presentata da impresa di altro Stato membro non residente nel territorio italiano, la CCIAA nel cui territorio provinciale di pertinenza l’impresa richiedente si è impegnata ad attivare la sede o l’unità operativa presso la quale saranno svolte le attività cui sono rivolti i servizi per l’innovazione oggetto della domanda
oppure
4) nel caso di domanda presentata da impresa di altro Stato membro non residente nel territorio italiano che si impegna ad avviare in più luoghi sul territorio regionale attività cui sono rivolti i servizi per l’innovazione oggetto della domanda medesima, la CCIAA nel cui territorio provinciale di pertinenza l’impresa richiedente ha dichiarato che sarà situata la sede o l’unità presso la quale saranno svolte in via principale tali attività.


I contributi sono concessi dalla CCIAA tramite procedimento valutativo a sportello ai sensi dell’articolo 36, comma 4, della legge regionale 7/2000, articolato su base provinciale.
Le domande presentate sono istruite dalla CCIAA competente secondo l’ordine cronologico di presentazione, attestato dal sistema informatico “FEG”.
La CCIAA procede all'istruttoria delle domande di aiuto fino ad esaurimento delle risorse finanziarie disponibili all’interno della pertinente articolazione provinciale dello sportello.
A seguito dell’istruttoria, l’incentivo è concesso entro centoventi giorni dalla presentazione della domanda nei limiti della dotazione finanziaria disponibile ai sensi dell’a rticolo 3 del Bando a valere sulla pertinente articolazione provinciale dello sportello.
La domanda di aiuto potrà essere presentata dalle ore 9.15 del 31 maggio 2016 fino alle ore 16.30 del 31 ottobre 2016 (come da proroga approvata con DGR 1365/2016) per via telematica tramite il sistema informatico “Front end generalizzato” (FEG) di cui all’articolo 15 del Bando.

Ritorna all'indice

Struttura della domanda


Pagine web da compilare sul FEG
• Frontespizio di domanda (All.to 5a al Bando)
• Allegato 1 Istanza di aiuto e dati sintetici richiedente e progetto (All.to 5b al Bando)

Allegati da caricare in pdf: scaricare i modelli word, compilarli, salvarli/trasformarli in pdf e poi caricarli sul FEG
• Allegato 2 Dichiarazioni attestanti il possesso dei requisiti e impegni (All.to 6 al Bando)
• Allegato 3 Relazione dettagliata del progetto e piano costi (All.to 7 al Bando)
• Allegato 4 Scheda fornitori (All.to 8 al Bando)
• Allegato 5 Curriculum vitae (CV) del personale impiegato (All.to 9 al Bando)


Allegati da caricare in pdf: reperire i documenti, salvarli/trasformarli in pdf e poi caricarli sul FEG
• Allegato 6 Copia F23 o F24 attestante il versamento del bollo
• Allegato 7 Procura del firmatario qualora non sia legale rappresentante e i poteri non siano riportati in visura
• Allegato 8 Copia del bilancio approvato relativo all’esercizio precedente a quello in corso alla data di presentazione della domanda oppure, se tale bilancio non è stato ancora approvato, del bilancio approvato relativo all’esercizio immediatamente precedente o, nel caso di imprese individuali e di società di persone, dichiarazione di un commercialista che attesti i valori relativi al fatturato annuo ed al patrimonio netto di cui all’allegato 4 al Bando (capacità amministrativa, finanziaria ed operativa). Nel caso di imprese individuali e di società di persone, costituitesi nell’anno di presentazione della domanda, dichiarazione di un commercialista che attesti il valore del relativo patrimonio netto
• Allegato 9 Copia dello statuto degli enti di ricerca, ad eccezione delle università, qualora non depositato presso il Registro delle imprese, nel caso di acquisizione di servizi forniti ai sensi dell’articolo 9, commi 1, lettera a), e comma 5, del Bando.

Si ricorda che il portale FEG dedicato al contributo in oggetto non accetterà estensioni doc o xls.


La domanda completa (modulo più allegati) potrà avere dimensioni max di 10 Mb.

Ritorna all'indice

Struttura della rendicontazione

Pagine web da compilare sul FEG
• Rendicontazione
• Allegato 1 Modello di rendicontazione: dati sintetici impresa e progetto

Allegati da caricare in pdf: scaricare i modelli word, compilarli, salvarli/trasformarli in pdf e poi caricarli sul FEG
• Allegato 2 Dichiarazioni attestanti il possesso dei requisiti, rispetto degli obblighi e corrispondenza agli originali dei documenti presentati
• Allegato 3 Relazione di progetto

Allegati da caricare in xls: scaricare il modello xls, compilarli, salvarli in xls e poi caricarli sul FEG
• Allegato 4 Elenco analitico dei costi sostenuti

Allegati da caricare in pdf: reperire i documenti, salvarli/trasformarli in pdf e poi caricarli sul FEG
• Allegato 5 Giustificativi di spesa
• Allegato 6 Documentazione comprovante l’avvenuto pagamento
• Allegato 7 Procura del firmatario qualora non sia legale rappresentante e i poteri non siano riportati in visura
• Allegato 8 Copia contratto/lettera incarico fornitore
• Allegato 9 Documentazione a comprova dell’attuazione e dei risultati conseguiti dal progetto
• Allegato 10 Schede rilevazioni impegno giornaliero personale
• Allegato 11 Quadro di raccordo spese/risultati verificabili
• Allegato 12 Traduzioni

I modelli della rendicontazione non dovranno superare i 10 Mb.

Ritorna all'indice

OBBLIGHI E VINCOLI DEI BENEFICIARI
 

Gli obblighi e i vincoli dei beneficiari sono elencati in particolare al capo VIII del bando.

Ritorna all'indice

SOGGETTI GESTORI DEGLI AIUTI

La gestione amministrativa relativa agli aiuti di cui al bando in oggetto è affidata all'Unione regionale delle camere di commercio del Friuli Venezia Giulia (Unioncamere FVG), in qualità di Organismo Intermedio che opera per mezzo delle singole CCIAA territorialmente competenti.
Sui siti internet di ciascuna CCIAA competente sarà pubblicata apposita nota informativa approvata da Unioncamere FVG recante le informazioni sul procedimento ai sensi degli articoli 13 e 14 della legge regionale 7/2000.

 

Ritorna all'indice

Contatti

Unioncamere FVG:  http://www.fvg.camcom.it/bandi-por-fesr-2014-2020
(a questa pagina è disponibile la nota informativa con i riferimenti dei responsabili dell'istruttoria)

Camera di Commercio di Gorizia: http://www.go.camcom.gov.it/

Camera di Commercio di Pordenone: www.pn.camcom.it

Camera di Commercio di Trieste: http://www.ariestrieste.it

Camera di Commercio di Udine: www.ud.camcom.it

    

Ritorna all'indice