Di cosa si tratta

I contributi agli investimenti disciplinati dall’ articolo 22 del Regolamento hanno lo scopo di favorire l’inserimento lavorativo di persone con disabilità presso cooperative sociali iscritte nella sezione b) dell’Albo regionale rendendo l’ambiente lavorativo adeguato alle loro necessità operative sia intervenendo sugli immobili che ospitano gli stabilimenti sia acquisendo e adattando ausili tecnologici e attrezzature, comprese quelle software e hardware.

I contributi agli investimenti disciplinati dall’ articolo 23 del Regolamento sono diretti a favorire la costruzione, l’i nstallazione e l’ammodernamento di stabilimenti nei quali le cooperative sociali iscritte nella sezione b) dell’Albo regionale offrono lavoro protetto.

Ritorna all'indice

Beneficiari

Possono beneficiare dei contributi di cui all’articolo 22 del Regolamento le cooperative sociali iscritte nella sezione b) dell’Albo regionale.

Possono beneficiare dei contributi di cui all’articolo 23 del Regolamento le cooperative sociali iscritte nella sezione b) dell’Albo regionale che offrono lavoro protetto.

Ritorna all'indice

Spese ammissibili

Per gli investimenti di cui all’articolo 22 del Regolamento sono ammessi:

  1. i costi sostenuti per l’adattamento degli ambienti di lavoro alle esigenze dei lavoratori con disabilità;
  2. i costi sostenuti per l’acquisto e adattamento di attrezzature, ausili tecnologici e programmi informatici destinati all’utilizzo da parte dei lavoratori con disabilità (tali spese devono rappresentare costi aggiuntivi direttamente derivanti dell’impiego di questi lavoratori).

Per gli investimenti di cui all’articolo 23 del Regolamento sono ammessi i costi relativi a:

  1. progettazione;
  2. esecuzione lavori;
  3. lavori di ampliamento, anche mediante l’uso di strutture componibili o prefabbricate, e di creazione di nuovi spazi in termini di volume o di superficie, ottenuti con l’aumento delle dimensioni e della sagoma degli stabilimenti esistenti;
  4. materiali utilizzati per i lavori, ivi comprese le spese di trasporto;
  5. interventi consistenti in eliminazione, spostamento e realizzazione di aperture e pareti divisorie interne; spese per opere necessarie ad adeguare i servizi igienico sanitario e gli impianti tecnologici alle esigenze dei lavoratori con disabilità;
  6. interventi di manutenzione straordinaria consistenti in tutte le opere e le modifiche necessarie per spostamento, apertura e soppressione di fori esterni, nonché per realizzare servizi igienico – sanitari che non alterino i volumi utili delle singole unità immobiliari e non comportino modifiche alle destinazioni d’uso;
  7. l’acquisto di impianti di produzione.

I costi relativi alle spese di cui ai punti da 3) a 9) saranno ammessi a condizione che l'immobile oggetto di intervento, al momento della presentazione della domanda di contributo, sia in regola con le normative vigenti in materia urbanistica e di edilizia  e sia di proprietà del soggetto che richiede il contributo ovvero sia nella sua disponibilità mediante un contratto di durata almeno pari al vincolo di destinazione di cui all’ articolo 46 del Regolamento  e che il proprietario abbia prestato il proprio assenso scritto ai lavori.

Ritorna all'indice

Regimi di aiuto applicabili e intensità dei contributi

I contributi sono concessi in applicazione delle condizioni di cui al Regolamento (UE) n. 651/2014, regime di aiuti in esenzione.
Sono concessi contributi pari al 20% delle spese ammissibili (spesa massima ammessa euro 50.000) per gli investimenti di cui all’ articolo 22, comma 2, lettere a) e b) del Regolamento 
Sono concessi contributi pari al 20% delle spese ammissibili (spesa massima ammessa euro 100.000) per gli investimenti di cui all’ articolo 23, comma 2 del Regolamento.

Ritorna all'indice

Presentazione delle domande e concessione dei contributi

Per l’annualità 2017 le domande di contributo devono essere presentate dalle ore 09.15 di lunedì 25 settembre 2017 alle ore 16.30 di mercoledì 18 ottobre 2017, attraverso il sistema telematico FEG. Alla domanda deve essere allegata la documentazione prevista redatta secondo i fac-simile approvati e pubblicati in questa pagina.
 

I contributi sono concessi entro 120 giorni dal termine di chiusura della presentazione delle domande con procedimento valutativo a graduatoria. La graduatoria è formata sulla base dei punteggi di valutazione assegnati ai singoli investimenti secondo i parametri definiti nell’ Allegato F  e nell’ Allegato G del Regolamento e in base agli indicatori del possesso da parte dei soggetti richiedenti degli elementi qualificativi definiti nell’ Allegato E del Regolamento.

Ritorna all'indice

Rendicontazione

La rendicontazione delle spese sostenute deve essere presentata attraverso il sistema telematico FEG allegando la documentazione prevista, redatta secondo i fac-simile approvati e pubblicati in tempo utile in questa pagina.

l termine per la presentazione della rendicontazione è quello fissato con i decreti di concessione dei contributi.

Ritorna all'indice

Obblighi dei beneficiari e vincoli

I beneficiari sono tenuti a realizzare gli investimenti per i quali sono stati concessi i contributi conformemente a quanto esposto nelle relazioni illustrative e ai preventivi di spesa approvati, comunicando tempestivamente al Servizio competente le eventuali variazioni, come precisato nell ’articolo 40 del Regolamento
Gli obblighi e i vincoli per i beneficiari dei contributi sono elencati in particolare all’ articolo 45 e all’ articolo 46 del Regolamento.

Ritorna all'indice