Contributo a fondo perduto a copertura delle spese amministrative, consulenziali e di investimento delle reti.

Di che cosa si tratta
 

Contributi a fondo perduto a favore di PMI per la realizzazione di progetti di aggregazioni in rete ai sensi  della legge regionale 4/2013.
Il canale contributivo, disciplinato dal " Regolamento concernente criteri e modalità per la concessione di incentivi per la realizzazione di progetti di aggregazione in rete in attuazione dell’articolo 15 della legge regionale 4 aprile 2013, n. 4” (nel prosieguo “Regolamento”), è gestito su base provinciale dalle Camere di Commercio del Friuli Venezia Giulia, territorialmente competenti.

Sono ammissibili i progetti di aggregazione in rete aventi ad oggetto:
a) lo sviluppo di una rete d'impresa già formalmente costituita
b) la stipulazione di un contratto di rete entro sei mesi dalla data di concessione dell'incentivo.

Possono essere oggetto di contributo le seguenti tre diverse fasi di sviluppo di aggregazione in rete:
a) propedeutica di orientamento, formazione e creazione della rete
b) di predisposizione
c) di realizzazione.

L’Amministrazione regionale, in data 29 settembre 2017, ha approvato
l’ avviso per la presentazione delle domande 2017.

Ritorna all'indice

Beneficiari

Sono beneficiarie dei contributi le PMI che partecipano al progetto di aggregazione in rete.
I progetti devono prevedere la partecipazione di piccole imprese e/o di microimprese.
Le PMI beneficiarie alla data di presentazione della domanda, devono possedere i seguenti requisiti:
- essere iscritte al Registro delle imprese
- essere attive
- avere sede legale o unità operativa/e, presso cui è realizzato il progetto, nel territorio regionale.

Ritorna all'indice

Ammontare e intensità del contributo
 

L’intensità massima del contributo concedibile è pari al 50 per cento della spesa ammissibile.
L’importo massimo del contributo concedibile per la realizzazione del progetto di aggregazione in rete è pari a 150.000 euro.

Ritorna all'indice

Spese ammissibili

Sono ammissibili le spese, specificate ai commi 2, 3 e 4 dell’articolo 8, del Regolamento, seguenti:

a) Fase propedeutica:
Acquisizione di servizi di consulenza e formazione concernenti la partecipazione di almeno un rappresentante per ogni PMI partecipante al progetto di aggregazione in rete alle sessioni di lavoro, promosse e realizzate dagli organismi di supporto, aventi ad oggetto l’orientamento, la formazione e la creazione della rete.

b) Fase di predisposizione del progetto di aggregazione:
- spese per l’acquisizione di servizi di consulenza specialistica volta a definire le azioni da realizzare attraverso il progetto di aggregazione in rete
- spese relative all’onorario notarile sostenute per la costituzione della rete e per la formalizzazione del relativo contratto (per le sole reti d’impresa non formalmente costituite al momento di presentazione della domanda)
- spese relative all’onorario notarile sostenuto per il mandato collettivo di rappresentanza
- spese sostenute per l’asseverazione del programma comune di rete.

c) Fase di realizzazione del progetto di aggregazione:
- spese per l’acquisto e la realizzazione di materiali promozionali e informativi relativi al progetto di aggregazione in rete;
- spese per la partecipazione a fiere, esposizioni, manifestazioni economiche, incontri con imprese
- spese per l’acquisizione di servizi di consulenza specialistica volta a sviluppare, gestire, standardizzare i processi produttivi, le procedure di qualità, il rispetto della pertinente normativa
- spese per l’acquisizione di servizi diretti allo sviluppo commerciale nazionale ed internazionale della rete d’imprese,  quali ricerche di mercato e piani di marketing strategico;
- spese per l’acquisizione di servizi diretti allo sviluppo e all’ideazione di brand e design di prodotto, alla comunicazione ed al marketing della rete
- spese per l’acquisizione di servizi di consulenza gestionale, assistenza tecnologica, trasferimento di tecnologie, nonché in materia di acquisizione, protezione e commercializzazione dei diritti di proprietà intellettuale e di accordi di licenza ovvero volta all’ottenimento delle certificazioni ISO
- spese per l’acquisizione di servizi relativi a banche dati, biblioteche tecniche, ricerche di mercato, etichettatura, test e certificazione di qualità, finalizzati all’innovazione
- spese per l’acquisizione di brevetti e diritti di licenza
- spese per l’acquisto di macchinari, attrezzature, nonché hardware e software
- compenso lordo a carico della PMI partecipante spettante al manager di rete, preposto alla conduzione, al coordinamento e alla gestione delle attività della rete, con durata contrattuale per lo svolgimento delle relative attività, non eccedente i dodici mesi.


Possono essere ammesse anche le spese relative ad operazioni di microcredito effettuate dalle microimprese partecipanti alla realizzazione del progetto di aggregazione in rete.

Sono ammissibili le spese sostenute a partire dal giorno successivo a quello di presentazione della domanda in relazione a progetti di aggregazione in rete avviati dopo tale data (per la definizione di avvio del progetto si veda l’articolo 16 del Regolamento).
Le spese relative alla fase propedeutica ed alla fase di predisposizione del progetto di aggregazione sono ammissibili anche se sostenute nei dodici mesi precedenti alla presentazione della domanda in relazione a progetti di aggregazione in rete avviati nei dodici mesi precedenti alla presentazione della domanda.

Ritorna all'indice

Modalità di presentazione della domanda

La domanda di contributo potrà essere presentata dall’impresa capofila, o dal soggetto capofila, alla Camera di Commercio territorialmente competente ai fini dell’ammissione alla graduatoria della provincia nella quale è stabilita la sede legale o l’unità operativa dell’impresa capofila, o del soggetto capofila, presso cui è realizzato il progetto.

Per impresa capofila s’intende l’impresa, partecipante al progetto di aggregazione in rete, che agisce in veste di mandatario delle altre PMI partecipanti. L’impresa capofila è individuata nell’a mbito del contratto di rete ovvero mediante conferimento di un mandato collettivo con rappresentanza redatto con atto pubblico o scrittura privata autenticata.
Per soggetto capofila s’intende la rete dotata di soggettività giuridica di cui fanno parte tutte le imprese partecipanti al progetto di aggregazione in rete.

In base all’ avviso approvato dall’amministrazione regionale, le domande possono essere presentate dalle ore 9.15 di lunedì 30 ottobre 2017 alle ore 16.30 di lunedì 11 dicembre 2017

L’approvazione delle graduatorie provinciali e la concessione dei contributi da parte delle Camere di Commercio avranno luogo entro novanta giorni dalla scadenza del termine finale di presentazione delle domande.

Ritorna all'indice

Modalità di rendicontazione

Per la rendicontazione, ai sensi dell’articolo 41 della legge regionale 7/2000, l'impresa capofila, o il soggetto capofila, presentano in particolare:
a) copia dei documenti di spesa, annullati in originale con apposita dicitura relativa all’ottenimento dell’incentivo, costituiti da fatture o, in caso di impossibilità di acquisire le stesse, da documenti contabili aventi forza probatoria equivalente ovvero, nel caso di prestazioni di lavoro, da copia del contratto di lavoro ovvero dalla busta paga
b) documentazione comprovante l’avvenuto pagamento
c) dichiarazione delle PMI beneficiarie attestante la corrispondenza agli originali della copie dei documenti di spesa di cui alla lettera a) di propria pertinenza.


L’avvenuto sostenimento della spesa è provato attraverso la seguente documentazione di pagamento:
a) copia di estratti conto bancari o postali dai quali si evinca l’effettivo trasferimento di denaro a favore dei fornitori di beni e dei prestatori di lavoro o servizi, per gli importi corrispondenti a quelli indicati nei documenti di spesa presentati
b) copia delle ricevute bancarie e dei bollettini postali dai quali si evinca l’effettivo trasferimento di denaro a favore dei fornitori di beni e dei prestatori di lavoro o servizi, per gli importi corrispondenti a quelli indicati nei documenti di spesa rendicontati
c) per i pagamenti in contanti, tramite assegno o per mezzo di vaglia postale, dichiarazione liberatoria del fornitore di beni e servizi oppure copia del documento di spesa riportante la dicitura “pagato” con firma, data e timbro della ditta del fornitore di beni o servizi apposti sull’originale stesso.

Il pagamento delle spese di importo pari o superiore a 500 euro avviene esclusivamente tramite i seguenti strumenti, pena l’inammissibilità della relativa spesa: bonifico bancario o postale, ricevuta bancaria, bollettino postale. Nel caso di spesa di importo inferiore a 500 euro è ammesso il pagamento in contanti, tramite assegno o per mezzo di vaglia postale.
 
Le spese relative alle operazioni di microcredito sopra evidenziate possono essere sostenute anche mediante modalità di pagamento diverse a condizione che il loro effettivo sostenimento sia comprovato con idonea documentazione bancaria.

Non è ammesso il pagamento tramite compensazione.

Le eventuali note di accredito sono debitamente evidenziate nella rendicontazione ed allegate alla stessa.

Ritorna all'indice

Riferimenti CCIAA

Camera di Commercio della Venezia Giulia http://www.vg.camcom.gov.it
Territorio provinciale di Trieste: www.ariestrieste.it
Referente:
Sonja Milisavljevic tel.040 6701403

Territorio provinciale di Gorizia: www.vg.camcom.gov.it
Referenti:
Cristina Pozzo tel.0481 384284
Paola Vidoz tel. 0481 384239
Giuliana d’Acierno tel. 0481 384223

Camera di Commercio di Pordenone: www.pn.camcom.it
Referenti:
Cristina Biasizzo tel. 0434 381224
Dilia Gardella tel. 0434 381237

Camera di Commercio di Udine: www.ud.camcom.it
Referenti:
Dania Negroni tel. 0432 273525
Elisa Zanuttini tel. 0432 273583
Doretta Bertoni tel. 0432 273528

Ritorna all'indice