Contributi per la promozione all’estero di specifici comparti produttivi caratterizzati da elevati livelli qualitativi.

In considerazione delle disposizioni della legge regionale 9 agosto 2012, n. 16 recante “Interventi di razionalizzazione e riordino di enti, aziende e agenzie della regione” ed in particolar modo dell’articolo 9, comma 1, ai sensi del quale le funzioni delegate alle Camere di commercio in attuazione dell’articolo 42 della legge regionale 4/2005 sono delegate a Unioncamere FVG a far data dal 1 gennaio 2013 e nelle more della definizione delle risorse annuali disponibili a favore del soggetto delegato per l’anno 2013 in relazione all’avvio delle attività previste nell’ambito del Programma PAR FSC 2007-2012.

I termini di presentazione delle domande sono chiusi.

 

 

Di che cosa si tratta
Legge regionale 18/2003, articolo 6 "Contributi in conto capitale per la promozione all’estero di specifici comparti produttivi caratterizzati da elevati livelli qualitativi".
Le iniziative possono essere singole o coordinate in un programma di durata non inferiore ad un anno e da concludersi entro l’anno successivo a quello di presentazione della domanda.


Beneficiari
I beneficiari (con dimensione di PMI secondo le definizioni previste dal decreto del presidente della Regione 463/2005) sono i consorzi e le società consortili che non svolgono attività commerciale e non hanno fini di lucro, costituiti in maggioranza da imprese industriali aventi stabilimento nel territorio regionale.


Spese ammissibili
- Spese relative alla partecipazione (limitatamente alla prima partecipazione) a mostre, rassegne, fiere ed esposizioni, come ad esempio la tassa di iscrizione, l'affitto e l'allestimento della superficie espositiva,  ecc., nei Paesi comunitari, nei Paesi dell’a rea EFTA (European Free Trade Association = associazione europea di libero scambio) e nei Paesi candidati all’adesione;
- studi di mercato concernenti i Paesi esteri nei quali si intende svolgere il programma di promozione;
- pubblicità concernente il programma di promozione;
- predisposizione e distribuzione di materiale informativo in lingua straniera concernenti i prodotti o i servizi dello specifico comparto produttivo;
- workshop ed incontri promozionali con operatori esteri;
- costi del personale dipendente e collaboratori autonomi, limitatamente al loro effettivo utilizzo necessario all’attuazione del programma, nella misura massima del 20% delle spese totali del programma.
 

Le spese si intendono al netto di imposte.


Intensità degli incentivi
L’intensità dell’incentivo (calcolata in percentuale sulla spesa ammissibile) viene stabilita annualmente sulla base alle risorse disponibili. Nel 2008 la misura dell’incentivo è stata del 50%
L’importo massimo dell’incentivo concedibile è di euro 300.000.


 

Modalità di presentazione delle domande e di concessione degli incentivi
Le domande devono essere redatte secondo apposito modello e presentate entro il 31 gennaio di ogni anno alle Camere di commercio competenti per territorio, prima dell'avvio dell'iniziativa.
L'incentivo viene concesso con procedimento valutativo a graduatoria. La valutazione è effettuata dalle CCIAA sulla base di specifici criteri di priorità (numero consorziati, numero consorziati con sede nel territorio regionale, imprenditoria femminile o giovanile).

Per ulteriori dettagli si veda il Regolamento di attuazione  >