Finanziamenti a favore dei Comuni, dei Centri di Assistenza Tecnica alle imprese commerciali (CATA) autorizzati e dei soggetti promotori per dare impulso alle piccole attività economiche e migliorare la vivibilità dei centri urbani e i servizi resi ai cittadini e ai non residenti. [ Linea contributiva attualmente non finanziata ]

Allo scopo di dare impulso alle piccole attività economiche e di migliorare la vivibilità dei centri urbani e i servizi resi ai cittadini e ai non residenti, l'Amministrazione regionale prevede la concessione di finanziamenti per la creazione di centri commerciali naturali e di centri in via, a favore dei Comuni, dei Centri di assistenza tecnica alle imprese commerciali (CAT) autorizzati e dei soggetti promotori. A decorrere dal 1° gennaio 2016, le domande di finanziamento sono presentate alla Regione dalle Unioni territoriali intercomunali per conto dei Comuni di riferimento.

Nell'ambito di progetti e programmi unitari, sono ammesse a contributo le sottoelencate tipologie di spesa:

- acquisto di arredo e attrezzature per l'organizzazione di un centro unitario di gestione;
- progettazione e realizzazione di azioni di marketing territoriale;
- attività di animazione del centro commerciale naturale e del centro in via;
- attività di promozione del centro commerciale naturale e del centro in via.

L'Amministrazione regionale interviene con un finanziamento massimo del 70% della spesa ammissibile per gli enti di diritto privato e del 90% per gli enti pubblici.

 

 

La graduatoria 2011 dei soggetti beneficiari dei finanziamenti è stata approvata con decreto del Vice Direttore centrale al lavoro, formazione, commercio e pari opportunità n. 4871/LAVFOR.COM/2011 del 5 dicembre 2011; l'articolo 4, comma 9, della legge regionale 29 dicembre 2011, n. 18 (Legge finanziaria 2012) ha disposto l'accoglimento - nei limiti dello stanziamento di bilancio - nel corso dell'esercizio 2012, delle domande presentate entro il 20 ottobre 2011, antecedentemente alla data di scadenza del termine per la presentazione delle nuove domande di finanziamento per lo stesso esercizio finanziario.

La graduatoria 2012 dei soggetti beneficiari dei finanziamenti è stata approvata con decreto del Vice Direttore centrale al lavoro, formazione, commercio e pari opportunità n. 4280/LAVFOR.COM/2013 del 19 agosto 2013; l'articolo 2, comma 18, della legge regionale 31 dicembre 2012, n. 27 (Legge finanziaria 2013) ha disposto l'accoglimento - nei limiti dello stanziamento di bilancio - nel corso dell'esercizio 2013 delle domande presentate nell’anno 2012 e non accolte nel medesimo esercizio per mancanza di fondi.

Le graduatorie 2013 2014 2015 dei soggetti beneficiari dei finanziamenti è stata approvata con decreto del Vice Direttore centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali n. 4102/LAVFOR.COM/2013 del 19 novembre 2015; l'articolo 2, comma 21, della legge regionale 6 agosto 2015, n. 20 (Assestamento del bilancio 2015 e del bilancio pluriennale per gli anni 2015-2017 ai sensi dell’articolo 34 della legge regionale 21/2007) ha disposto che le domande di contributo per la creazione di centri commerciali naturali e di centri in via di cui all'articolo 2, commi da 43 a 46, della legge regionale 11 agosto 2011, n. 11 (Assestamento del bilancio 2011), presentate nel corso degli esercizi finanziari 2013 e 2014 e non finanziate per carenza di fondi, sono finanziate con risorse relative all'esercizio finanziario 2015, con priorità per le domande che si riferiscono all'anno meno recente.